Milano Zucchero e Catrame, tutto l'amore del mondo

Non so se capita anche a voi, quando vi trovate in una città che non conoscete, di svegliarvi la mattina presto pronti a tutto: ecco, io da quando vivo a Milano, mi sento così. E mi diverto a fare l'esploratore caricato a molla, e scopro cose meravigliose

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: On Hold, The xx

Non so se capita anche a voi, quando vi trovate in una città che non conoscete, di svegliarvi la mattina presto pronti a tutto. Aprite gli occhi, senza accusare il colpo, e lucidi come un paio di scarpe nuove siete già pronti a uscire e vivere. Ecco, io da quando vivo a Milano, mi sento così. Zero stanchezza, niente pigrizia - che solitamente mi avvolge come una sciarpa - nessuna maledizione nei confronti di chi mi costringe a fare di tutto contro la mia volontà. Quand'è che finirà? Quand'è che accetterò il fatto che anche questa città è parte della mia vita? Non lo so. Quando accadrà, però, ve lo farò sapere. Di sicuro adesso mi diverto a fare l'esploratore caricato a molla.

Più Popolare

Qui, qui a Milano, l'aria in questi giorni è freddina, il cielo è nuvoloso (ma ogni tanto un po' di luce passa), la strada mi parla. Quella che vedete nella foto è una scritta che ho trovato a un minuto a piedi dal mio portone. Una bella scritta.

Iniziare la giornata così non è male. Accetto la proposta - la forza DEVE essere con me - e accompagno il mio amico Thomas a prendere una macchina di quelle in car sharing che lo porterà alla stazione. È stato il mio primo ospite, il primo a cui dimostrare che questa scelta di trasferirmi qui è una cosa seria. Ieri sera è stato emozionante trasformarmi in un minuscolo Cicerone e fargli notare qualche dettaglio di Milano, una manciata di somiglianze con Roma, un paio di differenze, le tante novità. Giù il mio vicino di casa è il ministro Dario Franceschini, qui l'ex campione di pallavolo Andrea Zorzi. Meglio adesso, ovvio. Al bar sotto casa intanto ho scoperto che il cornetto semplice può essere non solo "vuoto", ma anche NEUTRO. Particolare che alimenta morbosamente la mia curiosità sull'uso delle parole, soprattutto dopo la scoperta che qui un normale cappuccino è un "cappuccio liscio". Perché?

Advertisement - Continue Reading Below

Continuando a perlustrare la "mia" zona, mercoledì ho scoperto una vetrina speciale. L'avevo già notata il primo giorno da milanese e siccome sono convinto che ci siano luoghi capaci di attirare l'attenzione fino a quando non si accetta in qualche modo di conoscerli, ho ceduto e sono andato. È in Via Grasselli 4 e dopo essere entrato mi sono accorto di essere dentro il più piccolo negozio di libri mai visto in vita mia. In realtà è una casa editrice, si chiama "ABEditore", e a lavorarci sono in tre: due ragazzi e una ragazza. Gentilissimi. Li ho trovati che riempivano pacchi da spedire, immagino, con libri minuscoli (che ho comprato).

Advertisement - Continue Reading Below

Nonostante provi sempre un imbarazzo inspiegabile a parlare con commessi e titolari, loro mi hanno messo subito a mio agio, così mi sono sentito nella condizione di fare almeno una domanda.

«Scusate, dove sono? Voi, chi siete? Che cosa fate qui?».

La risposta è stata meravigliosa, la meno milanese di Milano per come conosco io Milano.

«Siamo editori. Artigiani. Pessimi commercianti».

Più Popolare

In questa frase c'è tutto l'amore del mondo. Per i libri.

Da Milano è tutto (per adesso).

A voi mondo.

Alla prossima.

P.s. Se vi va, nei commenti su Facebook, scrivetemi i vostri luoghi preferiti di Milano che avete voglia di condividere con me. Sono già pronto ad andare e farvi sapere.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando