Il talento purissimo di Anna Marchesini

Le sue cose sembravano scritte e recitate non ieri ma domani, poi un giorno muore e benedici YouTube che la rende immortale​: cercate I promessi sposi trio​, un classico più dell'originale,dice Guia Soncini nel suo ricordo dell'attrice

D'estate la tv saccheggia gli archivi, ed è allora che t'accorgi di quanto sia invecchiata male la comicità di  30 anni fa. Non ha la bellezza formale di quella in bianco e nero degli anni '60, fa solo pensare: ma come faceva a farci ridere? Esistono eccezioni, certo. Talenti purissimi le cui cose sembrano scritte e recitate non ieri ma domani. Uno è Corrado Guzzanti, l'altra era Anna Marchesini, che è morta la settimana scorsa, il 30 luglio, a 62 anni. 

Advertisement - Continue Reading Below

Se avete un'età per cui nel 1990 non guardavate Rai1 la sera, cercate su YouTube I promessi sposi trio. Assieme a Massimo Lopez e Tullio Solenghi – il Trio era la formazione in cui si esibirono dall'82 al '95 – Anna Marchesini fece una versione comica di I promessi sposi che è un classico più dell'originale: regge al tempo molto meglio del libro. In ogni scena c'è un numero di idee con cui altri farebbero un'intera carriera. Altri meno virtuosi di lei, che lì dentro è la fatina che prova a salvarli ma anche la madre di Lucia che flirta con Renzo. (Il presente è invecchiato ancora peggio: la parodia andava in onda dove ora ci sono fiction strappalacrime). 

Più Popolare

Anna Marchesini aveva quella qualità di certi pezzi del nostro dna, Lucio Dalla per esempio, che sono in circolo anche se non lo sappiamo, anche se non ne parliamo mai. Poi un giorno muore, e ti ritrovi a pensare che ogni volta che non trovi gli occhiali dici «Siccome che so' 'cecata», che era la sua signorina Carlo; o che rompi il ghiaccio con gli sconosciuti dicendo «Salve, sono la cameriera secca dei signori Montagner». Poi un giorno muore e benedici YouTube, che rende immortale quella volta che fece Franca Falcucci, allora ministro dell'istruzione, e promise a Pippo Baudo e a noi piccine di mettere in programma i Duran Duran – invecchiati, loro, almeno quanto Manzoni.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna