Terremoto Centro Italia, se il Paese riuscisse a non crollare

Il terremoto colpisce ancora in Centro Italia e la gente ha più paura di prima: però il rispetto delle regole antisismiche proteggerebbe gli edifici e chi ci abita

Il dramma del nuovo terremoto è che oltre alle case sono crollate le persone.  Fra gli sfollati di Norcia, Visso, Ussita, Santangelo sul Nera e Camerino (nella foto, nonna e nipotino rifugiati in palestra) c'è lo sgomento della stanchezza. Molti degli scampati, ancora sconvolti per le scosse delle settimane e dei mesi scorsi, non hanno più voglia di sfidare il destino. Ecco perché il nemico più insidioso, fra questi borghi meravigliosi dell'Appennino, non è il disagio di adesso. È la paura di domani. 

Advertisement - Continue Reading Below

D'altra parte i sismologi lo confermano: quest'ultimo terremoto è non solo figlio di quello di Amatrice, ma nipote di quello dell'Aquila e di Colfiorito. Un pezzo di crosta terrestre lungo 18 chilometri, largo 10 e profondo 9 è sprofondato di circa mezzo metro, rompendo faglie e mettendo in moto scivolamenti spaventosi. Seguiranno sciami sismici difficili da prevedere, e con loro incubi e notti all'addiaccio. La terra trema ancora e nessuno sa per quanto. 

Più Popolare

Che la dorsale appenninica sia a forte rischio sismico lo sappiamo da tempo. Ma stavolta ogni minuto è perso: per recuperare alla vita e al turismo una delle zone più belle d'Italia bisogna adeguare immediatamente gli edifici danneggiati e quelli ancora a rischio. La gente si è salvata soprattutto perché nei paesi colpiti adesso ci sono più case costruite o ristrutturate seguendo le regole antisismiche. Che esistono e si possono applicare anche a edifici antichi. Ma hanno un costo. 

Serviranno molti miliardi per riparare i danni e ricostruire in sicurezza. Servirà forse sforare il deficit. È uno sforzo possibile se ci sarà sufficiente pressione dell'opinione pubblica e adeguata informazione da parte dei giornalisti. Con il rispetto delle regole e il rammendo certosino di case e monumenti, al sisma si può mettere il guinzaglio. Lo hanno fatto in California e Giappone, possiamo farlo pure noi.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna