Ivanka Trump e la difficile 
arte di fare 
la figlia del presidente

La poveretta non ha la libertà di dissentire:deve sempre e comunque essere fiera 
del suo bravissimo papà, sorridendo mentre le 
si crepa la pelle per lo sforzo

Se fossi Ivanka (Trump), sarei invidiosissima di Veronica (Padoan), 
che è andata a protestare contro il governo e assieme 
ai braccianti immigrati 
davanti alla prefettura di Foggia. Se fossi la figlia d'un uomo ridicolo candidato alla presidenza degli Stati Uniti, nulla mi sembrerebbe più invidiabile del margine 
di libertà che hai se sei solo figlia d'un ministro italiano. 
Puoi dissentire, invece 
di dire che sei tanto fiera 
del tuo bravissimo papà, sorridendo mentre ti 
si crepa la pelle per lo sforzo. 

Advertisement - Continue Reading Below

Se fossi Chelsea (Clinton), sarei invidiosissima di Monica (Lewinsky), 
che ci spiega ogni giorno 
che brutta cosa sia il bullismo online. Lei sa come ci si sente, dice: è stata la prima, 
quando la Rete non era 
così pervasiva e neppure esistevano i social, a venire offesa e ridicolizzata. 

Siccome bisogna concentrarsi sul presente 
e far eleggere la mamma, Chelsea non può replicare che veramente la prima è stata lei: era una ragazzina con le 
sole colpe d'essere la visibile figlia del Presidente e d'avere l'apparecchio ai denti, e chiunque si sentiva autorizzato a darle della cessa. Sono passati vent'anni e ancora Chelsea non può dire: vorrei vedere quant'eravate fighi voi, nelle foto delle medie. 

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità