Vacanze: quanto si divertivano di più i giovani di una volta?

​Ora è tutto vietato sulla spiaggia e la generazione 2.0 è impegnata a chattare, a isolarsi con le cuffie e mettersi alla caccia dei Pokemon Go: cosa dire? Che noia

Più Popolare

L'estate della mia infanzia durava tre mesi. Novanta giorni di scialla impunita, di allegra corsa al galoppo in quella prateria sconfinata che erano le vacanze al plurale, una terra promessa di ozio azzurro cielo e sospensione delle regole. Il tempo non era diviso in settimane, l'arco tra giugno e settembre non era il business plan in formato Excel a cui abbiamo abituato i nostri figli (prima settimana campo scuola, seconda mare coi nonni, terza tennis e così via). I bambini per le vacanze non avevano voce in capitolo. Si adeguavano. Li caricavi sulla macchina o su un treno e andavano. Con un secchiello e due formine li facevi felici.

Advertisement - Continue Reading Below

Le vacanze di una volta

Si andava in spiaggia la mattina presto, massimo alle 10 che poi il sole fa male. Bagno alle 11, per digerire la colazione, e poi merenda e ombrellone. Si facevano giochi semplici e magnifici sulla sabbia. Le torri sbilenche, i castelli coi merli di conchiglie scheggiate, il vulcano col fumo che partiva da dentro, per il quale però ci voleva un adulto, perché serviva l'accendino. Il divertimento più grande era la gara di biglie. Per diversi anni ho avuto l'incarico esclusivo per le Grandi Opere, il mio sederotto aveva le caratteristiche "a norma" per la realizzazione di una pista ad hoc. Farsi trascinare coi piedi per aria, usando le natiche come una ruspa, era l'unico modo per giocare coi maschi che, quando si trattava di palline e palloni, non ti guardavano più.

Più Popolare

Mamme e figli

Le mamme stavano con le mamme, i figli coi figli. Nessuno chiedeva ai grandi di venire a giocare. La prole si intratteneva da sola. Infatti, a volte si annoiava moltissimo, soprattutto nelle ore della canicola o in quelle, infinite, in cui buttarsi in acqua era proibito. Si stava sotto l'ombrellone a fare brum brum con la macchinina, o a leggere Topolino. Sempre per terra. Il diritto alla sdraio era bandito ai minorenni.

Non era compito dei genitori intrattenere la prole. La prole si intratteneva da sola.

Le nuove generazioni 2.0

Fare la nostalgica è abitudine sgradevolissima, ma quando vedo certi siparietti familiari tra i vicini d'ombrellone, il "come eravamo" è inevitabile. Ragazzini musoni che si mettono in panciolle sul lettino; genitori in ansia da prestazione che non sanno cosa inventarsi, ipercinetici, ansiosi, stressati dalla performance atletica, perché non basta accompagnare il pargolo a "fare il morto" o due bracciate, bisogna lanciarsi in attività adrenalitiche - nuoto, sub, surf, moto d'acqua. Di secchielli se ne vedono sempre meno, le biglie non esistono più. In molti stabilimenti "smuovere la sabbia" è addirittura vietato. E anche giocare a pallone, a volley, a racchettoni. Così si vedono questi adolescenti annoiati fare sulla spiaggia quello che fanno normalmente a casa: chattare, isolarsi con le cuffie, imbambolarsi su Youtube. I più attivi si danno alla caccia dei Pokemon Go. E quando tornano a casa non si portano niente. Né la sabbia sotto vetro né i ricordi. Ché almeno così non diventano nostalgici. 

More from Gioia!:
kristen-stewart-lesbica-cool
Firme
CONDIVIDI
Kristen Stewart è il mio uomo ideale
Dacché l'attrice ha espresso inclinazioni gay mi basta guardarla per sentirmi fluida, pur essendo etero
A un anno dall'inizio della separazione, il matrimonio di Jennifer Garner e Ben Affleck ancora resiste: ecco perché certi amori non finiscono mai.
Firme
CONDIVIDI
Cara Jennifer, ecco perché certi amori non finiscono
La prima regola del matrimonio è: non è mai questione di corna
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi