L'aborto di Marina Abramovic, un diritto che fa ancora discutere

​L'artista ha rivelato di avere abortito perché l'arte è totalizzante: ne è nata una polemica, ma Guia Soncini segnala una mostra fotografica in Provenza sull'aborto clandestino che dovrebbe ricordarci i diritti conquistati

Una volta Simone de Beauvoir, all'insinuazione che scrivesse libri perché non era riuscita ad avere figli, rispose con un'ovvietà: non sarà che fate dei figli perché non siete capaci di scriver dei libri? Altre volte condannò l'ideologia della maternità (leggete Il secondo sesso: sembra scritto domani), o teorizzò che i figli si facciano per sentirsi meno sole. Simone de Beauvoir è morta nel 1986: ha quindi vissuto in quel lussuoso secolo in cui, se un'intellettuale diceva qualcosa sul mondo, poi al massimo doveva risponderne ad altri intellettuali, non a chiunque si annoi in ufficio e si metta a scrivere i propri pensierini su Facebook.

Advertisement - Continue Reading Below

Marina Abramovic ha 68 anni e, in un'intervista a un giornale tedesco, ha detto di aver abortito tre volte e che l'arte è una questione totalizzante e (sintesi mia) non ti lascia tempo né voglia di cambiare pannolini. Apriti cielo. Tra rivendicazioni della creatività delle madri (se sapessero che Marina non considera i loro pensierini su Facebook da Nobel per la letteratura, ne morirebbero), e accuse di esibizionismo (siamo sempre lì: se hai abortito devi tacere, se hai esercitato un diritto è tuo dovere vergognartene), l'utero di Abramovic è stato al centro del dibattito delle ultime settimane.

Più Popolare

Intanto in Provenza, ad Arles, l'artista spagnola Laia Abril espone un lavoro intitolato Sull'aborto (fino al 25 settembre 2016). È una storia fotografica dell'aborto clandestino, nei luoghi e nei tempi in cui quel diritto non era (non è) ancora un diritto. Intanto in Italia si discute del nostro dovere, prima di avvalerci d'un diritto, di parlare con un obiettore: uno che obietta al nostro diritto. Se non temessi il dibattito coi pensierini su Facebook, direi che viviamo in una strana epoca: quella in cui nessuno ti dice che la tua sensibilità è un problema tuo. E invece, che tu sia obiettore o titolare di una connessione wifi, se le mie scelte riproduttive offendono la tua sensibilità la risposta è solo una: pazienza.

Read Next:
justin bieber concerto con due ballerine
Firme
CONDIVIDI
Volevo essere la madre di Justin Bieber
Viva i giovani: quelli che sanno sognare in grande, come Bieber, e quelli che gli sgambetti della vita non li ferma, come Bebe Vio
Per Kim Kardashian il 2016 è stato l'anno più difficile
Firme
CONDIVIDI
Kim Kardashian, propositi per l'anno nuovo
Il 2016 è stato un anno disgraziato, ecco come superare il trauma
Firme
CONDIVIDI
Sì, sembro più giovane: lo scriverò sul biglietto da visita
Sono decenni che mi sento dire che non dimostro la mia età, alla millesima replica è impossibile non annoiarsi
Firme
CONDIVIDI
Laura Boldrini e gli insulti sessisti
Nella Giornata contro la violenza sulle donne la presidente della Camera ha reso pubblici minacce e offese ricevute dui social
matteo maffucci aperitivo milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, sto iniziando a volare
Vola il desiderio di continuare a scoprire, realizzarmi e capirmi, volo io per le strade fra incontri, battute amici vecchi e nuovi
Firme
CONDIVIDI
Chi esulta per la morte di Castro?
È stato un dittatore brutale, ma non peggio di altri che continuano a esercitare il loro potere con il consenso dell'Occidente
Firme
CONDIVIDI
Lasciateci almeno Babbo Natale!
Dire subito la verità ai bambini, anche la più crudele, o nascondergliela finché è possibile. Poi c'è una terza scuola di pensiero : il...
Carrie Fisher ha avuto una storia con Harrison Ford durante Star Wars
Firme
CONDIVIDI
Cara Carrie, anch'io ho avuto una storia con Harrison Ford
Solo che la mia era immaginaria, e non avrei mai avuto la forza di tenerla segreta per 40 anni
Firme
CONDIVIDI
Se il referendum è un voto su Renzi
Il risultato del 4 dicembre sarà un test sul governo più che la decisione di abolire o meno il bicameralismo perfetto
Firme
CONDIVIDI
Milano è davvero violenta come la dipingono?
I reati nel capoluogo lombardo sono scesi in 10 anni del 36%, ma i titoli dei giornali insistono con l'allarmismo