La moda e il cinema hanno a che fare con i sogni

Non mi stancherei mai di parlare di fashion e film: i grandi stilisti e registi sono dei visionari, inventano storie, creano creature e mondi che prima non c'erano e ci fanno essere ciò che vorremmo

Più Popolare

Sono due le cose di cui non mi stancherei mai di parlare: la moda e il cinema. E a pensarci bene, un motivo c'è: entrambi hanno a che fare con i sogni. Inventano storie, creano creature e mondi che prima non c'erano, ci fanno essere ciò che vorremmo. Eroine, femme fatale, maschiacce strepitose come la Jeanne Moreau
di Jules e Jim o la Diane Keaton di Io e Annie. Potrei passare pomeriggi interi a ricordare spezzoni di film e ore a chiacchierare con le amiche di vestiti, di scarpe, di borse
Adoro i biopic sui grandi «visionari» che hanno reinventato la storia del costume, accompagnato e rivoluzionato la vita delle donne partendo da una matita e un metro
da sarta: Coco Chanel, Yves Saint Laurent, Dior, Valentino

Advertisement - Continue Reading Below

Le grandi storie sulla moda e del cinema

Ma più di tutto mi piace ascoltare. Le storie sulla moda, come quelle sul cinema sono magnifiche.
Mai che si trovi uno normale (senza offesa…). È questo il bello: tutti gli spazi di libera
e sfrenata creatività sono zone franche dove le regole funzionano al contrario, e rompere, sporcare, esagerare, scandalizzare, non sono difetti ma qualità. Chi non ha il coraggio
di infrangere le regole, escogitare un linguaggio tutto suo, creare disordine non può
fare la moda né il cinema né l'arte. Non è un caso che i grandi creativi siano talenti eclettici e irrequieti, capaci di declinare il proprio estro in tanti ambiti diversi.

Più Popolare

Tom Ford, stilista e regista da Oscar

Uno è Tom Ford, stilista squisito e raffinato, che dopo 7 anni dal suo sorprendente esordio alla regia (vi ricordate, era il 2009 e A single man stregava
il festival di Venezia facendo conquistare al protagonista Colin Firth la coppa Volpi e poi una nomination all'Oscar), è tornato dietro la macchina da presa, per ri-stregare la Laguna con un nuovo film e aggiudicarsi il Leone d'argento (nel caso a qualcuno fosse venuto il dubbio
che quel debutto strepitoso fosse solo una botta di fortuna…). Tom Ford è il compagno  di classe per cui quasi tutte, anche senza volere, ci siamo prese una cotta al liceo. Quello che anche a rimuginarci su due giorni non si riusciva a trovargli un difetto: bravo, gentile, amato dai prof, zero secchione e grandissimo fico. Ora, non so come mister Ford se la cavasse davvero sui libri, ma tutto quello che ha fatto "da grande" è stato contrassegnato dal successo: ha rilanciato il marchio Gucci in tempi bui, dato il suo imprinting a Saint Laurent, creato pezzi che sono ancora un cult.  Poi ha amato un uomo. Lo stesso uomo per trent'anni. Mostrandolo al suo fianco in tempi in cui non era così facile parlare di coppie e di diritti gay. È che se uno è nato per "ripensare il sistema", qualsiasi sistema, in genere comincia da se stesso. 

La mostra di Antonio Marras alla Triennale di Milano

Poi c'è Antonio Marras, che chi lo conosce dice che nella vita poteva fare tutto: pittore, scrittore, musicista… Che si sia messo a disegnare vestiti è quasi un caso (nella foto d'apertura, una sua sfilata). Aveva tutta questa roba dentro da esprimere e gli è venuta fuori così. Ora però si concede il lusso di esporre una mostra di opere in Triennale, a Milano. Uno dei grandi protagonisti della moda, con belle storie da raccontare. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo