Terremoto in Centro Italia: anche le parole servono

Le parole non scaldano, non sfamano, non rialzano i muri, ma ho solo quello da dare e prometto di lasciarle sempre accese, perché non è vero che sono inutili: servono a tenere viva l'attenzione, a raccontare​, a collaborare

Più Popolare

Non ci sono parole per descrivere l'angoscia, lo sgomento, il senso di impotenza e la commozione che ho provato in questi giorni – che tutti abbiamo e stiamo provando – di fronte al disastro causato dal terremoto in Centro Italia. Vedere interi paesi rasi al suolo; le mani che scavano tra le macerie in cui erano sepolti corpi vivi; i volti disarmati degli sfollati sono immagini che resteranno impresse per sempre nella nostra memoria collettiva. Come l'Irpinia, come Moro accucciato senza vita dentro una R4 rossa, come Alfredino inghiottito nella pancia della terra, a Vermicino.

Advertisement - Continue Reading Below

Anni prima di rientrare in una casa

I vecchi e i bambini. È su di loro che la tragedia mi sembra più intollerabile. Le piccole vite perdute o mutilate. Gli anziani seduti su un muretto – la coperta sulle spalle, lo sguardo altrove – ad aspettare. Ci vorranno anni prima che riescano a rientrare in una casa. Anni che forse non avranno, e che butteranno via tra una tendopoli e un prefabbricato con il bagno in comune, oppure se va bene nella stanza di un albergo a centinaia di chilometri dalla propria storia, lontano dalle facce e dalle cose di sempre: le chiacchiere al bar, il giornale, l'orzo al mattino con la pasticca per la pressione. Le facili abitudini che rendono le ore più lievi.

Più Popolare

Restano solo le macerie

Sembra sempre inutile e sconveniente parlare di una tragedia da spettatore. Facile «esprimere vicinanza» da lontano, nel guscio morbido di un'esistenza che non ha conosciuto interruzioni – la sveglia al mattino, la spesa, i libri per la scuola e poi magari stasera si va fuori – mentre lì tutto da un giorno all'altro si è fermato. E si fanno i conti col prima e col dopo. La vita a destra e a sinistra della crepa. «Che ne sai tu di quello che provo? Di quel pensiero che torna ossessivo, ho perso mio figlio. Oppure mio padre mia madre mio fratello. Che ne sai tu di chi non ha più niente?». Un posto dove stare, un vestito da mettere, una cosa da mangiare. Niente. Solo macerie. Le parole purtroppo non servono a niente. Non scaldano, non sfamano, non rialzano i muri. Ma ho solo quelle da dare e spero che offrano almeno un po' di ristoro. 

Centinaia gli aiuti del Paese

Prometto di lasciarle sempre accese queste parole, perché non è vero che sono inutili, a qualcosa servono: a tenere viva l'attenzione. A non dimenticare, quando si spengono i riflettori e le prime pagine iniziano a occuparsi d'altro. Servono a raccontare, a svegliare le coscienze, a collaborare. Ognuno come può. Sono centinaia i volontari che da tutta Italia sono andati a dare una mano per estrarre i corpi dalle case crollate e offrire i primi soccorsi.
E centinaia gli aiuti pervenuti sotto forma di denaro, cibo, vestiti, mediante sms solidali, associazioni, ong, iniziative private. Questo dimostra quanto può essere generoso il nostro Paese quando vuole. Ma affinché questo sforzo comune sia davvero efficace, stiamo attenti a indirizzare bene il nostro sostegno e darlo in modo mirato. Se stiamo insieme, ci si può rialzare. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni