Eutanasia su un minore in Belgio: rispettiamo i genitori

Perché nessuno può giudicare una madre e un padre che aiutano un ragazzo a morire per porre fine alle sofferenze di una malattia incurabile

Eutanasia su un minore. È accaduto in Belgio, nella regione delle Fiandre. Poco si sa, come sempre in questi casi. Ma l'età del malato terminale la conosciamo: 17 anni e una malattia letale, causa di sofferenze insopportabili. Alla fine i genitori, su richiesta del figlio, hanno deciso di interromperle. 

In Italia prevalgono i commenti negativi. La Chiesa parla di «licenza di uccidere». C'è chi evoca il nazismo, chi orrende ragioni funzionali ed economiche: uccidere per liberare posti letto, tagliare costi sociali come le onerose cure palliative. Ancora una volta, attorno ai temi bioetici emergono scontri ideologici e toni da crociata. Eppure, davanti a una madre e un padre che decidono di assecondare il desiderio di morte di un figlio, servirebbe innanzitutto il rispetto. 

Advertisement - Continue Reading Below

Come si può immaginare che questa volontà sia condizionata da questioni economiche? Chi può intromettersi in una vicenda così privata e dolorosa? Il ragazzo aveva 17 anni.
I medici e gli psicologi che assistono i minori ammalati di tumori incurabili ci dicono che i piccoli nella sofferenza estrema raggiungono più rapidamente la maturazione, la capacità di riflettere sulla propria condizione. C'è quindi un ragazzo che il dolore ha reso adulto e che soffre terribilmente senza speranza di guarigione. Ha deciso che vuole morire e lo ha spiegato chiaramente ai suoi genitori. I quali, attuando la sua volontà, lo hanno protetto e amato fino in fondo. 

Più Popolare

L'eutanasia è consentita, in forme diverse, in molti Stati europei e americani. Mai sotto i 12 anni di età. In Italia è vietata in ogni forma, in nome di un'ambigua, malcelata etica di Stato. Davanti alla morte di questo ragazzo ognuno cercherà le sue risposte. Io sto con il Belgio, che tratta i suoi ragazzi da uomini liberi. E fa un passo indietro, riconoscendo ai genitori il diritto a quest'ultimo, dolorosissimo gesto di pietà.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia