Vacanze: quanto si divertivano di più i giovani di una volta?

​Ora è tutto vietato sulla spiaggia e la generazione 2.0 è impegnata a chattare, a isolarsi con le cuffie e mettersi alla caccia dei Pokemon Go: cosa dire? Che noia

Più Popolare

L'estate della mia infanzia durava tre mesi. Novanta giorni di scialla impunita, di allegra corsa al galoppo in quella prateria sconfinata che erano le vacanze al plurale, una terra promessa di ozio azzurro cielo e sospensione delle regole. Il tempo non era diviso in settimane, l'arco tra giugno e settembre non era il business plan in formato Excel a cui abbiamo abituato i nostri figli (prima settimana campo scuola, seconda mare coi nonni, terza tennis e così via). I bambini per le vacanze non avevano voce in capitolo. Si adeguavano. Li caricavi sulla macchina o su un treno e andavano. Con un secchiello e due formine li facevi felici.

Advertisement - Continue Reading Below

Le vacanze di una volta

Si andava in spiaggia la mattina presto, massimo alle 10 che poi il sole fa male. Bagno alle 11, per digerire la colazione, e poi merenda e ombrellone. Si facevano giochi semplici e magnifici sulla sabbia. Le torri sbilenche, i castelli coi merli di conchiglie scheggiate, il vulcano col fumo che partiva da dentro, per il quale però ci voleva un adulto, perché serviva l'accendino. Il divertimento più grande era la gara di biglie. Per diversi anni ho avuto l'incarico esclusivo per le Grandi Opere, il mio sederotto aveva le caratteristiche "a norma" per la realizzazione di una pista ad hoc. Farsi trascinare coi piedi per aria, usando le natiche come una ruspa, era l'unico modo per giocare coi maschi che, quando si trattava di palline e palloni, non ti guardavano più.

Più Popolare

Mamme e figli

Le mamme stavano con le mamme, i figli coi figli. Nessuno chiedeva ai grandi di venire a giocare. La prole si intratteneva da sola. Infatti, a volte si annoiava moltissimo, soprattutto nelle ore della canicola o in quelle, infinite, in cui buttarsi in acqua era proibito. Si stava sotto l'ombrellone a fare brum brum con la macchinina, o a leggere Topolino. Sempre per terra. Il diritto alla sdraio era bandito ai minorenni.

Non era compito dei genitori intrattenere la prole. La prole si intratteneva da sola.

Le nuove generazioni 2.0

Fare la nostalgica è abitudine sgradevolissima, ma quando vedo certi siparietti familiari tra i vicini d'ombrellone, il "come eravamo" è inevitabile. Ragazzini musoni che si mettono in panciolle sul lettino; genitori in ansia da prestazione che non sanno cosa inventarsi, ipercinetici, ansiosi, stressati dalla performance atletica, perché non basta accompagnare il pargolo a "fare il morto" o due bracciate, bisogna lanciarsi in attività adrenalitiche - nuoto, sub, surf, moto d'acqua. Di secchielli se ne vedono sempre meno, le biglie non esistono più. In molti stabilimenti "smuovere la sabbia" è addirittura vietato. E anche giocare a pallone, a volley, a racchettoni. Così si vedono questi adolescenti annoiati fare sulla spiaggia quello che fanno normalmente a casa: chattare, isolarsi con le cuffie, imbambolarsi su Youtube. I più attivi si danno alla caccia dei Pokemon Go. E quando tornano a casa non si portano niente. Né la sabbia sotto vetro né i ricordi. Ché almeno così non diventano nostalgici. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena