Prova bikini, non ho più l'ansia da prestazione

Budine o toniche, abbondanti o segaligne, gnocche naturali o gnocche ad alta manutenzione, siamo belle tutte al mare: abbronzate e sorridenti, baciate dal sole, godiamoci le vacanze!

Più Popolare

Ho capito di essere diventata grande quest'estate. Grande, non vecchia. Ché vecchia è una brutta parola e non mi ci sento neanche un po'. Grande inteso come pacificata, saggia, ché pure matura non mi piace, mi fa sentire una pera.

In costume senza troppe paranoie

Dunque, è successo al mare. Ma forse anche un po' prima. Nel negozio dove ho provato un costume senza fare le solite smorfie di disgusto. L'ho infilato e l'ho tolto senza tante storie, come se fosse una giacca o un maglione, giusto per sapere se mi stava o no. Nessun sopracciglio alzato a soppesare avvallamenti e bitorzoli, nessun'aria di compatimento di fronte a quel pezzo di femmina orgogliosamente matelassé. Come fanno le persone adulte, presumo. Come facevano mia madre e mia nonna prima che esistesse quel tormentone della prova bikini. E il bikini, poi, nemmeno lo mettevano, abituate com'erano a indossare quelle armature di Lycra spessa con fodera e coppe rinforzate color carne, che in confronto il burkini mi sembra una tenuta da Bond girl.

Advertisement - Continue Reading Below

Niente ansia da prestazione, finalmente!

È stato bello sentirsi finalmente esonerate come loro dai test da spiaggia, preoccuparsi solo dell'angolazione migliore per esporre il lettino al sole o del venditore meglio fornito di parei senza pensare di essere a un concorso di Miss Italia (ma ci siamo viste, tutte quante?), senza guardare e fare i confronti con le altre. Quelle col seno a pallina da tennis, quelle col perizoma stringatissimo, quelle scicchissime in costume intero, quelle in topless, quelle con la mutanda alta e quelle in triangolino brasiliano. Tutte lì in ansia da prestazione. Per capire se la dieta ha funzionato, se il ciclo di massaggi è stato ammortizzato, se l'Lpg valeva lapena… Serene. Perché tanto non vi guarda nessuno, ci si guarda solo tra noi. Con quell'occhio lì, intendo: chirurgico. Che siate budine o toniche, abbondanti o segaligne, gnocche naturali o gnocche ad alta manutenzione, siete belle tutte al mare: abbronzate e sorridenti, baciate dal sole.

Più Popolare

Godersi il sole, il mare e il buon cibo

E così, con questa convinzione, ho anche mangiato tutto. Senza esagerare, ma tutto. Mi sono goduta con voluttuosa e scientifica incoscienza i sapori delle vacanze. Le melanzane e la mozzarella del Cilento, il Krusty Burger di Springfield, Universal Studios LA, e il mango con chili e limone di Venice Beach. Senza ascoltare i menagrami del conto calorico, i nemici del carboidrato, i fan del digiuno forzato, i crociati del gluten-free, sugar-free, fat-free, smile-free… che sempre s'incontrano sul proprio cammino. Ignorandoli letteralmente. Perché sono adulta e vaccinata e so come non farmi del male senza trasformare la vita in qualcosa d'insipido.

Mi sono goduta con voluttuosa e scientifica incoscienza i sapori delle vacanze

Le paranoie le lascio alle ragazzine, alle mie figlie, semmai si lasceranno abbindolare. Io ho già dato. Ora posso occuparmi solo del mare, del sole, del vento, delle cose belle che vedo intorno a me. Della gioia e del piacere al netto di tutte le scemenze. Bastava alzare gli occhi, chi l'avrebbe detto?

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi