Milano Zucchero e Catrame, tutto l'amore del mondo

Non so se capita anche a voi, quando vi trovate in una città che non conoscete, di svegliarvi la mattina presto pronti a tutto: ecco, io da quando vivo a Milano, mi sento così. E mi diverto a fare l'esploratore caricato a molla, e scopro cose meravigliose

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: On Hold, The xx

Non so se capita anche a voi, quando vi trovate in una città che non conoscete, di svegliarvi la mattina presto pronti a tutto. Aprite gli occhi, senza accusare il colpo, e lucidi come un paio di scarpe nuove siete già pronti a uscire e vivere. Ecco, io da quando vivo a Milano, mi sento così. Zero stanchezza, niente pigrizia - che solitamente mi avvolge come una sciarpa - nessuna maledizione nei confronti di chi mi costringe a fare di tutto contro la mia volontà. Quand'è che finirà? Quand'è che accetterò il fatto che anche questa città è parte della mia vita? Non lo so. Quando accadrà, però, ve lo farò sapere. Di sicuro adesso mi diverto a fare l'esploratore caricato a molla.

Più Popolare

Qui, qui a Milano, l'aria in questi giorni è freddina, il cielo è nuvoloso (ma ogni tanto un po' di luce passa), la strada mi parla. Quella che vedete nella foto è una scritta che ho trovato a un minuto a piedi dal mio portone. Una bella scritta.

Iniziare la giornata così non è male. Accetto la proposta - la forza DEVE essere con me - e accompagno il mio amico Thomas a prendere una macchina di quelle in car sharing che lo porterà alla stazione. È stato il mio primo ospite, il primo a cui dimostrare che questa scelta di trasferirmi qui è una cosa seria. Ieri sera è stato emozionante trasformarmi in un minuscolo Cicerone e fargli notare qualche dettaglio di Milano, una manciata di somiglianze con Roma, un paio di differenze, le tante novità. Giù il mio vicino di casa è il ministro Dario Franceschini, qui l'ex campione di pallavolo Andrea Zorzi. Meglio adesso, ovvio. Al bar sotto casa intanto ho scoperto che il cornetto semplice può essere non solo "vuoto", ma anche NEUTRO. Particolare che alimenta morbosamente la mia curiosità sull'uso delle parole, soprattutto dopo la scoperta che qui un normale cappuccino è un "cappuccio liscio". Perché?

Advertisement - Continue Reading Below

Continuando a perlustrare la "mia" zona, mercoledì ho scoperto una vetrina speciale. L'avevo già notata il primo giorno da milanese e siccome sono convinto che ci siano luoghi capaci di attirare l'attenzione fino a quando non si accetta in qualche modo di conoscerli, ho ceduto e sono andato. È in Via Grasselli 4 e dopo essere entrato mi sono accorto di essere dentro il più piccolo negozio di libri mai visto in vita mia. In realtà è una casa editrice, si chiama "ABEditore", e a lavorarci sono in tre: due ragazzi e una ragazza. Gentilissimi. Li ho trovati che riempivano pacchi da spedire, immagino, con libri minuscoli (che ho comprato).

Advertisement - Continue Reading Below

Nonostante provi sempre un imbarazzo inspiegabile a parlare con commessi e titolari, loro mi hanno messo subito a mio agio, così mi sono sentito nella condizione di fare almeno una domanda.

«Scusate, dove sono? Voi, chi siete? Che cosa fate qui?».

La risposta è stata meravigliosa, la meno milanese di Milano per come conosco io Milano.

«Siamo editori. Artigiani. Pessimi commercianti».

Più Popolare

In questa frase c'è tutto l'amore del mondo. Per i libri.

Da Milano è tutto (per adesso).

A voi mondo.

Alla prossima.

P.s. Se vi va, nei commenti su Facebook, scrivetemi i vostri luoghi preferiti di Milano che avete voglia di condividere con me. Sono già pronto ad andare e farvi sapere.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo