Renzi, il nuovo alleato di Obama

Il premier ha incassato l'appoggio del presidente degli Stati Uniti sul referendum perché la Casa Bianca teme l'isolamento Usa e l'ascesa dei populisti in Europa

Barack Obama e Matteo Renzi. Due leader che s'incontrano alla Casa Bianca in momenti opposti della loro parabola politica. Il presidente Usa è al termine del secondo mandato e progetta un futuro da ricco avvocato e conferenziere. È entrato giovane nello Studio ovale e ne è uscito dopo otto anni con i capelli bianchi e lo sguardo indurito. 

Il nostro premier, invece, è alla vigilia del voto più importante della sua carriera politica: il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Si gioca tutto: poltrona, carisma, futuro. Se vince il , piega le opposizioni e raddoppia la posta puntando alle elezioni anticipate. Se vince il no, dovrà con ogni probabilità dimettersi da presidente del Consiglio. I sondaggi oggi lo danno in svantaggio. Ed ecco che, in un viaggio a Washington pianificato da tempo, gli arriva la mano tesa dell'uomo più potente (ancora per poco) del mondo: Obama invita gli italiani
a votare sì al referendum e si augura, se vince il no, che Renzi resti a Palazzo Chigi

Advertisement - Continue Reading Below

Cosa lo spinge a spendersi così generosamente?
Il timore della debolezza dell'Europa, mai così sfilacciata e priva di leadership come adesso. L'ascesa delle forze anti-sistema e populiste preoccupa Washington, così come il consenso in America per Donald Trump.
Che magari non vincerà le elezioni, ma ha con sé una fetta larga di elettori e gioca sulle paure del ceto medio impoverito. 

La Casa Bianca teme l'isolamento Usa e cerca alleati in Europa. E visto che Hollande è al minimo dei consensi e la Merkel rischia una sconfitta alle prossime elezioni, Obama prova con Renzi a puntellare le relazioni con uno dei pochi leader europeisti rimasti. Chiedendogli magari di schierare anche qualche soldato in più sui fronti di guerra, dalla Libia all'Iraq.

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award