Salvare la messa in piega dall'umidità è un business

«Marchi come Louvelle e Drybar hanno creato cuffie da indossare in pubblico», per le newyorkesi: un'idea geniale, commenta Guia Soncini

La cuffia per la doccia. Come mai non è venuta in mente a me, nella Bologna degli anni Ottanta, quando ogni lunedì mi toccava andare a scuola con la coda di cavallo e il cerchietto: all'epoca figurarsi se c'era un parrucchiere aperto la domenica, e la nebbia padana il lunedì mattina aveva già devastato la mia messa in piega del sabato pomeriggio.

E perché non ho avuto questa idea, che definire geniale è poco (ci vorrebbe un Nobel delle finte lisce), da adulta, nei decenni in cui ho fatto di tutto per essere liscia, compreso farmi ridurre praticamente calva da un parrucchiere di Firenze che costava come uno di New York ma era assai meno capace di usare gli acidi (poi sono ricresciuti, più o meno, ma quel 2007 fu il peggior anno della mia vita).

Advertisement - Continue Reading Below

La cuffia per la doccia. Fai la piega e poi te la tieni in testa, contro pioggia e umidità, finché non arrivi nel posto in cui ti interessa essere in ordine. Le newyorkesi, già inventrici delle scarpe da ginnastica per strada e dei tacchi in borsetta, hanno trovato un'altra soluzione. Ci sono quelle che ne hanno fatto affari: marchi come Louvelle e Drybar hanno creato cuffie da indossare in pubblico. Costano comunque meno che rifarsi la piega.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada