Un pacco di letame per punire l'ex

Attraverso un sito Internet (shitexpress.com​) sempre più gente spedisce cacca per posta: chi al vecchio boyfriend, chi a un collega odioso, chi per fare uno scherzo di m... a qualcuno

Più Popolare

Spazio libero è un luogo in cui Gioia! pubblica riflessioni, obiezioni, opinioni in libertà. Ecco le parole dello scrittore Stefano Piedimonte: il suo ultimo libro, L'innamoratore, è uscito nel 2016 per Rizzoli.

«Oggi hanno solo cavallo», dico, «chissà da che dipende...». Mi gratto il polso ma è una scusa per toccarmi,
per assicurarmi che sia stato proprio questo corpo a parlare. Sono stato io. A confermarlo arriva la risposta della ragazza che mi sta di fronte: «Non è possibile, devono avere almeno cavallo e maiale». «Ti garantisco, non c'è altra scelta: solo cavallo. Chissà da che dipende...». mi chiedo di nuovo torturandomi
la barba. È un problema serio. «Be', dipenderà dalla disponibilità», conclude lei come se fosse la cosa più logica al mondo. Ma non lo è, e glielo faccio presente. Non per altro: cavalli, maiali, mucche, ornitorinchi, non smetteranno mai di fare la cacca.

Advertisement - Continue Reading Below

«Bah. Quando l'ho mandata io, si poteva scegliere.
Però ho mandato comunque cavallo». Sorride con gli occhi bassi sul tavolo e accavalla le gambe.
È compiaciuta, ma non vuol darlo a vedere. Annuisce da sola. Va molto fiera del fatto che ha spedito al suo ex una scatola piena di letame scegliendone accuratamente il tipo («vari animali hanno diversi tipi di escrementi, diversi colori, odori e consistenze», spiegano sul sito web), la confezione («pacco tradizionale e anonimo o confezione elegante?»), il metodo di pagamento (si possono usare PayPal e Bitcoin, che garantiscono l'anonimato) e, ovviamente, l'indirizzo a cui recapitarla.

Più Popolare

Conosce l'importanza di ciò che mi ha rivelato, ne è consapevole, ma sa pure che compiere un gesto simile non è il segno più comune della cosiddetta normalità. «Lo so, penserai che sono completamente pazza,
non puoi capire...». Invece posso capire, le dico. Che è vero e non è vero, ma non mi va di metterla a disagio.
È stata così sincera... E poi su quel sito ci sono andato anch'io, la sera prima, appena avuta la dritta. Non ci credevo, non pensavo che una cosa del genere potesse essere legale (e ancora non ci credo, a dire il vero), però esiste: il sito shitexpress.com ha 113.000 condivisioni e si sta ancora allargando. C'è sempre più gente che spedisce cacca per posta: chi al proprio ex, chi a un collega odioso, chi per fare uno scherzo di m... a qualcuno.

Lei, la ragazza che ho di fronte, lo ha fatto perché – a suo dire – l'ex boyfriend si è comportato male. «Non sono pazza, te lo giuro...». «Tranquilla». «No, sul serio. Non puoi capire quanto ho goduto mentre pensavo alla sua faccia davanti al pacchetto. Perché puoi scegliere anche la confezione...». «Sì, sì, ho visto. Fra l'altro ora hanno l'offerta speciale, dodici euro e novantacinque, c'è scritto "prezzo di lancio"». Forse veniamo raggiunti entrambi dalla stessa immagine, perché distogliamo gli sguardi con un sorriso pudico. «Credi che lo farai ancora?», le chiedo tirando dalla cannuccia un altro sorso di spritz, che per fortuna ha un colore molto lontano dalle tinte marroncino.
«Così, per curiosità». «No! Cioè... Non credo... no». Sembra poco convinta. «Posso farti una domanda?». «Vai». «Come l'hai saputo? Del sito, dico». «Da una ragazza che l'aveva appena usato. Funziona. Lo stanno facendo un sacco di amiche».

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda