Milano Zucchero e Catrame, le prime cose che ho capito

Quando qualcuno decide di andare a vivere in un'altra città lo fa anche per le piccole cose. Succede solo a me?

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Agnes dei Glass Animals.

Cose che ho capito durante questa mia seconda settimana a Milano:

  • La raccolta differenziata dei rifiuti una cosa seria: c'è chi controlla e chi ti punisce se fai sciocchezze. Benvenuto nel mondo degli adulti.
  • Ho scoperto che il concetto di "distanze" a Milano è decisamente diverso da quello di Roma. Ciò che qui è "lontanissimo" per me è sempre stato "sotto casa".
  • Il cornetto, anzi brioche, non è "semplice", ma "vuota". Sento che questa differenza fra un po' di tempo mi farà capire tante altre cose.
  • Le bici fighe (oddio, già uso la "g" al posto della "c"...) le rubano tanto quanto a Roma. Forse anche di più.
  • C'è il tramonto. A volte.
  • "Se prega de rump i ball el men pusibil" l'ho visto su una targa appesa al muro nel laboratorio di Stefano Puzzo, a via Guerzoni, che realizza opere in ceramica meravigliose. Dovrebbe essere obbligatoria in tutte le città.
Più Popolare

Bene. Ci sono. Non ho dubbi. Sto per fare qualcosa che da romano ormai adulto non avrei mai pensato di compiere. Prendo il tram. Il mio primo tram. A Roma una volta erano ovunque, e tutti o quasi li usavano, ma ero troppo piccolo. Oggi tocca a me. A Milano.

Il 9 si ferma, io salgo, mostro il biglietto comprato con il telefono e parto. BOOM!

Mi guardo intorno e provo un sottile e inedito piacere. Quello delle cose semplici, facili, potenti. Quando qualcuno decide di andare a vivere in un'altra città lo fa anche per queste piccole cose. Succede solo a me?

Accanto a me due ragazzi ascoltano musica dividendosi la cuffietta, una signora seduta si perde a guardare fuori le macchine che ci "accompagnano", e tanti uomini incravattati con zainetto e telefono in mano impegnati a parlare, scrivere e twittare come nei film in cui i manager comprano e vendono anche l'anima. Potrei essere a San Francisco e invece sono a Via Monte Nero.

Advertisement - Continue Reading Below

Quand'è che mi sentirò anche io parte di questa "scenografia"?

Per ora ho voglia di correre, viaggiare e rubare - come molti di voi mi hanno consigliato - tempo al tempo. Così, per perdermi. A Roma non lo farei mai, mi sentirei uno scemo. Qui è diverso, ricomincio a guardare in alto, a leggere i nomi delle vie e dei ristoranti, a scoprire ville e parchi, a prendere metro e tram, a camminare, andare a fare un giro in bici e poi da capo.

Il mio amico Alessandro pensa che l'unico modo che esiste per fare il figo con le donne è di dimostrare di tenere una città in pugno.

Mi spiego: l'uomo che sa dove parcheggiare, mangiare, divertirsi o nascondersi, ma anche dove andare in palestra, comprare vestiti vintage e sentire musica dal vivo, è un uomo incredibilmente raro. Io questa abilità non l'ho mai avuta. Troppo distratto.

Ma poi, succede, che giri l'angolo per tornare a casa e trovi una piccola casetta di ferro.

Mi avvicino, sembra una gabbia per pappagalli, invece è " soltanto" piena di libri.

È un "book crossing"(c'è anche una pagina FB). Prendi un libro e ne lasci un altro, così, per la comunità. Ne sento parlare da anni, ma non l'avevo mai vista prima.

Ecco la mia prima azione "importante" da neo residente a Milano: torno a casa, prendo L'amore dura tre anni di Frederic Breigbeder e corro a scambiarlo con un classicone, mai letto, come I Pilastri della terra di Ken Follett. Alé! Sono soddisfatto. Inizio a partecipare anche io.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo