Per fortuna che è arrivato Fabio Rovazzi

«Ha capito la ricetta del tormentone perfetto: una canzone che i genitori italiani amano far cantare ai figli piccoli», commenta Guia Soncini ​

Chissà che brutta estate ha passato quella che al liceo aveva respinto sdegnata le avance di Fabio Rovazzi. So che ce n'è una, ne sono certa: una che si scansa quando il compagno di classe che sembra il ragionier Filini col paltò tenta di baciarla, e pochi anni dopo se lo ritrova a 60 milioni di visualizzazioni, attraente come solo il successo sa renderti, sexy come solo uno che induce una nazione a rivendicare d'andare «col trattore in tangenziale».

Advertisement - Continue Reading Below

Dice un amico mio saggio che mica è un fenomeno nuovo: c'è sempre stato il tormentone estivo fra il varietà e la canzone, con una frase facilissima da memorizzare, fintamente stupido o fintamente intelligente – non importa, perché mica c'è differenza di meccanismo tra Il ballo del qua qua e La terra dei cachi. Il mio amico mi prega di non fare il suo nome, sapendo in quanti fan di Elio gli toglierebbero il saluto, loro che si sentono molto più sofisticati di noialtri che abbiam passato l'estate scrollando le spalle come scemi e giurando che andavamo a comandare (truppe di cerotti per la cervicale bloccata dopo il balletto, comandavamo).

Più Popolare

Dice un'amica mia quasi altrettanto saggia che una volta i figli si facevano per avere la scusa per andare a vedere i cartoni, e ormai che i cartoni sono più per grandi che per piccoli quasi non c'erano più scuse per riprodursi; ma per fortuna è arrivato Rovazzi: almeno puoi dire che, se canti tutto il giorno che fai «i selfie mossi alla Gué Pequeño» (qualunque cosa significhi), è perché te lo chiedono i bambini.

Dico io che Rovazzi è un genio perché ha capito che, data la diffusa smania protettiva dei genitori italiani, la ricetta del tormentone perfetto era chiara: serviva una canzone in cui si dicesse «non mi fumo canne, sono anche astemio». Una canzone che i genitori italiani non vedessero l'ora di far cantare ai figli piccoli. Preparandosi a un'adolescenza in cui praticare, invece del divieto, la madeleine: «Ma come, non ti ricordi a cinque anni com'eri contento di cantare che eri astemio?».

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando