Pedofili: non ce ne è uno che si sia pentito

Non uno che abbia collaborato con la giustizia, continuano a fare gli orchi nell'indifferenza generale

Più Popolare

Se Dante Alighieri fosse ancora vivo,dovrebbe aggiungere un nuovo girone nel suo Inferno, il più vicino alla bocca della Terra, il più lontano dalla luce
e da Dio, quello degli orchi che mangiano i bambini. Bisogna avere
un tipo molto speciale di crudeltà, un'indole scarnificata da ogni umanità per fare del male a chi non sa difendersi. La loro spietatezza ha un'aggravante: quasi sempre restano impuniti. Perché il loro crimine non lascia sangue, le vittime non muoiono – fisicamente. Gli orchi che mangiano i bambini agiscono indisturbati in mezzo agli altri, a volte sembrano persone perbene. Sono tra noi, come noi. Per questo nessuno li prende.

Advertisement - Continue Reading Below

Davanti a certi orchi non c'è difesa alcuna

È che nessuno sa che sono orchi,a parte i bambini. Ma lo capiscono quando ormai è troppo tardi. Dopo che li hanno lasciati entrare, fidandosi delle promesse e dei modi gentili, incapaci di discernere il bene dal male, incapaci soprattutto di reagire. Dopo,
è così tardi che non dicono più a nessuno chi sono. E cosa hanno fatto. Ci sono orchi che sono orchi veri, senza maschere; davanti
a quelli non c'è difesa alcuna, puoi solo farti prendere e mangiare, far finta che vada tutto bene e continuare a vivere, come se fosse normale. I bambini mangiati dagli orchi - come la piccola Fortuna Loffredo - sono come piante senza sole. Il loro cuore è un bulbo secco in cui sta chiuso un segreto. La pianta cresce, non si sa come e quel bulbo diventa un sasso, una cosa dura al centro del petto da cui possono nascere spine
con cui far male agli altri, a propria volta, oppure calamite che
ti trascinano a fondo. 

Più Popolare

Una rete internazionale con 45.000 affiliati

Si può diventare adulti con queste pietre nel cuore, senza scoprirle mai. Oppure ritrovarle all'improvviso ed esserne schiacciati. Abbiamo raccolto in questo numero le storie terribili di uomini e donne vittime di pedofilia che hanno ritrovato da grandi la matassa di abusi subiti nell'infanzia e hanno avuto il coraggio di riprenderla in mano e di sbrogliarla, per ricominciare a vivere. Le raccontiamo nei giorni in cui la polizia postale ha sgominato una rete internazionale di pedofili e quasi nessuno
ne ha parlato. 45.000 affiliati provenienti da cinque continenti, 420.000 post scambiati nel deep Web, tre anni di indagini,
sette arresti, decine e decine di bambini abusati. Un mondo sommerso portato alla luce, nell'indifferenza generale. La stessa alzata nei confronti dei minori stranieri non accompagnati che arrivano sulle nostre coste e scompaiono, fagocitati da gruppi criminali che li usano come giocattoli, violati nei luoghi che avrebbero dovuto metterli in salvo. Orrori indicibili di cui non sapremo mai niente. Perché non c'è un solo pedofilo che si sia pentito. Non uno che abbia collaborato con la giustizia. Continuano a fare gli orchi nel silenzio, mentre la vita va avanti.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia