Renzi, il nuovo alleato di Obama

Il premier ha incassato l'appoggio del presidente degli Stati Uniti sul referendum perché la Casa Bianca teme l'isolamento Usa e l'ascesa dei populisti in Europa

Barack Obama e Matteo Renzi. Due leader che s'incontrano alla Casa Bianca in momenti opposti della loro parabola politica. Il presidente Usa è al termine del secondo mandato e progetta un futuro da ricco avvocato e conferenziere. È entrato giovane nello Studio ovale e ne è uscito dopo otto anni con i capelli bianchi e lo sguardo indurito. 

Il nostro premier, invece, è alla vigilia del voto più importante della sua carriera politica: il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Si gioca tutto: poltrona, carisma, futuro. Se vince il , piega le opposizioni e raddoppia la posta puntando alle elezioni anticipate. Se vince il no, dovrà con ogni probabilità dimettersi da presidente del Consiglio. I sondaggi oggi lo danno in svantaggio. Ed ecco che, in un viaggio a Washington pianificato da tempo, gli arriva la mano tesa dell'uomo più potente (ancora per poco) del mondo: Obama invita gli italiani
a votare sì al referendum e si augura, se vince il no, che Renzi resti a Palazzo Chigi

Advertisement - Continue Reading Below

Cosa lo spinge a spendersi così generosamente?
Il timore della debolezza dell'Europa, mai così sfilacciata e priva di leadership come adesso. L'ascesa delle forze anti-sistema e populiste preoccupa Washington, così come il consenso in America per Donald Trump.
Che magari non vincerà le elezioni, ma ha con sé una fetta larga di elettori e gioca sulle paure del ceto medio impoverito. 

La Casa Bianca teme l'isolamento Usa e cerca alleati in Europa. E visto che Hollande è al minimo dei consensi e la Merkel rischia una sconfitta alle prossime elezioni, Obama prova con Renzi a puntellare le relazioni con uno dei pochi leader europeisti rimasti. Chiedendogli magari di schierare anche qualche soldato in più sui fronti di guerra, dalla Libia all'Iraq.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
donald-trump-accordo-clima
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump, non distruggiamo il pianeta!
Come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Sfilarsi dagli accordi di Parigi significa rifiutare il futuro