Fare un figlio non è solo questione di ovulazione

La biologia ha bisogno di un progetto, e il progetto di una base su cui costruire, altrimenti è solo incoscienza: abbiamo parlato con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in un incontro sul Fertility day, previsto per il 22 settembre 2016

Più Popolare

Giulia ha 33 anni, è preparata, piena di interessi, una delle persone più in gamba che io conosca. Lavoro con lei ormai da tanti anni. Anni a singhiozzo di contratti a termine, in cui ci si perde e ci si ripiglia di continuo, mai al sicuro, con questa trappola del precariato a vita che oggi chiamano flessibilità. Giulia è una che non si lamenta. Anche se in un mondo ideale, anzi solo giusto, con politiche del lavoro sane e lungimiranti, avrebbe un posto fisso già da un po'.  In questo andirivieni di co.co.co e co.co.pro, l'unica costante è stata il fidanzato, ricercatore mancato e fine pensatore, appeso al filo di buste paga a scadenza pure lui. Oggi vive a Parigi (assunto!). Lei a Milano (assunta, finalmente!). Si amano, si chattano, si vedono quando possono nei weekend. E una famiglia? Bella domanda. E un figlio? Magari, sì, ma come? 

Advertisement - Continue Reading Below

Donatori in Rete, cliniche all'estero

Lavinia invece la "provvisorietà" l'ha scelta. È un'inquieta. Televisione, radio, giornali… La sua creatività al servizio del mondo. Dopo due mesi nello stesso posto scalpitava. Cambiava uffici, città, fidanzati… Ogni volta che l'incontravo era una soap. Alla soglia dei 40 si è data una calmata. Voleva un figlio, non aveva un uomo, o forse sì, una roba mezza mezza, amore tiepido. Convivenza sì, optional no: pacchetto base. Era già padre, non gli serviva "fare l'esperienza". Vabbè. Quando ha capito che proprio "non ce n'era" ha iniziato a provare da sé: donatori in Rete, cliniche all'estero, eccetera. «È che in amore sono sfortunata...». È un po' che non la sento, chissà dov'è.

Più Popolare

Questa è l'Italia delle culle vuote

Poi c'è Chiara, prima della classe dal liceo al Ph.D. Una che tutte le cose le deve fare al massimo. Infatti è arrivata dov'è arrivata: cattedra in una prestigiosa università americana. Alla maternità ci ha pensato dopo i 35 e l'ha perseguita con metodo, mettendoci la tigna che metteva sui libri. Più, in questo caso, un valido papà. Almeno lei fa quello che le piace. Perché poi c'è anche chi rimanda per un lavoro che le fa schifo, un titolare che la ricatta, uno stipendio da Terzo mondo. Questa è l'Italia delle culle vuote, dell'1,39 figli procapite, degli orologi biologici con le pile esaurite. Ma ad esaurirsi prima di tutto sei tu, se sei condannato al vorrei ma non posso.

Fare un figlio non è solo questione di ovulazione

Quando ho saputo del Fertility day (perché io lo sapevo, come mai Renzi no? se ne parlava già da mesi), ho pensato che sarebbe stato bello portare le storie dell'Italia al ministro. Il Paese reale mai interpellato. Per parlare di fertility, sì, ma non solo, anche di quello che gli gira intorno. Soprattutto di quello. Perché fare un figlio non è solo questione di ovulazione. La biologia ha bisogno di un progetto. E il progetto di una "base" su cui costruire, altrimenti è solo incoscienza. Morale: il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ci ha accordato un incontro prima che la campagna "delle clessidre" partisse. Per puro caso, ci ha ricevuto il giorno dopo della rivolta sui social. Volete sapere com'è andata? Il resoconto su Gioia! in edicola.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità