Tanti auguri a Monica Vitti che compie 85 anni

Buon compleanno alla mattatrice della commedia all'italiana, da tempo lontana dalle scene, che festeggia gli anni il 3 novembre

Più Popolare

Ho scoperto di recente che ci sono intere generazioni che non sanno chi sia Monica Vitti.  Che non sanno che il cinema italiano ha avuto un'attrice più moderna, stratosferica, capace di cambiare di tutte le altre, di tutto il mondo. Se le giovani volessero emendarsi da questa lacuna scoprendone lo splendore, raccomando caldamente di saltare la fase «mi fanno male i capelli», in cui la Vitti faceva i film di Antonioni col crisma dell'incomunicabilità  (quell'incomunicabilità che lei stessa poi, finalmente liberatasi e passata alle commedie, irrise in sketch e interviste).

Monica Vitti in una foto del 1970.
Advertisement - Continue Reading Below

Andate direttamente al momento di massima meraviglia della Vitti (che il 3 novembre compie 85 anni e si è ritirata dalle scene da decenni): quello in cui era una splendida quasi quarantenne, quello tra «Tua sono, e con me ti porterò fino alla tomba» e «Di che natura è il mio male? Ho avuto un trauma? Sono sotto shock? È un disturbo neurovegetativo? O è perché sono mignotta?». La prima è una citazione da La ragazza con la pistola: Carlo Giuffré l'ha fatta rapire per sbaglio, in realtà bramava sua cugina, ma Monica ora pretende il matrimonio riparatore e lo inseguirà fino in Inghilterra. Era il 1968 e Mario Monicelli trasformava la Vitti (e tutte noi) da vittima designata in rompicoglioni determinata. Il secondo dialogo viene da Dramma della gelosia (1970): lei domanda ragione del proprio amare due uomini; lo psicologo della mutua, moderno come si confaceva a una Vitti, risponde: «Oggi come oggi, è al di sotto della media».                                                       

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa
donald-trump-accordo-clima
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump, non distruggiamo il pianeta!
Come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Sfilarsi dagli accordi di Parigi significa rifiutare il futuro