Tanti auguri a Monica Vitti che compie 85 anni

Buon compleanno alla mattatrice della commedia all'italiana, da tempo lontana dalle scene, che festeggia gli anni il 3 novembre

Più Popolare

Ho scoperto di recente che ci sono intere generazioni che non sanno chi sia Monica Vitti.  Che non sanno che il cinema italiano ha avuto un'attrice più moderna, stratosferica, capace di cambiare di tutte le altre, di tutto il mondo. Se le giovani volessero emendarsi da questa lacuna scoprendone lo splendore, raccomando caldamente di saltare la fase «mi fanno male i capelli», in cui la Vitti faceva i film di Antonioni col crisma dell'incomunicabilità  (quell'incomunicabilità che lei stessa poi, finalmente liberatasi e passata alle commedie, irrise in sketch e interviste).

Monica Vitti in una foto del 1970.
Advertisement - Continue Reading Below

Andate direttamente al momento di massima meraviglia della Vitti (che il 3 novembre compie 85 anni e si è ritirata dalle scene da decenni): quello in cui era una splendida quasi quarantenne, quello tra «Tua sono, e con me ti porterò fino alla tomba» e «Di che natura è il mio male? Ho avuto un trauma? Sono sotto shock? È un disturbo neurovegetativo? O è perché sono mignotta?». La prima è una citazione da La ragazza con la pistola: Carlo Giuffré l'ha fatta rapire per sbaglio, in realtà bramava sua cugina, ma Monica ora pretende il matrimonio riparatore e lo inseguirà fino in Inghilterra. Era il 1968 e Mario Monicelli trasformava la Vitti (e tutte noi) da vittima designata in rompicoglioni determinata. Il secondo dialogo viene da Dramma della gelosia (1970): lei domanda ragione del proprio amare due uomini; lo psicologo della mutua, moderno come si confaceva a una Vitti, risponde: «Oggi come oggi, è al di sotto della media».                                                       

More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»