Fare shopping mi aiuta ad affrontare il rientro

Ognuno ha il suo sistema per ammortizzare l'impatto con la normalità​ del post-vacanze: io ho deciso di puntare sugli acquisti intelligenti, accessori​ soprattutto, prendendo spunto dalla stagione delle sfilate appena iniziata

Più Popolare

La peggiore è la prima sveglia del primo giorno di scuola. Un bip nevrotico che spezza il sonno con la violenza di una doccia gelata. Finita la pacchia. Anche quest'anno ci si tuffa "nel solito tran tran" con sprovveduta avventatezza da matricole. Nessuna riabilitazione preventiva, nessun saggio allenamento per gradi al pressure test del fine-vacanze. Ce lo diciamo sempre, tornando dall'ultimo weekend, che bisogna iniziare da subito a rimettersi lentamente a registro per evitare il jet-lag da rientro. Andare a letto un'ora prima, ricomporsi sul divano su cui abbiamo bivaccato nei giorni di interregno come in spiaggia, razionare il junk food. Dopo tre mesi di deregulation assoluta riassestarsi sui binari è impresa ardua. Parcheggio in tripla fila, biscotti tutta fibra a colazione, scarpe chiuse. Il 12 settembre, il suono della campanella è la dead line per tutti: genitori e figli. Coraggio, ce la possiamo fare, in fondo mancano solo… nove mesi all'estate. Gluc.

Advertisement - Continue Reading Below

Ho svaligiato il negozio di un noto brand low cost

Ognuno ha il suo sistema per ammortizzare l'impatto rovinoso con la normalità. C'è chi fa meditazione. Chi va dall'analista. Chi si affida a una lista di buoni propositi, che vanno dagli estratti detox al corso di origami o tango argentino. Io faccio shopping. Scarica. Ma essendo la trappola del binge (abbuffata) proporzionale al trauma da sedare, si rischiano di fare danni grossi. L'altro giorno, per esempio, ho svaligiato il negozio di un noto brand low cost. Tanto è low cost!, mi sono detta. Che è lo stesso principio del cibo senza grassi e delle bibite light: quantità in cambio di gusto – diamoci dentro, yahù! Il mio armadio ingrassa, io mi deprimo: non è la soluzione. 

Più Popolare

Punto su acquisti intelligenti: gli accessori

Allora quest'autunno ho deciso che punto su acquisti intelligenti: gli accessori. Occupano meno spazio, impongono scelte più oculate (basta schifezze sugar free, solo caviale!), danno grandi soddisfazioni. Non foss'altro perché esentano dalla tirannia delle misure standard: scarpe, borse, occhiali credono nelle pari opportunità. Nessuna discriminazione quantizzabile in centimentri (larghezza, lunghezza, circonferenza), massima resa sul look. Le it girl insegnano, basta la clutch o lo stivaletto giusti per nobilitare qualsiasi straccetto.

La stagione della nuova moda è appena cominciata

Vi riassumo in breve i nuovi trend in tema di accessori: tornano le borse maxi (anzi, di più), le ballerine scalzano le pump, il camoscio sale in barba al maltempo, il nero tiene e spadroneggia (sul red carpet di Venezia s'è visto molto total black), gli stivali diventano altissimi, non di tacco, di coscia, alla faccia delle sbandierate pari opportunità. Questo è solo l'inizio. La stagione della nuova moda è appena cominciata. A New York sono partite le sfilate. Poi sarà il turno di Londra, Milano, Parigi… Già mi gira la testa. Sarà la sveglia? Vi prego, un'aspirina.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità