Eutanasia su un minore in Belgio: rispettiamo i genitori

Perché nessuno può giudicare una madre e un padre che aiutano un ragazzo a morire per porre fine alle sofferenze di una malattia incurabile

Eutanasia su un minore. È accaduto in Belgio, nella regione delle Fiandre. Poco si sa, come sempre in questi casi. Ma l'età del malato terminale la conosciamo: 17 anni e una malattia letale, causa di sofferenze insopportabili. Alla fine i genitori, su richiesta del figlio, hanno deciso di interromperle. 

In Italia prevalgono i commenti negativi. La Chiesa parla di «licenza di uccidere». C'è chi evoca il nazismo, chi orrende ragioni funzionali ed economiche: uccidere per liberare posti letto, tagliare costi sociali come le onerose cure palliative. Ancora una volta, attorno ai temi bioetici emergono scontri ideologici e toni da crociata. Eppure, davanti a una madre e un padre che decidono di assecondare il desiderio di morte di un figlio, servirebbe innanzitutto il rispetto. 

Advertisement - Continue Reading Below

Come si può immaginare che questa volontà sia condizionata da questioni economiche? Chi può intromettersi in una vicenda così privata e dolorosa? Il ragazzo aveva 17 anni.
I medici e gli psicologi che assistono i minori ammalati di tumori incurabili ci dicono che i piccoli nella sofferenza estrema raggiungono più rapidamente la maturazione, la capacità di riflettere sulla propria condizione. C'è quindi un ragazzo che il dolore ha reso adulto e che soffre terribilmente senza speranza di guarigione. Ha deciso che vuole morire e lo ha spiegato chiaramente ai suoi genitori. I quali, attuando la sua volontà, lo hanno protetto e amato fino in fondo. 

Più Popolare

L'eutanasia è consentita, in forme diverse, in molti Stati europei e americani. Mai sotto i 12 anni di età. In Italia è vietata in ogni forma, in nome di un'ambigua, malcelata etica di Stato. Davanti alla morte di questo ragazzo ognuno cercherà le sue risposte. Io sto con il Belgio, che tratta i suoi ragazzi da uomini liberi. E fa un passo indietro, riconoscendo ai genitori il diritto a quest'ultimo, dolorosissimo gesto di pietà.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...
Firme
CONDIVIDI
Non si finisce mai di fare le madri
Un calciatore vince una partita e dice che sua mamma da lassù lo starà guardando, ma dovrà guardarlo giocare anche da morta?