Terremoto Centro Italia, se il Paese riuscisse a non crollare

Il terremoto colpisce ancora in Centro Italia e la gente ha più paura di prima: però il rispetto delle regole antisismiche proteggerebbe gli edifici e chi ci abita

Il dramma del nuovo terremoto è che oltre alle case sono crollate le persone.  Fra gli sfollati di Norcia, Visso, Ussita, Santangelo sul Nera e Camerino (nella foto, nonna e nipotino rifugiati in palestra) c'è lo sgomento della stanchezza. Molti degli scampati, ancora sconvolti per le scosse delle settimane e dei mesi scorsi, non hanno più voglia di sfidare il destino. Ecco perché il nemico più insidioso, fra questi borghi meravigliosi dell'Appennino, non è il disagio di adesso. È la paura di domani. 

Advertisement - Continue Reading Below

D'altra parte i sismologi lo confermano: quest'ultimo terremoto è non solo figlio di quello di Amatrice, ma nipote di quello dell'Aquila e di Colfiorito. Un pezzo di crosta terrestre lungo 18 chilometri, largo 10 e profondo 9 è sprofondato di circa mezzo metro, rompendo faglie e mettendo in moto scivolamenti spaventosi. Seguiranno sciami sismici difficili da prevedere, e con loro incubi e notti all'addiaccio. La terra trema ancora e nessuno sa per quanto. 

Più Popolare

Che la dorsale appenninica sia a forte rischio sismico lo sappiamo da tempo. Ma stavolta ogni minuto è perso: per recuperare alla vita e al turismo una delle zone più belle d'Italia bisogna adeguare immediatamente gli edifici danneggiati e quelli ancora a rischio. La gente si è salvata soprattutto perché nei paesi colpiti adesso ci sono più case costruite o ristrutturate seguendo le regole antisismiche. Che esistono e si possono applicare anche a edifici antichi. Ma hanno un costo. 

Serviranno molti miliardi per riparare i danni e ricostruire in sicurezza. Servirà forse sforare il deficit. È uno sforzo possibile se ci sarà sufficiente pressione dell'opinione pubblica e adeguata informazione da parte dei giornalisti. Con il rispetto delle regole e il rammendo certosino di case e monumenti, al sisma si può mettere il guinzaglio. Lo hanno fatto in California e Giappone, possiamo farlo pure noi.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se l'autore è donna, cambia tutto
Philip Roth che parla della sua prostata è un artista, ma Nora Ephron che scrive un libro sul suo divorzio è priva di fantasia
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente