Fare shopping mi aiuta ad affrontare il rientro

Ognuno ha il suo sistema per ammortizzare l'impatto con la normalità​ del post-vacanze: io ho deciso di puntare sugli acquisti intelligenti, accessori​ soprattutto, prendendo spunto dalla stagione delle sfilate appena iniziata

Più Popolare

La peggiore è la prima sveglia del primo giorno di scuola. Un bip nevrotico che spezza il sonno con la violenza di una doccia gelata. Finita la pacchia. Anche quest'anno ci si tuffa "nel solito tran tran" con sprovveduta avventatezza da matricole. Nessuna riabilitazione preventiva, nessun saggio allenamento per gradi al pressure test del fine-vacanze. Ce lo diciamo sempre, tornando dall'ultimo weekend, che bisogna iniziare da subito a rimettersi lentamente a registro per evitare il jet-lag da rientro. Andare a letto un'ora prima, ricomporsi sul divano su cui abbiamo bivaccato nei giorni di interregno come in spiaggia, razionare il junk food. Dopo tre mesi di deregulation assoluta riassestarsi sui binari è impresa ardua. Parcheggio in tripla fila, biscotti tutta fibra a colazione, scarpe chiuse. Il 12 settembre, il suono della campanella è la dead line per tutti: genitori e figli. Coraggio, ce la possiamo fare, in fondo mancano solo… nove mesi all'estate. Gluc.

Advertisement - Continue Reading Below

Ho svaligiato il negozio di un noto brand low cost

Ognuno ha il suo sistema per ammortizzare l'impatto rovinoso con la normalità. C'è chi fa meditazione. Chi va dall'analista. Chi si affida a una lista di buoni propositi, che vanno dagli estratti detox al corso di origami o tango argentino. Io faccio shopping. Scarica. Ma essendo la trappola del binge (abbuffata) proporzionale al trauma da sedare, si rischiano di fare danni grossi. L'altro giorno, per esempio, ho svaligiato il negozio di un noto brand low cost. Tanto è low cost!, mi sono detta. Che è lo stesso principio del cibo senza grassi e delle bibite light: quantità in cambio di gusto – diamoci dentro, yahù! Il mio armadio ingrassa, io mi deprimo: non è la soluzione. 

Più Popolare

Punto su acquisti intelligenti: gli accessori

Allora quest'autunno ho deciso che punto su acquisti intelligenti: gli accessori. Occupano meno spazio, impongono scelte più oculate (basta schifezze sugar free, solo caviale!), danno grandi soddisfazioni. Non foss'altro perché esentano dalla tirannia delle misure standard: scarpe, borse, occhiali credono nelle pari opportunità. Nessuna discriminazione quantizzabile in centimentri (larghezza, lunghezza, circonferenza), massima resa sul look. Le it girl insegnano, basta la clutch o lo stivaletto giusti per nobilitare qualsiasi straccetto.

La stagione della nuova moda è appena cominciata

Vi riassumo in breve i nuovi trend in tema di accessori: tornano le borse maxi (anzi, di più), le ballerine scalzano le pump, il camoscio sale in barba al maltempo, il nero tiene e spadroneggia (sul red carpet di Venezia s'è visto molto total black), gli stivali diventano altissimi, non di tacco, di coscia, alla faccia delle sbandierate pari opportunità. Questo è solo l'inizio. La stagione della nuova moda è appena cominciata. A New York sono partite le sfilate. Poi sarà il turno di Londra, Milano, Parigi… Già mi gira la testa. Sarà la sveglia? Vi prego, un'aspirina.

More from Gioia!:
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà