Per fortuna che è arrivato Fabio Rovazzi

«Ha capito la ricetta del tormentone perfetto: una canzone che i genitori italiani amano far cantare ai figli piccoli», commenta Guia Soncini ​

Chissà che brutta estate ha passato quella che al liceo aveva respinto sdegnata le avance di Fabio Rovazzi. So che ce n'è una, ne sono certa: una che si scansa quando il compagno di classe che sembra il ragionier Filini col paltò tenta di baciarla, e pochi anni dopo se lo ritrova a 60 milioni di visualizzazioni, attraente come solo il successo sa renderti, sexy come solo uno che induce una nazione a rivendicare d'andare «col trattore in tangenziale».

Advertisement - Continue Reading Below

Dice un amico mio saggio che mica è un fenomeno nuovo: c'è sempre stato il tormentone estivo fra il varietà e la canzone, con una frase facilissima da memorizzare, fintamente stupido o fintamente intelligente – non importa, perché mica c'è differenza di meccanismo tra Il ballo del qua qua e La terra dei cachi. Il mio amico mi prega di non fare il suo nome, sapendo in quanti fan di Elio gli toglierebbero il saluto, loro che si sentono molto più sofisticati di noialtri che abbiam passato l'estate scrollando le spalle come scemi e giurando che andavamo a comandare (truppe di cerotti per la cervicale bloccata dopo il balletto, comandavamo).

Più Popolare

Dice un'amica mia quasi altrettanto saggia che una volta i figli si facevano per avere la scusa per andare a vedere i cartoni, e ormai che i cartoni sono più per grandi che per piccoli quasi non c'erano più scuse per riprodursi; ma per fortuna è arrivato Rovazzi: almeno puoi dire che, se canti tutto il giorno che fai «i selfie mossi alla Gué Pequeño» (qualunque cosa significhi), è perché te lo chiedono i bambini.

Dico io che Rovazzi è un genio perché ha capito che, data la diffusa smania protettiva dei genitori italiani, la ricetta del tormentone perfetto era chiara: serviva una canzone in cui si dicesse «non mi fumo canne, sono anche astemio». Una canzone che i genitori italiani non vedessero l'ora di far cantare ai figli piccoli. Preparandosi a un'adolescenza in cui praticare, invece del divieto, la madeleine: «Ma come, non ti ricordi a cinque anni com'eri contento di cantare che eri astemio?».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai