Terremoto Centro Italia, se il Paese riuscisse a non crollare

Il terremoto colpisce ancora in Centro Italia e la gente ha più paura di prima: però il rispetto delle regole antisismiche proteggerebbe gli edifici e chi ci abita

Il dramma del nuovo terremoto è che oltre alle case sono crollate le persone.  Fra gli sfollati di Norcia, Visso, Ussita, Santangelo sul Nera e Camerino (nella foto, nonna e nipotino rifugiati in palestra) c'è lo sgomento della stanchezza. Molti degli scampati, ancora sconvolti per le scosse delle settimane e dei mesi scorsi, non hanno più voglia di sfidare il destino. Ecco perché il nemico più insidioso, fra questi borghi meravigliosi dell'Appennino, non è il disagio di adesso. È la paura di domani. 

Advertisement - Continue Reading Below

D'altra parte i sismologi lo confermano: quest'ultimo terremoto è non solo figlio di quello di Amatrice, ma nipote di quello dell'Aquila e di Colfiorito. Un pezzo di crosta terrestre lungo 18 chilometri, largo 10 e profondo 9 è sprofondato di circa mezzo metro, rompendo faglie e mettendo in moto scivolamenti spaventosi. Seguiranno sciami sismici difficili da prevedere, e con loro incubi e notti all'addiaccio. La terra trema ancora e nessuno sa per quanto. 

Più Popolare

Che la dorsale appenninica sia a forte rischio sismico lo sappiamo da tempo. Ma stavolta ogni minuto è perso: per recuperare alla vita e al turismo una delle zone più belle d'Italia bisogna adeguare immediatamente gli edifici danneggiati e quelli ancora a rischio. La gente si è salvata soprattutto perché nei paesi colpiti adesso ci sono più case costruite o ristrutturate seguendo le regole antisismiche. Che esistono e si possono applicare anche a edifici antichi. Ma hanno un costo. 

Serviranno molti miliardi per riparare i danni e ricostruire in sicurezza. Servirà forse sforare il deficit. È uno sforzo possibile se ci sarà sufficiente pressione dell'opinione pubblica e adeguata informazione da parte dei giornalisti. Con il rispetto delle regole e il rammendo certosino di case e monumenti, al sisma si può mettere il guinzaglio. Lo hanno fatto in California e Giappone, possiamo farlo pure noi.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda