Prova bikini, non ho più l'ansia da prestazione

Budine o toniche, abbondanti o segaligne, gnocche naturali o gnocche ad alta manutenzione, siamo belle tutte al mare: abbronzate e sorridenti, baciate dal sole, godiamoci le vacanze!

Più Popolare

Ho capito di essere diventata grande quest'estate. Grande, non vecchia. Ché vecchia è una brutta parola e non mi ci sento neanche un po'. Grande inteso come pacificata, saggia, ché pure matura non mi piace, mi fa sentire una pera.

In costume senza troppe paranoie

Dunque, è successo al mare. Ma forse anche un po' prima. Nel negozio dove ho provato un costume senza fare le solite smorfie di disgusto. L'ho infilato e l'ho tolto senza tante storie, come se fosse una giacca o un maglione, giusto per sapere se mi stava o no. Nessun sopracciglio alzato a soppesare avvallamenti e bitorzoli, nessun'aria di compatimento di fronte a quel pezzo di femmina orgogliosamente matelassé. Come fanno le persone adulte, presumo. Come facevano mia madre e mia nonna prima che esistesse quel tormentone della prova bikini. E il bikini, poi, nemmeno lo mettevano, abituate com'erano a indossare quelle armature di Lycra spessa con fodera e coppe rinforzate color carne, che in confronto il burkini mi sembra una tenuta da Bond girl.

Advertisement - Continue Reading Below

Niente ansia da prestazione, finalmente!

È stato bello sentirsi finalmente esonerate come loro dai test da spiaggia, preoccuparsi solo dell'angolazione migliore per esporre il lettino al sole o del venditore meglio fornito di parei senza pensare di essere a un concorso di Miss Italia (ma ci siamo viste, tutte quante?), senza guardare e fare i confronti con le altre. Quelle col seno a pallina da tennis, quelle col perizoma stringatissimo, quelle scicchissime in costume intero, quelle in topless, quelle con la mutanda alta e quelle in triangolino brasiliano. Tutte lì in ansia da prestazione. Per capire se la dieta ha funzionato, se il ciclo di massaggi è stato ammortizzato, se l'Lpg valeva lapena… Serene. Perché tanto non vi guarda nessuno, ci si guarda solo tra noi. Con quell'occhio lì, intendo: chirurgico. Che siate budine o toniche, abbondanti o segaligne, gnocche naturali o gnocche ad alta manutenzione, siete belle tutte al mare: abbronzate e sorridenti, baciate dal sole.

Più Popolare

Godersi il sole, il mare e il buon cibo

E così, con questa convinzione, ho anche mangiato tutto. Senza esagerare, ma tutto. Mi sono goduta con voluttuosa e scientifica incoscienza i sapori delle vacanze. Le melanzane e la mozzarella del Cilento, il Krusty Burger di Springfield, Universal Studios LA, e il mango con chili e limone di Venice Beach. Senza ascoltare i menagrami del conto calorico, i nemici del carboidrato, i fan del digiuno forzato, i crociati del gluten-free, sugar-free, fat-free, smile-free… che sempre s'incontrano sul proprio cammino. Ignorandoli letteralmente. Perché sono adulta e vaccinata e so come non farmi del male senza trasformare la vita in qualcosa d'insipido.

Mi sono goduta con voluttuosa e scientifica incoscienza i sapori delle vacanze

Le paranoie le lascio alle ragazzine, alle mie figlie, semmai si lasceranno abbindolare. Io ho già dato. Ora posso occuparmi solo del mare, del sole, del vento, delle cose belle che vedo intorno a me. Della gioia e del piacere al netto di tutte le scemenze. Bastava alzare gli occhi, chi l'avrebbe detto?

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena