Vacanze: quanto si divertivano di più i giovani di una volta?

​Ora è tutto vietato sulla spiaggia e la generazione 2.0 è impegnata a chattare, a isolarsi con le cuffie e mettersi alla caccia dei Pokemon Go: cosa dire? Che noia

Più Popolare

L'estate della mia infanzia durava tre mesi. Novanta giorni di scialla impunita, di allegra corsa al galoppo in quella prateria sconfinata che erano le vacanze al plurale, una terra promessa di ozio azzurro cielo e sospensione delle regole. Il tempo non era diviso in settimane, l'arco tra giugno e settembre non era il business plan in formato Excel a cui abbiamo abituato i nostri figli (prima settimana campo scuola, seconda mare coi nonni, terza tennis e così via). I bambini per le vacanze non avevano voce in capitolo. Si adeguavano. Li caricavi sulla macchina o su un treno e andavano. Con un secchiello e due formine li facevi felici.

Advertisement - Continue Reading Below

Le vacanze di una volta

Si andava in spiaggia la mattina presto, massimo alle 10 che poi il sole fa male. Bagno alle 11, per digerire la colazione, e poi merenda e ombrellone. Si facevano giochi semplici e magnifici sulla sabbia. Le torri sbilenche, i castelli coi merli di conchiglie scheggiate, il vulcano col fumo che partiva da dentro, per il quale però ci voleva un adulto, perché serviva l'accendino. Il divertimento più grande era la gara di biglie. Per diversi anni ho avuto l'incarico esclusivo per le Grandi Opere, il mio sederotto aveva le caratteristiche "a norma" per la realizzazione di una pista ad hoc. Farsi trascinare coi piedi per aria, usando le natiche come una ruspa, era l'unico modo per giocare coi maschi che, quando si trattava di palline e palloni, non ti guardavano più.

Più Popolare

Mamme e figli

Le mamme stavano con le mamme, i figli coi figli. Nessuno chiedeva ai grandi di venire a giocare. La prole si intratteneva da sola. Infatti, a volte si annoiava moltissimo, soprattutto nelle ore della canicola o in quelle, infinite, in cui buttarsi in acqua era proibito. Si stava sotto l'ombrellone a fare brum brum con la macchinina, o a leggere Topolino. Sempre per terra. Il diritto alla sdraio era bandito ai minorenni.

Non era compito dei genitori intrattenere la prole. La prole si intratteneva da sola.

Le nuove generazioni 2.0

Fare la nostalgica è abitudine sgradevolissima, ma quando vedo certi siparietti familiari tra i vicini d'ombrellone, il "come eravamo" è inevitabile. Ragazzini musoni che si mettono in panciolle sul lettino; genitori in ansia da prestazione che non sanno cosa inventarsi, ipercinetici, ansiosi, stressati dalla performance atletica, perché non basta accompagnare il pargolo a "fare il morto" o due bracciate, bisogna lanciarsi in attività adrenalitiche - nuoto, sub, surf, moto d'acqua. Di secchielli se ne vedono sempre meno, le biglie non esistono più. In molti stabilimenti "smuovere la sabbia" è addirittura vietato. E anche giocare a pallone, a volley, a racchettoni. Così si vedono questi adolescenti annoiati fare sulla spiaggia quello che fanno normalmente a casa: chattare, isolarsi con le cuffie, imbambolarsi su Youtube. I più attivi si danno alla caccia dei Pokemon Go. E quando tornano a casa non si portano niente. Né la sabbia sotto vetro né i ricordi. Ché almeno così non diventano nostalgici. 

Read Next:
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia
10 coppie vip protagoniste del gossip 2017
Firme
CONDIVIDI
10 coppie di cui sparlare nel 2017
Chi sale, chi scende, chi non ne può più: quante arriveranno a fine anno?
amore tra professore e studentessa
Firme
CONDIVIDI
«E se avessi un flirt con il mio professore?»
Lui fa strage di cuori, ma si può innamorare per davvero? La scrittrice Barbara Alberti risponde a una studentessa confusa