Adele e Rihanna, cantate bene e non pensate ai cellulari

​Invece di preoccuparsi delle foto degli spettatori al palco (vietatissime), dovrebbero esibirsi al meglio ai concerti: parola di Guia Soncini, che non le manda a dire alle due cantanti

Non so quando sia avvenuto il sorpasso. Mesi fa, quando Adele a Verona ha redarguito una tizia che riprendeva il concerto col telefonino? Settimane fa, quando Rihanna si è indispettita perché un tizio sotto il palco giocava a Pokémon Go? O in un punto qualunque della stagione di Hamilton, il musical di Broadway che ha vinto tutti i premi? Lin-Manuel Miranda, autore e protagonista dello spettacolo, ogni sera indicava al ludibrio di Twitter gli spettatori che avevano osato fare una foto al palco. Tu, che sei in platea quinta fila posto 23, ammoniva, ora ti mando uno della sicurezza a fartela cancellare. 

Advertisement - Continue Reading Below

A me è capitato a un altro spettacolo di Broadway, Blackbird. Volevo fare una foto al palco a recita finita: nell'ultima scena i due litigano rovesciandosi addosso spazzatura, e insomma il palco alla fine era disordinato e lercio come casa mia, ne volevo una prova. Proibitissimo, mi hanno detto in teatro: niente foto.

Lo ricorderemo come l'anno in cui, rispetto a chi filma un intero spettacolo col cellulare alzato, abbiamo iniziato a trovare più fastidiosi quelli sul palco – che, invece di concentrarsi per esibirsi al meglio, pensano a rieducare noialtri spettatori paganti.

Rihanna in concerto nel tour 2016.
More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada