Un cane vale di più dei bambini siriani?

Un giornalista americano si è posto questa domanda scomoda e terribile, perché Aleppo è sepolta dalle bombe, ma le immagini strazianti di bambini uccisi non riescono a scuotere la nostra apatia

Sul New York Times il giornalista Nicholas Kristof, vincitore di due Pulitzer, si è posto una domanda scomoda e terribile: la morte del nostro cane ci commuove più di quella di un bambino ucciso in Siria? La riflessione nasce dalla perdita della sua amatissima Katie, un golden retriever di 12 anni, seguita da un fiume di messaggi di condoglianze ricevuti dai lettori. Mentre nelle stesse ore il suo appello alla comunità internazionale perché provi a fermare una guerra che ha provocato quasi mezzo milione di morti ha riscosso sul blog commenti «all'insegna di una dura indifferenza».

Advertisement - Continue Reading Below

Il silenzio dell'Occidente sulla tragedia siriana è impressionante. Aleppo è sepolta dalle bombe, eppure le immagini strazianti di bambini uccisi non riescono a scuotere la nostra apatia. La pace sembra impossibile: russi e americani, anziché allearsi per sconfiggere lo Stato islamico, si ostacolano. Mentre l'esercito di Damasco polverizza interi quartieri con i suoi terribili barili bomba. Dei siriani si parla, in Europa, solo per via dei profughi, sgraditi nelle nostre città.

Più Popolare

E il risentimento dei popoli vicini, travolti dalla guerra, cresce ogni giorno di più. «Se vi si ammala il gatto, voi europei non dormite la notte. A noi ammazzano tutti i giorni i nostri figli!», mi ha gridato a Baghdad una donna che aveva appena perso suo figlio nella strage dell'Isis al centro commerciale di Karrada, che il 3 luglio scorso ha provocato 324 morti. Non poteva riassumere meglio, quella madre, la nostra incapacità di piangere i morti degli altri.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna
Firme
CONDIVIDI
Non prendete esempio da Serena Williams
Era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare