Cara Shailene, fatti arrestare finché puoi

Lettera a Shailene Woodley: l'attrice di Divergent difende i Sioux e protesta contro la costruzione di un oleodotto, rischiando il carcere, ma poiché ha 24 anni è autorizzata alla rivolta

Più Popolare

Cara Shailene Woodley, esci gratis di prigione. Vestita come in un'immagine di repertorio, l'altra settimana ti sei fatta arrestare per violazione di proprietà privata a Bismarck, North Dakota, durante una protesta contro la costruzione di un oleodotto lungo quattro Stati che dovrebbe attraversare siti di rilevanza idrica e culturale per la tribù Sioux. Un gesto simbolico, in diretta su Facebook, per consentire a me e a quelle come me di familiarizzare con i concetti di oleodotto, giustizia ambientale, fotogenia sociale e nativi americani.

Advertisement - Continue Reading Below

Shailene Woodley, 24 anni, in versione attivista.

Più Popolare

Nel mio universo di riferimento, la ragazzotta paladina dei diritti altrui ha sempre avuto la faccia (e i capelli) di Barbra Streisand in Come eravamo, e il destino di Jo March di Piccole donne: tutte siamo state educate ad ambire all'identificazione – leggo libri, aiuto gente – ma tutte, prima o poi, abbiamo capito che saper perdere molto bene non è sufficiente. Per vincere bisogna sembrare lisce naturali e preoccuparsi prevalentemente della curva del proprio naso. Ma tu hai 24 anni: sei anagraficamente autorizzata alla rivolta. È come le coliche dei neonati, poi passa. Quello che fin qui mi era mancato era un modello comportamentale per il futuro. 

Crisis in six scenes è la serie tv che Woody Allen ha girato per Amazon, e che tu certo non avrai visto per ragioni ideologiche, ché Mia Farrow è la santa patrona delle ragazze complicate. È la storia di due coniugi anziani negli anni Sessanta che si trovano in casa una ragazzina ribelle latitante violatrice di domicilio (col vocione di Miley Cyrus). E siccome la gioventù affascina la vecchiaia – non serve essere Woody Allen per saperlo – decidono di aiutarla nella fuga verso Cuba, nonostante abbiano un'età in cui è più appropriato «interessarsi di protesi dell'anca
che di estremismo».

In Crisis in six scenes, io voglio essere
il Club del libro. Cioè la collezione di vecchiette ospiti della coppia, meticolosamente acconciate, che finiscono per citare Mao Tse-Tung – «Il signore che ha dato il nome a quella giacchetta tanto elegante» – e organizzare una protesta come fosse un torneo di burraco. Contro la guerra in Vietnam vogliono sdraiarsi davanti all'ufficio di leva nude (bisogna dimagrire un po', ma fa tanto disobbedienza civile). Va bene sabato? No, ho da fare, meglio lunedì. Io porto i biscotti.

Sentiamoci tra vent'anni, Shailene, io adesso non so cosa dirti: hai ragione tu? I Sioux? L'oleodotto? La vita è troppo breve per avere un'opinione su tutto, ma prometto: da grande sarò la militante meglio pettinata dell'ospizio.

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award