La moda e il cinema hanno a che fare con i sogni

Non mi stancherei mai di parlare di fashion e film: i grandi stilisti e registi sono dei visionari, inventano storie, creano creature e mondi che prima non c'erano e ci fanno essere ciò che vorremmo

Più Popolare

Sono due le cose di cui non mi stancherei mai di parlare: la moda e il cinema. E a pensarci bene, un motivo c'è: entrambi hanno a che fare con i sogni. Inventano storie, creano creature e mondi che prima non c'erano, ci fanno essere ciò che vorremmo. Eroine, femme fatale, maschiacce strepitose come la Jeanne Moreau
di Jules e Jim o la Diane Keaton di Io e Annie. Potrei passare pomeriggi interi a ricordare spezzoni di film e ore a chiacchierare con le amiche di vestiti, di scarpe, di borse
Adoro i biopic sui grandi «visionari» che hanno reinventato la storia del costume, accompagnato e rivoluzionato la vita delle donne partendo da una matita e un metro
da sarta: Coco Chanel, Yves Saint Laurent, Dior, Valentino

Advertisement - Continue Reading Below

Le grandi storie sulla moda e del cinema

Ma più di tutto mi piace ascoltare. Le storie sulla moda, come quelle sul cinema sono magnifiche.
Mai che si trovi uno normale (senza offesa…). È questo il bello: tutti gli spazi di libera
e sfrenata creatività sono zone franche dove le regole funzionano al contrario, e rompere, sporcare, esagerare, scandalizzare, non sono difetti ma qualità. Chi non ha il coraggio
di infrangere le regole, escogitare un linguaggio tutto suo, creare disordine non può
fare la moda né il cinema né l'arte. Non è un caso che i grandi creativi siano talenti eclettici e irrequieti, capaci di declinare il proprio estro in tanti ambiti diversi.

Più Popolare

Tom Ford, stilista e regista da Oscar

Uno è Tom Ford, stilista squisito e raffinato, che dopo 7 anni dal suo sorprendente esordio alla regia (vi ricordate, era il 2009 e A single man stregava
il festival di Venezia facendo conquistare al protagonista Colin Firth la coppa Volpi e poi una nomination all'Oscar), è tornato dietro la macchina da presa, per ri-stregare la Laguna con un nuovo film e aggiudicarsi il Leone d'argento (nel caso a qualcuno fosse venuto il dubbio
che quel debutto strepitoso fosse solo una botta di fortuna…). Tom Ford è il compagno  di classe per cui quasi tutte, anche senza volere, ci siamo prese una cotta al liceo. Quello che anche a rimuginarci su due giorni non si riusciva a trovargli un difetto: bravo, gentile, amato dai prof, zero secchione e grandissimo fico. Ora, non so come mister Ford se la cavasse davvero sui libri, ma tutto quello che ha fatto "da grande" è stato contrassegnato dal successo: ha rilanciato il marchio Gucci in tempi bui, dato il suo imprinting a Saint Laurent, creato pezzi che sono ancora un cult.  Poi ha amato un uomo. Lo stesso uomo per trent'anni. Mostrandolo al suo fianco in tempi in cui non era così facile parlare di coppie e di diritti gay. È che se uno è nato per "ripensare il sistema", qualsiasi sistema, in genere comincia da se stesso. 

La mostra di Antonio Marras alla Triennale di Milano

Poi c'è Antonio Marras, che chi lo conosce dice che nella vita poteva fare tutto: pittore, scrittore, musicista… Che si sia messo a disegnare vestiti è quasi un caso (nella foto d'apertura, una sua sfilata). Aveva tutta questa roba dentro da esprimere e gli è venuta fuori così. Ora però si concede il lusso di esporre una mostra di opere in Triennale, a Milano. Uno dei grandi protagonisti della moda, con belle storie da raccontare. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando