Il talento purissimo di Anna Marchesini

Le sue cose sembravano scritte e recitate non ieri ma domani, poi un giorno muore e benedici YouTube che la rende immortale​: cercate I promessi sposi trio​, un classico più dell'originale,dice Guia Soncini nel suo ricordo dell'attrice

D'estate la tv saccheggia gli archivi, ed è allora che t'accorgi di quanto sia invecchiata male la comicità di  30 anni fa. Non ha la bellezza formale di quella in bianco e nero degli anni '60, fa solo pensare: ma come faceva a farci ridere? Esistono eccezioni, certo. Talenti purissimi le cui cose sembrano scritte e recitate non ieri ma domani. Uno è Corrado Guzzanti, l'altra era Anna Marchesini, che è morta la settimana scorsa, il 30 luglio, a 62 anni. 

Advertisement - Continue Reading Below

Se avete un'età per cui nel 1990 non guardavate Rai1 la sera, cercate su YouTube I promessi sposi trio. Assieme a Massimo Lopez e Tullio Solenghi – il Trio era la formazione in cui si esibirono dall'82 al '95 – Anna Marchesini fece una versione comica di I promessi sposi che è un classico più dell'originale: regge al tempo molto meglio del libro. In ogni scena c'è un numero di idee con cui altri farebbero un'intera carriera. Altri meno virtuosi di lei, che lì dentro è la fatina che prova a salvarli ma anche la madre di Lucia che flirta con Renzo. (Il presente è invecchiato ancora peggio: la parodia andava in onda dove ora ci sono fiction strappalacrime). 

Più Popolare

Anna Marchesini aveva quella qualità di certi pezzi del nostro dna, Lucio Dalla per esempio, che sono in circolo anche se non lo sappiamo, anche se non ne parliamo mai. Poi un giorno muore, e ti ritrovi a pensare che ogni volta che non trovi gli occhiali dici «Siccome che so' 'cecata», che era la sua signorina Carlo; o che rompi il ghiaccio con gli sconosciuti dicendo «Salve, sono la cameriera secca dei signori Montagner». Poi un giorno muore e benedici YouTube, che rende immortale quella volta che fece Franca Falcucci, allora ministro dell'istruzione, e promise a Pippo Baudo e a noi piccine di mettere in programma i Duran Duran – invecchiati, loro, almeno quanto Manzoni.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?