Cara Tori, fare la mamma non è un lavoro

Lettera a Tori Spelling: bisogna smettere di fotografarsi mentre si sfornano dolcetti o si pettinano marmocchie, perché essere madre è memorabile, ma lavorare è un'altra cosa

Più Popolare

Cara Tori Spelling

trovati un lavoro vero. Aspetti il quinto figlio – inspiegabilmente dallo stesso padre, quel Dean McDermott col quale ti sei pubblicamente accapigliata e poi riconciliata un numero di volte superiore alla mia capacità di ricordarle – e pure nel caso sia conseguenza dell'amore e non della distrazione, troverei opportuna una gestazione di basso profilo. Mica perché ci sia qualcosa di inaudito nella maternità – plurima, attempata, sofferta, esibita: siamo pronte a tutto – ma tu hai fatto della famiglia il tuo mestiere, e invece è necessario ricollocarsi: fare la mamma non è il lavoro più bello del mondo.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

Fare la mamma non è un lavoro. «È quello che sei. Un lavoro lo puoi mollare, essere madre è per sempre. Ed è incredibilmente difficile: considerarlo un mestiere è svilente», diceva Cyrus Beene in una vecchia puntata di Scandal. Lo diceva perché in quella piega di sceneggiatura gli faceva comodo, naturalmente, ma in un'intervista successiva Shonda Rhimes – che Scandal lo scrive, e Cyrus Beene se lo è inventato – elaborava: «Chiamarlo "lavoro" valida la percezione di maternità come sacrificio. Ma svegliarsi di notte per un neonato non è una cosa di cui vantarsi: è una rottura». E poi peggiora: aspettare sedicenni alzate il sabato sera è inevitabile follia.

Ma questa è la parte facile. In questi giorni va in onda negli Stati Uniti lo spot elettorale di Donald Trump sulle politiche di sostegno alla maternità, all'inizio del quale Ivanka – 34 anni, tre figli, nessuna occhiaia – proclama: «Il lavoro più importante di una donna è essere madre», e poi procede a magnificare le misure che papà suo ha intenzione di attuare per aiutare le donne riprodotte – e solo le donne, ché gli uomini non si occupano di queste frivolezze. Qualche settimana di congedo, sì, ma perlopiù sgravi fiscali e piani di risparmio: prima o poi smetteranno di lavorare, tanto vale capitalizzare quel che resta. Perché cosa c'è di meglio che fare la madre? Di più importante? Di più bello?

Quando sarò imperatrice dell'universo, chiuderò il tuo account Instagram, Tori, e tutti quelli che gli somigliano. Proibirò alle madri di fotografarsi mentre sfornano dolcetti e pettinano marmocchie, ma pure patentano giovanotti e chiudono valigie a debuttanti fuori sede. Essere madre è prevalentemente memorabile, ma per niente fotogenico. Inoltre: non è retribuito. Il lavoro vero è là fuori: dalle nove alle sei (se ti va bene). E al contrario di quello che succede coi figli: quando non sei capace, ti licenziano.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia
10 coppie vip protagoniste del gossip 2017
Firme
CONDIVIDI
10 coppie di cui sparlare nel 2017
Chi sale, chi scende, chi non ne può più: quante arriveranno a fine anno?