La moda e il cinema hanno a che fare con i sogni

Non mi stancherei mai di parlare di fashion e film: i grandi stilisti e registi sono dei visionari, inventano storie, creano creature e mondi che prima non c'erano e ci fanno essere ciò che vorremmo

Più Popolare

Sono due le cose di cui non mi stancherei mai di parlare: la moda e il cinema. E a pensarci bene, un motivo c'è: entrambi hanno a che fare con i sogni. Inventano storie, creano creature e mondi che prima non c'erano, ci fanno essere ciò che vorremmo. Eroine, femme fatale, maschiacce strepitose come la Jeanne Moreau
di Jules e Jim o la Diane Keaton di Io e Annie. Potrei passare pomeriggi interi a ricordare spezzoni di film e ore a chiacchierare con le amiche di vestiti, di scarpe, di borse
Adoro i biopic sui grandi «visionari» che hanno reinventato la storia del costume, accompagnato e rivoluzionato la vita delle donne partendo da una matita e un metro
da sarta: Coco Chanel, Yves Saint Laurent, Dior, Valentino

Advertisement - Continue Reading Below

Le grandi storie sulla moda e del cinema

Ma più di tutto mi piace ascoltare. Le storie sulla moda, come quelle sul cinema sono magnifiche.
Mai che si trovi uno normale (senza offesa…). È questo il bello: tutti gli spazi di libera
e sfrenata creatività sono zone franche dove le regole funzionano al contrario, e rompere, sporcare, esagerare, scandalizzare, non sono difetti ma qualità. Chi non ha il coraggio
di infrangere le regole, escogitare un linguaggio tutto suo, creare disordine non può
fare la moda né il cinema né l'arte. Non è un caso che i grandi creativi siano talenti eclettici e irrequieti, capaci di declinare il proprio estro in tanti ambiti diversi.

Più Popolare

Tom Ford, stilista e regista da Oscar

Uno è Tom Ford, stilista squisito e raffinato, che dopo 7 anni dal suo sorprendente esordio alla regia (vi ricordate, era il 2009 e A single man stregava
il festival di Venezia facendo conquistare al protagonista Colin Firth la coppa Volpi e poi una nomination all'Oscar), è tornato dietro la macchina da presa, per ri-stregare la Laguna con un nuovo film e aggiudicarsi il Leone d'argento (nel caso a qualcuno fosse venuto il dubbio
che quel debutto strepitoso fosse solo una botta di fortuna…). Tom Ford è il compagno  di classe per cui quasi tutte, anche senza volere, ci siamo prese una cotta al liceo. Quello che anche a rimuginarci su due giorni non si riusciva a trovargli un difetto: bravo, gentile, amato dai prof, zero secchione e grandissimo fico. Ora, non so come mister Ford se la cavasse davvero sui libri, ma tutto quello che ha fatto "da grande" è stato contrassegnato dal successo: ha rilanciato il marchio Gucci in tempi bui, dato il suo imprinting a Saint Laurent, creato pezzi che sono ancora un cult.  Poi ha amato un uomo. Lo stesso uomo per trent'anni. Mostrandolo al suo fianco in tempi in cui non era così facile parlare di coppie e di diritti gay. È che se uno è nato per "ripensare il sistema", qualsiasi sistema, in genere comincia da se stesso. 

La mostra di Antonio Marras alla Triennale di Milano

Poi c'è Antonio Marras, che chi lo conosce dice che nella vita poteva fare tutto: pittore, scrittore, musicista… Che si sia messo a disegnare vestiti è quasi un caso (nella foto d'apertura, una sua sfilata). Aveva tutta questa roba dentro da esprimere e gli è venuta fuori così. Ora però si concede il lusso di esporre una mostra di opere in Triennale, a Milano. Uno dei grandi protagonisti della moda, con belle storie da raccontare. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se l'autore è donna, cambia tutto
Philip Roth che parla della sua prostata è un artista, ma Nora Ephron che scrive un libro sul suo divorzio è priva di fantasia
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente