Milano Zucchero e Catrame, non ricordo più il colore del cielo

Dopo tre settimane da expat accuso il colpo: a parte la pioggia c'è anche altro, non sto vivendo

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Questo nostro grande amore de I Cani

Se non fossi tornato a Roma qualche giorno, forse starei rianimando il mio umore senza trovare soluzione. Ho un problema: non ricordo più il colore del cielo. Sono meteoropatico, umorale, lunatico e il sole mi aiuta a essere più equilibrato. Insomma, devo abituarmi in fretta alla mia nuova realtà di milanese. Ho capito che chi vive qui accoglie la pioggia come fosse un vecchio amico che si presenta a casa tua a sorpresa. Uno di quelli a cui vuoi bene, che accogli volentieri, ma poi non va più via, se ne approfitta, e anche se ogni mattina dice che sta per andare via, non lo fa mai. Si radica, svuota le valigie, occupa il bagno, diventa parte dell'arredamento. Forse esagero. Boh!

Più Popolare

A parte la pioggia, c'è anche altro: non sto vivendo. Da quando sono qui non faccio altro che andare ad appuntamenti di lavoro. Sarà che ho un arretrato con questa città da poter andare avanti così fino al 2020 - sarà il condizionamento ambientale da "fare tanto, fare sempre, fare ancora di più", che qui si respira ovunque, ma a fine giornata mi ritrovo con uno strano senso di colpa misto a un po' d'ansia, che mi porta a pensare che avrei potuto fare di più. Mi sento come quei drogati di lavoro dei film americani, quelli che fanno palate di soldi ma sono soli come cani e tornano a casa - ancora piena da scatoloni da svuotare - soltanto per tramortirsi d'alcol con il telefonino in mano. Ecco, io, di sicuro non sto facendo soldi a palate, bevo al massimo un bicchiere di rosso e onestamente ho sempre avuto un senso della socialità fin troppo spiccato. E allora, perché mi sento così?

Sono entrato nel trip che questa città me la devo meritare, come se avessi stipulato un contratto, come se dovessi dimostrare la mia intraprendenza.

Ci sto. Accetto il gioco.

Anche se piove. Non è una cazzata. Alla lunga è una prova anche questa.

Lo sapevo che dopo un paio di settimane, avrei iniziato ad accusare il colpo, ma non sono pentito, anzi. Adesso vivo a Milano e qui voglio restare.

Questa specie di diario mi aiuta e mi costringe a non dirmi bugie, che è già un passo avanti. Anche se c'è questa pioggia, che non molla.

Il punto è che devo iniziare a fare vita sociale! Non è che non esco, lo faccio, ma non con quella leggerezza che solitamente ho a Roma. Vedo sempre un opportunità laterale per non smettere di pensare, mentre dovrei semplicemente spegnermi e godermela, la vita.

Comunque, la mia casa è ancora vuota in base ai miei standard di "accumulatore seriale" e di "sepolto in casa", ma ho tutto quello che serve per sopravvivere. Ho (quasi) imparato a gestire la raccolta differenziata, il barista inizia a salutarmi (non per nome ma guardando i suoi occhi, percepisco che sto diventando per lui uno che arriva almeno una volta al giorno e questo un po' mi conforta) e diventeremo presto amici. Quindi non ho scuse, inizierò a respirare un po' di più e a smettere di vivere come se fossi il presidente di una multinazionale del tabacco. L'impegno categorico per la prossima settimana è "sgonfiarmi" e iniziare a volare sopra la pioggia.

P. S. Sotto l'ufficio di due cari amici il cornetto semplice lo chiamano "MAGRO". Sotto da me, "vuoto". Forse comincio a capire qualcosa.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

P.s. Se vi va, commentate qui su Facebook, vi aspetto.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?