Jennifer Anniston, condannata a essere per sempre l'ex di Brad Pitt

Nei giornali vince sempre l'informazione più nota: la cosa più popolare che ha fatto l'attrice è stata sposare Brad, e quindi resta la sua ex moglie, anche se ora è la consorte di Justin Theroux, ci fa notare Guia Soncini

Più Popolare

Una cosa utile per combattere il sessismo è: non diluirlo. Non chiamare tutto «sessismo», altrimenti il concetto perde potenza. Se tutto è sessismo, il sessismo smette di preoccuparmi: mica posso stare preoccupata ogni minuto. A volte c'entrano altri fattori, in un comportamento che non ti piace, e non il fatto che sei una donna. In quei casi, non bisognerebbe fingere di credere che c'entri il sessismo solo perché è un'etichetta à la page. Magari sul breve termine funziona (se strilli «sessismo», qualcuno si volta), ma è un po' offensivo verso chi viene davvero discriminata solo perché donna. 

Advertisement - Continue Reading Below

Shoshanna Lonstein Gruss è una celebrità che non avete mai sentito nominare. Un paio di settimane fa i ladri sono entrati a casa sua e hanno rubato gioielli per un milione e mezzo di dollari. I giornali americani non hanno titolato «rapinata la stilista Shoshanna Eccetera», perché sennò quello sarebbe stato un articolo non letto sul furto a casa d'una stilista ignota ai più (possedete un suo capo? No? Neanch'io). Hanno titolato «l'ex fidanzata di Jerry Seinfeld»: negli anni '90, infatti, la signora fu fidanzata col comico più famoso d'America. 

Più Popolare

Lena Dunham ha prontamente ospitato Shoshanna sulla sua newsletter, Lenny, per farle dire quanto sia sessista ridurla a ex fidanzata di qualcuno. Siccome più efficace del ricatto del sessismo c'è solo quello della maternità, Shoshanna ha concluso il suo resoconto di vibrante sdegno giurando che non avrebbe permesso che i suoi «tre angioletti» vedessero la mamma sminuita così. Giuro, ha scritto «tre angioletti». 

A volte la spiegazione è più banale di «sessismo». Per esempio: per i titoli si usa l'informazione più nota. Persino una voce del curriculum sentimentale se, come in questo caso, è quello il dettaglio per cui chi sfoglia i giornali ti conosce. Su Lenny, Shoshanna scrive che mette tanto impegno nel disegnare i suoi vestiti: bene, però ciò non l'ha – ancora – resa un nome riconoscibile nel mondo della moda. Se accadrà, la voce «ex di» non servirà più: avete mai letto «Donna Karan, ex fidanzata di»?

Leggereste un articolo su Larry Fortensky se il titolo non v'informasse che è un ex marito di Elizabeth Taylor? Su Paul Beck se non vi precisassero che è l'ex di Donatella Versace? Non si tratta di sessismo, ovvero di far prevalere il maschio: a vincere è il più famoso. 

Non credo d'aver mai visto un giornale scrivere di Jennifer Aniston senza precisare «ex moglie di Brad Pitt», sebbene i due siano stati sposati per cinque anni a inizio secolo e dalla loro separazione sia ormai passato più del doppio del tempo di quanto fosse durato il matrimonio. Questo nonostante Aniston negli anni '90 facesse uno dei telefilm più visti al mondo (Friends, per chi è così vecchia da ricordarselo). 

È perché domina il maschio, seppure ex? No: è perché, se vi chiedo il titolo di un film di Jennifer Aniston degli ultimi dieci anni, dovete cercare su Google la risposta. Non è che siamo sessisti, noi dei giornali: è che la cosa più popolare che ha fatto Jennifer in questo secolo è stata sposare Brad. La prova definitiva è che nessuno scrive di lei «moglie di Justin Theroux», il manzo che ha sposato l'anno scorso. Non lo fanno perché la fama è ingiusta e capricciosa: Justin è molto più figo di Brad, ma Brad è più famoso di lui – per ora. 

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia
10 coppie vip protagoniste del gossip 2017
Firme
CONDIVIDI
10 coppie di cui sparlare nel 2017
Chi sale, chi scende, chi non ne può più: quante arriveranno a fine anno?
amore tra professore e studentessa
Firme
CONDIVIDI
«E se avessi un flirt con il mio professore?»
Lui fa strage di cuori, ma si può innamorare per davvero? La scrittrice Barbara Alberti risponde a una studentessa confusa
Milano Zucchero e Catrame, anche io voglio far volare le sedie
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, anche io voglio far volare le sedie
Torno a Milano e non vedo l'ora: porto con me due valigie, una foto di Salvador Dalì e i miei buoni propositi (sempre gli stessi)