Anche noi abbiamo avuto il nostro Trump

​«C'erano la lira, le scarpe a punta, e il 1994 lo passammo a dire le cose che dicono ora gli americani»: l'epoca di Silvio Berlusconi e la sua perfetta macchina da vittoria elettorale nel commento di Guia Soncini

Più Popolare

È quasi un anno che provo a spiegare ad amici americani che noi queste loro elezioni le abbiamo già avute. C'era la lira, andavano le scarpe a punta, e il 1994 lo passammo a dire le cose che dicono ora loro. Che se quello lì vince è perché i media gli danno troppo spazio (anche noi lo dicevamo, correndo poi a leggere tutti gli articoli con le enormità sparate da quel candidato: le enormità sono sempre più divertenti dei seri programmi politici). Che se quello lì vince ce ne andiamo (dove, non si sa; un newyorkese mi ha detto che se vince Trump lui raggiunge i genitori a Santo Domingo: mica può restare negli Usa, che in pochi mesi finiranno a farsi la guerra nucleare con la Corea. Non ho osato fare domande sulle distanze: chissà se l'eventuale bomba su New York tiene al riparo dalle radiazioni Santo Domingo). 

Advertisement - Continue Reading Below

Soprattutto, quel che dicono loro e dicevamo noi è che quello lì è la tv che l'ha creato. Nel caso di Silvio Berlusconi, il nostro Trump, l'impero televisivo costruendo il quale non solo si era arricchito ma aveva anche preparato la perfetta macchina da vittoria elettorale. Nel caso di Trump, danno la colpa a The apprentice, il reality con il quale, secondo i miei amici che sembrano tanto intelligenti ma non hanno imparato niente da un paio di decenni di campagne elettorali italiane, Trump ha costruito la propria popolarità. Per una disgraziata coincidenza, The apprentice andava sulla Nbc, proprio come il Tonight show, il programma conducendo il quale Jimmy Fallon è stato finora il cocco della critica americana, pronta a lodarlo molto oltre i suoi meriti. Poi, la settimana scorsa, Fallon ha ospitato Trump. E, improvvisamente, la stampa americana ha pressoché unanimemente deciso che, se Trump vince, è colpa della Nbc e di Fallon. Colpa di Fallon che l'ha fatto sembrare simpatico. Colpa di Fallon che gli ha scompigliato i capelli. Colpa di Fallon che non gli ha fatto le domande scomode. 

Più Popolare

Sì, esattamente come in Italia. Dove per ogni politico che va in tv c'è l'intero elettorato della parte opposta che strepita perché il conduttore non è stato abbastanza incalzante. Il mito della domanda scomoda è uno dei più diffusi nell'opinione pubblica italiana: gli americani ci stanno imitando anche in questo. Uno dei miei migliori ricordi locali, tralasciando i nostri Trump, è la volta in cui Fabio Fazio fu rimproverato per non aver fatto domande scomode a Carla Bruni

In effetti avrebbe potuto chiederle se si mette sempre le ballerine per scelta o perché Sarkozy ha il complesso dell'altezza. 

Come già accadeva agli antiberlusconiani nel secolo scorso, anche agli antitrumpiani piace illudersi che, se solo gli altri vedessero quant'è orrendo quel tizio, non potrebbero mai votarlo. Dalle nostre elezioni non hanno imparato che quel che per qualcuno è orrendo per qualcun altro è: «Però, simpatico». Samantha Bee, rivelazione dell'anno col suo programma Full frontal, su Tbs, ha dato anche lei la colpa alla Nbc e a Fallon, ma poi ha spiegato perfettamente la situazione: gli americani, ha detto, sanno com'è Trump, ma hanno deciso che maschilismo e razzismo non sono importanti, «Sono come l'eccesso di maionese in un panino: se t'infastidisce lo scansi». È quasi un anno che li guardo e penso che non mi sembrano mica pronti a domare la maionese impazzita. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili