Un cane vale di più dei bambini siriani?

Un giornalista americano si è posto questa domanda scomoda e terribile, perché Aleppo è sepolta dalle bombe, ma le immagini strazianti di bambini uccisi non riescono a scuotere la nostra apatia

Sul New York Times il giornalista Nicholas Kristof, vincitore di due Pulitzer, si è posto una domanda scomoda e terribile: la morte del nostro cane ci commuove più di quella di un bambino ucciso in Siria? La riflessione nasce dalla perdita della sua amatissima Katie, un golden retriever di 12 anni, seguita da un fiume di messaggi di condoglianze ricevuti dai lettori. Mentre nelle stesse ore il suo appello alla comunità internazionale perché provi a fermare una guerra che ha provocato quasi mezzo milione di morti ha riscosso sul blog commenti «all'insegna di una dura indifferenza».

Advertisement - Continue Reading Below

Il silenzio dell'Occidente sulla tragedia siriana è impressionante. Aleppo è sepolta dalle bombe, eppure le immagini strazianti di bambini uccisi non riescono a scuotere la nostra apatia. La pace sembra impossibile: russi e americani, anziché allearsi per sconfiggere lo Stato islamico, si ostacolano. Mentre l'esercito di Damasco polverizza interi quartieri con i suoi terribili barili bomba. Dei siriani si parla, in Europa, solo per via dei profughi, sgraditi nelle nostre città.

Più Popolare

E il risentimento dei popoli vicini, travolti dalla guerra, cresce ogni giorno di più. «Se vi si ammala il gatto, voi europei non dormite la notte. A noi ammazzano tutti i giorni i nostri figli!», mi ha gridato a Baghdad una donna che aveva appena perso suo figlio nella strage dell'Isis al centro commerciale di Karrada, che il 3 luglio scorso ha provocato 324 morti. Non poteva riassumere meglio, quella madre, la nostra incapacità di piangere i morti degli altri.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se l'autore è donna, cambia tutto
Philip Roth che parla della sua prostata è un artista, ma Nora Ephron che scrive un libro sul suo divorzio è priva di fantasia
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente