Fare informazione sulla fertilità non è una cattiva idea

Il Fertility day, la Giornata promossa dal ministero della Salute per fare informazione, è stato comunicato male, ma è servito a puntare i riflettori su una generazione al palo, che i figli non è che non li vuole: non può

Più Popolare

Il Fertility day, alla fine, un merito ce l'ha: aver puntato, suo malgrado, i riflettori su un'Italia che non riesce a guardare lontano. Su una generazione al palo, che i figli non è che non li vuole, non può. Una generazione #inattesa, come recita l'hashtag del Fertility fake. Non di cicogne, ma di reddito, tutele, diritto di scelta. Perché ha aspettato tanto a farsi sentire questa gioventù arrabbiata, ad alzare la voce, a dire io non ci sto? La responsabilità della denatalità non è di Paola né di Giulia né di Francesca, non è di Marco che non se la sente di fare un figlio adesso, e nemmeno di Luca che prima aspetta di vedere se gli rinnovano il contratto, e per quanto tempo, e poi magari ci pensa.

Advertisement - Continue Reading Below

La campagna di informazione è diventata quella brutta roba lì

Il 22 settembre, a Roma,c'ero pure io al Fertility day. Quando sono stata invitata, all'inizio di agosto, prima che il big bang degli slogan harakiri lanciasse in orbita con scia pirotecnica di buuu e di bleeeeah, i commenti indignati dei cibernauti, pensavo fosse una cosa interessante. Abbiamo parlato tante volte, in questo giornale, di figli cercati e di figli non voluti. Di odissee tra cliniche del seme e ricerca di donatori sul Web. Di madri single e padri multitasking. Mi incuriosiva l'idea di una giornata dedicata a un tema così importante e delicato. Avete notato quanto pudore c'è nel raccontare il desiderio e la difficoltà di avere un bambino? Come se fosse una colpa se non arriva, come se ci si dovesse  vergognare. Mi sembrava che fosse una bella occasione per rompere il tabù. Poi è successo quel che è successo, la campagna di informazione è diventata quella brutta roba lì, e io ci ho pensato parecchio prima di partire. Mi si nota di più se vado e me ne sto in disparte oppure se non vado per niente? Sono andata alla fine, convinta che il modo migliore di fare il mio mestiere sia sempre raccogliere notizie alla fonte.

Più Popolare

È dal 1976 che si parla di calo delle nascite in Italia

Così ho imparato cose che prima non sapevo, o che sapevo male. Per esempio che è dal 1976 che si parla di calo delle nascite in Italia (e in 40 anni nessuno ha fatto niente?); che gli spermatozoi maschili si sono dimezzati (per alcol, sovrappeso, fumo, stress) e la fertilità degli uomini è sopravvalutata: tra i 35 e i 40 anche la loro comincia a calare, con buona pace degli illustri padri "attempati", da Charlie Chaplin a Julio Iglesias, passando per l'amico di Cellino San Marco. Ma soprattutto ho scoperto che siamo un popolo d'ignoranti, almeno a dare retta al campione di italiani interpellati in un video-quiz dal Ministero. Fino a che età una persona è fertile? 45-50 anni le femmine, i maschi finché vogliono. Lo sapeva che le malattie sessualmente trasmissibili possono causare sterilità? Forse. Me ne dice una? Mmm… l'herpes? Come ci si protegge? Con la pillola, ma solo se sei femmina. Magari era un campione particolarmente somaro, ma girando gli stessi quesiti ad amici e conoscenti mi sono resa conto che ancora è grande la confusione in materia e tanti i falsi i miti da sfatare. Morale: fare informazione sulla fertilità non è una cattiva idea. È il "come" che fa la differenza. Il ministro Lorenzin ha lanciato un appello urbi et orbi, per ripensare la campagna e fare finalmente degli slogan decenti. Giovani creativi fatevi avanti. Gratis però, ché tanto ci siete abituati…

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita