Cyberbullismo: mi illudo che alcuni non sappiano quello che fanno

Alcuni sì, ma la massa no, e l'ignoranza, a volte, fa anche più danni della crudeltà: per questo è importante fare educazione e mettere delle regole in quel Far West che è ancora il digitale

Più Popolare

Tutte abbiamo avuto una fase idiota. Una fase un po' fuori controllo, in cui abbiamo fatto cose da dimenticare. Forse eravamo giovani e sprovvedute, oppure fragili, desiderose di esperienze e di conferme, incapaci di dire di no. Prima o poi finiscono, però. Ci sono tante cose nella vita che uno fa con leggerezza o convinzione e poi crescendo non fa più, ma tanto chi se le ricorda, per fortuna si cambia.

Advertisement - Continue Reading Below

Per fortuna non esistevano gli smartphone

Se penso al tipo di quinta liceo che ho baciato nel corso di un capodanno "alticcio" di tanti anni fa, ancora arrossisco. Era il tipo che fuori dal cancello vendeva giornaletti anarchici, uno con l'eschimo e la pancia, incatalogabile persino nella categoria del "tipo". Era brutto e basta. Non mi ricordo più perché l'ho baciato, il motivo – a parte le due dita di pessima vodka che mi ero scolata per darmi un tono, senza "reggere" – mi pare per fare ingelosire un altro. Non ha funzionato. E dopo, a mente lucida, mi sono vergognata da scavare una buca e buttarmici giù. Per fortuna non esistevano gli smartphone e io non avevo amiche cretine pronte a diffondere in mondovisione quell'incidente di percorso che avrebbe macchiato il mio pedigree. Dunque rimase uno spettacolo per pochi. Comunque tutti dopo un po' se ne sarebbero scordati. Vivere nel mondo reale ha questo di vantaggio: la memoria della gente rimuove o archivia in registri remoti e arbitrari del cervello, quasi mai condivisi, poi va avanti. 

Più Popolare

Il suo nemico era troppo grande

Il guaio della Rete invece è che, se fai cose di cui non vai fiero, dura per sempre. Rimbalza e si derubrica. Diventa in un minuto materia universale da sfottò, memoria collettiva incancellabile. Per questo Tiziana si è uccisa. Restare inchiodata all'infinito a quella fase della vita in cui si prestava a fare video hard da condividere tra "pochi intimi", a quella frase che la vuole complice e consenziente, dando licenza a tutti di sbeffeggiarla e trattarla come carne da macello, equivale a una condanna. Tiziana, che era fragile – racconta oggi la madre – malgrado non fosse più una ragazzina, ha provato a difendersi. Ma il suo nemico era troppo grande e il risarcimento troppo piccolo per voltare pagina e scegliere di andare avanti.

I cattivi ci sono sempre stati

Si è detto in questi giorni che non è Internet a essere cattivo, ma chi lo usa in modo cattivo. Vero. Ma i cattivi ci sono sempre stati. Il problema si pone quando gli dai le armi per sparare.
Le adolescenti che hanno filmato l'amica ubriaca mentre veniva violentata nel bagno di una discoteca a Rimini sono canaglie e senza cervello, il cellulare le ha rese "criminali". Non c'è ancora in Italia una legge che punisca reati di questo tipo, ma è finalmente approdato all'esame della Camera un ddl sulle aggressioni via Web (la proposta di legge è stata approvata con 242 sì, 73 no e 48 astenuti, ndr). Punire "dopo", a cose fatte, è sacrosanto e necessario, non basta però. Bisogna disinnescare l'ordigno a monte. Come? Con una legge, certo, che inchiodi alle proprie responsabilità chi usa i social per cose atroci senza pensare alle conseguenze; mettendo delle regole in quel Far West che è ancora il digitale; e di sicuro facendo educazione. Perché io mi illudo che certi cyberbulli non sappiano bene quello che fanno. Alcuni sì, la massa no. E l'ignoranza, a volte, fa anche più danni della crudeltà.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Era solo un hashtag, mica la odiavo
Come nella serie tv Black mirror, la Rete è diventata luogo di linciaggi, dove si trova chi ti augura di morire
matteo renzi saluta con la mano
Firme
CONDIVIDI
Renzi, rottamato il rottamatore
Era un ragazzo che stava in mezzo alla gente, è diventato un uomo di potere altezzoso, e ora ha pagato
milano-alba.foto-matteo-maffucci
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, una città tutta per me
Il giorno di Sant'Ambrogio mi sono svegliato alle 7 e sono uscito: giorno di festa, mattina presto, zero esseri umani, la città a...
Firme
CONDIVIDI
L'insostenibile svenevolezza dell'uomo debole
Il vittimismo maschile in amore non è un'invenzione di questo secolo: già Alberto Moravia si struggeva per Elsa Morante
justin bieber concerto con due ballerine
Firme
CONDIVIDI
Volevo essere la madre di Justin Bieber
Viva i giovani: quelli che sanno sognare in grande, come Bieber, e quelli che gli sgambetti della vita non li ferma, come Bebe Vio
Per Kim Kardashian il 2016 è stato l'anno più difficile
Firme
CONDIVIDI
Kim Kardashian, propositi per l'anno nuovo
Il 2016 è stato un anno disgraziato, ecco come superare il trauma
Firme
CONDIVIDI
Sì, sembro più giovane: lo scriverò sul biglietto da visita
Sono decenni che mi sento dire che non dimostro la mia età, alla millesima replica è impossibile non annoiarsi
Firme
CONDIVIDI
Laura Boldrini e gli insulti sessisti
Nella Giornata contro la violenza sulle donne la presidente della Camera ha reso pubblici minacce e offese ricevute dui social
matteo maffucci aperitivo milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, sto iniziando a volare
Vola il desiderio di continuare a scoprire, realizzarmi e capirmi, volo io per le strade fra incontri, battute amici vecchi e nuovi
Firme
CONDIVIDI
Chi esulta per la morte di Castro?
È stato un dittatore brutale, ma non peggio di altri che continuano a esercitare il loro potere con il consenso dell'Occidente