L'aborto di Marina Abramovic, un diritto che fa ancora discutere

​L'artista ha rivelato di avere abortito perché l'arte è totalizzante: ne è nata una polemica, ma Guia Soncini segnala una mostra fotografica in Provenza sull'aborto clandestino che dovrebbe ricordarci i diritti conquistati

Una volta Simone de Beauvoir, all'insinuazione che scrivesse libri perché non era riuscita ad avere figli, rispose con un'ovvietà: non sarà che fate dei figli perché non siete capaci di scriver dei libri? Altre volte condannò l'ideologia della maternità (leggete Il secondo sesso: sembra scritto domani), o teorizzò che i figli si facciano per sentirsi meno sole. Simone de Beauvoir è morta nel 1986: ha quindi vissuto in quel lussuoso secolo in cui, se un'intellettuale diceva qualcosa sul mondo, poi al massimo doveva risponderne ad altri intellettuali, non a chiunque si annoi in ufficio e si metta a scrivere i propri pensierini su Facebook.

Advertisement - Continue Reading Below

Marina Abramovic ha 68 anni e, in un'intervista a un giornale tedesco, ha detto di aver abortito tre volte e che l'arte è una questione totalizzante e (sintesi mia) non ti lascia tempo né voglia di cambiare pannolini. Apriti cielo. Tra rivendicazioni della creatività delle madri (se sapessero che Marina non considera i loro pensierini su Facebook da Nobel per la letteratura, ne morirebbero), e accuse di esibizionismo (siamo sempre lì: se hai abortito devi tacere, se hai esercitato un diritto è tuo dovere vergognartene), l'utero di Abramovic è stato al centro del dibattito delle ultime settimane.

Più Popolare

Intanto in Provenza, ad Arles, l'artista spagnola Laia Abril espone un lavoro intitolato Sull'aborto (fino al 25 settembre 2016). È una storia fotografica dell'aborto clandestino, nei luoghi e nei tempi in cui quel diritto non era (non è) ancora un diritto. Intanto in Italia si discute del nostro dovere, prima di avvalerci d'un diritto, di parlare con un obiettore: uno che obietta al nostro diritto. Se non temessi il dibattito coi pensierini su Facebook, direi che viviamo in una strana epoca: quella in cui nessuno ti dice che la tua sensibilità è un problema tuo. E invece, che tu sia obiettore o titolare di una connessione wifi, se le mie scelte riproduttive offendono la tua sensibilità la risposta è solo una: pazienza.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...