Fare un figlio non è solo questione di ovulazione

La biologia ha bisogno di un progetto, e il progetto di una base su cui costruire, altrimenti è solo incoscienza: abbiamo parlato con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in un incontro sul Fertility day, previsto per il 22 settembre 2016

Più Popolare

Giulia ha 33 anni, è preparata, piena di interessi, una delle persone più in gamba che io conosca. Lavoro con lei ormai da tanti anni. Anni a singhiozzo di contratti a termine, in cui ci si perde e ci si ripiglia di continuo, mai al sicuro, con questa trappola del precariato a vita che oggi chiamano flessibilità. Giulia è una che non si lamenta. Anche se in un mondo ideale, anzi solo giusto, con politiche del lavoro sane e lungimiranti, avrebbe un posto fisso già da un po'.  In questo andirivieni di co.co.co e co.co.pro, l'unica costante è stata il fidanzato, ricercatore mancato e fine pensatore, appeso al filo di buste paga a scadenza pure lui. Oggi vive a Parigi (assunto!). Lei a Milano (assunta, finalmente!). Si amano, si chattano, si vedono quando possono nei weekend. E una famiglia? Bella domanda. E un figlio? Magari, sì, ma come? 

Advertisement - Continue Reading Below

Donatori in Rete, cliniche all'estero

Lavinia invece la "provvisorietà" l'ha scelta. È un'inquieta. Televisione, radio, giornali… La sua creatività al servizio del mondo. Dopo due mesi nello stesso posto scalpitava. Cambiava uffici, città, fidanzati… Ogni volta che l'incontravo era una soap. Alla soglia dei 40 si è data una calmata. Voleva un figlio, non aveva un uomo, o forse sì, una roba mezza mezza, amore tiepido. Convivenza sì, optional no: pacchetto base. Era già padre, non gli serviva "fare l'esperienza". Vabbè. Quando ha capito che proprio "non ce n'era" ha iniziato a provare da sé: donatori in Rete, cliniche all'estero, eccetera. «È che in amore sono sfortunata...». È un po' che non la sento, chissà dov'è.

Più Popolare

Questa è l'Italia delle culle vuote

Poi c'è Chiara, prima della classe dal liceo al Ph.D. Una che tutte le cose le deve fare al massimo. Infatti è arrivata dov'è arrivata: cattedra in una prestigiosa università americana. Alla maternità ci ha pensato dopo i 35 e l'ha perseguita con metodo, mettendoci la tigna che metteva sui libri. Più, in questo caso, un valido papà. Almeno lei fa quello che le piace. Perché poi c'è anche chi rimanda per un lavoro che le fa schifo, un titolare che la ricatta, uno stipendio da Terzo mondo. Questa è l'Italia delle culle vuote, dell'1,39 figli procapite, degli orologi biologici con le pile esaurite. Ma ad esaurirsi prima di tutto sei tu, se sei condannato al vorrei ma non posso.

Fare un figlio non è solo questione di ovulazione

Quando ho saputo del Fertility day (perché io lo sapevo, come mai Renzi no? se ne parlava già da mesi), ho pensato che sarebbe stato bello portare le storie dell'Italia al ministro. Il Paese reale mai interpellato. Per parlare di fertility, sì, ma non solo, anche di quello che gli gira intorno. Soprattutto di quello. Perché fare un figlio non è solo questione di ovulazione. La biologia ha bisogno di un progetto. E il progetto di una "base" su cui costruire, altrimenti è solo incoscienza. Morale: il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ci ha accordato un incontro prima che la campagna "delle clessidre" partisse. Per puro caso, ci ha ricevuto il giorno dopo della rivolta sui social. Volete sapere com'è andata? Il resoconto su Gioia! in edicola.

More from Gioia!:
Ivanka Trump candidata presidente Usa
Firme
CONDIVIDI
Ivanka Trump, da first daughter a prima presidente donna degli Stati Uniti nel giro di un anno?
Le vittorie improbabili sono un talento di famiglia: la figlia favorita di Trump potrebbe anche diventare il primo presidente donna degli...
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi