L'agosto triste delle mollate alla vigilia delle vacanze

La costante è il 45enne che si mette con la 25enne. Ma ci vuole prudenza nel ridere dei cliché delle altre, perché prima o poi ti toccano! Il commento di Guia Soncini

L'agosto in città ha lo svantaggio che ti tocca uscire tutte le sere, anche se normalmente non ti separi dal divano se non in circostanze eccezionali: c'è sempre qualcuno che sta partendo e «dobbiamo assolutamente salutarci prima» - non vi vedete tutto l'anno, ma quando ci si allontana per 15 giorni urge lasciare tutto in ordine, anche la vita sociale. Nelle uscite dell'agosto in città c'è sempre (almeno) una derelitta piantata alla vigilia delle vacanze. Per quelli che non hanno il garbo d'aspettare settembre per mollarti servirebbero pene corporali, ma le decidiamo un'altra volta. 

Advertisement - Continue Reading Below

Quarantenni, attenzione alle venticinquenni

Ora vorrei dirvi la costante di quest'agosto: i quarantacinquenni si mettono con le venticinquenni. Direte: è sempre successo. Vero, ma non a noi. Noi al massimo eravamo le venticinquenni. L'ho visto accadere nelle vite degli altri, e ora accade nella mia, diceva quella canzone di quando ne avevamo13. Al tavolo d'un nippobrasiliano di Brera cortesemente aperto tutto agosto, un'amica disgraziata ha avuto una comprensibile crisi isterica: lui, dopo averle fatto sprecare i più fertili anni della sua vita, s'è messo con un'universitaria. Non abbiamo neanche dovuto mentire, come si fa in questi casi a scopo consolatorio. Ne avevamo tutte uno. 

Più Popolare

Donne single, ex mariti, ex fidanzati

Un ex che dopo tre figli ha mollato la moglie e ora sta con una giovane poetessa (sì, questo era mio; sì, sembra un film di Verdone). Un ex che ha mollato una coetanea per mettersi con una che pretende di uscire tutte le sere, e ora non ha fiato per starle dietro (questo era d'un'amica; poi abbiamo cercato la ragazza su Google, scoperto che ne ha quasi 30, e concluso: «Presto finirà il fiato anche lei»). La serata mi si è immalinconita quando ho pensato che è quel che facevano i nostri padri: pure il mio avrebbe mollato mia madre per una ragazzina, se la ragazzina se lo fosse preso. Ci vuol prudenza nel ridere dei cliché delle altre: prima o poi ti toccano. Come diceva sempre quella canzone: quando riguarda te, quella barzelletta non fa più ridere.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna
Firme
CONDIVIDI
Non prendete esempio da Serena Williams
Era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare