Milano Zucchero e Catrame, non ricordo più il colore del cielo

Dopo tre settimane da expat accuso il colpo: a parte la pioggia c'è anche altro, non sto vivendo

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Questo nostro grande amore de I Cani

Se non fossi tornato a Roma qualche giorno, forse starei rianimando il mio umore senza trovare soluzione. Ho un problema: non ricordo più il colore del cielo. Sono meteoropatico, umorale, lunatico e il sole mi aiuta a essere più equilibrato. Insomma, devo abituarmi in fretta alla mia nuova realtà di milanese. Ho capito che chi vive qui accoglie la pioggia come fosse un vecchio amico che si presenta a casa tua a sorpresa. Uno di quelli a cui vuoi bene, che accogli volentieri, ma poi non va più via, se ne approfitta, e anche se ogni mattina dice che sta per andare via, non lo fa mai. Si radica, svuota le valigie, occupa il bagno, diventa parte dell'arredamento. Forse esagero. Boh!

Più Popolare

A parte la pioggia, c'è anche altro: non sto vivendo. Da quando sono qui non faccio altro che andare ad appuntamenti di lavoro. Sarà che ho un arretrato con questa città da poter andare avanti così fino al 2020 - sarà il condizionamento ambientale da "fare tanto, fare sempre, fare ancora di più", che qui si respira ovunque, ma a fine giornata mi ritrovo con uno strano senso di colpa misto a un po' d'ansia, che mi porta a pensare che avrei potuto fare di più. Mi sento come quei drogati di lavoro dei film americani, quelli che fanno palate di soldi ma sono soli come cani e tornano a casa - ancora piena da scatoloni da svuotare - soltanto per tramortirsi d'alcol con il telefonino in mano. Ecco, io, di sicuro non sto facendo soldi a palate, bevo al massimo un bicchiere di rosso e onestamente ho sempre avuto un senso della socialità fin troppo spiccato. E allora, perché mi sento così?

Sono entrato nel trip che questa città me la devo meritare, come se avessi stipulato un contratto, come se dovessi dimostrare la mia intraprendenza.

Ci sto. Accetto il gioco.

Anche se piove. Non è una cazzata. Alla lunga è una prova anche questa.

Lo sapevo che dopo un paio di settimane, avrei iniziato ad accusare il colpo, ma non sono pentito, anzi. Adesso vivo a Milano e qui voglio restare.

Questa specie di diario mi aiuta e mi costringe a non dirmi bugie, che è già un passo avanti. Anche se c'è questa pioggia, che non molla.

Il punto è che devo iniziare a fare vita sociale! Non è che non esco, lo faccio, ma non con quella leggerezza che solitamente ho a Roma. Vedo sempre un opportunità laterale per non smettere di pensare, mentre dovrei semplicemente spegnermi e godermela, la vita.

Comunque, la mia casa è ancora vuota in base ai miei standard di "accumulatore seriale" e di "sepolto in casa", ma ho tutto quello che serve per sopravvivere. Ho (quasi) imparato a gestire la raccolta differenziata, il barista inizia a salutarmi (non per nome ma guardando i suoi occhi, percepisco che sto diventando per lui uno che arriva almeno una volta al giorno e questo un po' mi conforta) e diventeremo presto amici. Quindi non ho scuse, inizierò a respirare un po' di più e a smettere di vivere come se fossi il presidente di una multinazionale del tabacco. L'impegno categorico per la prossima settimana è "sgonfiarmi" e iniziare a volare sopra la pioggia.

P. S. Sotto l'ufficio di due cari amici il cornetto semplice lo chiamano "MAGRO". Sotto da me, "vuoto". Forse comincio a capire qualcosa.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

P.s. Se vi va, commentate qui su Facebook, vi aspetto.

More from Gioia!:
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!
Firme
CONDIVIDI
Buon compleanno Gioia! 80 anni e non sentirli
Viaggio sentimentale nella vita delle italiane: abbiamo raccontato la storia del nostro giornale intrecciandola con quella del Paese