Hillary Clinton deve diventare il prossimo presidente degli Usa

Se ce l'ha fatta ad arrivare fin qui «malgrado» sia una donna significa che vale il doppio​, lei ci riscatta tutte: è noi, su una scala più ampia

Più Popolare

Hillary Clinton «deve» diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti. E non perché è la «prima candidata donna» alla Casa Bianca, una nomination storica, ma perché se lo merita. Sarebbe stata il più valido successore di Obama anche se fosse stata un maschio. Ma in più è femmina. E se ce l'ha fatta ad arrivare fin qui, «malgrado» sia femmina, significa che vale doppio. Perché doppio è stato l'impegno che ci ha dovuto mettere per dimostrare di essere all'altezza di quel ruolo. Non succede così anche in imprese meno impegnative di una corsa per la presidenza? Hillary ci riscatta tutte. È noi, su scala più ampia.

Advertisement - Continue Reading Below

Da First Lady a prima donna presidente

Hillary Clinton «deve» essere il prossimo presidente degli Stati Uniti perché sa come si fa. Essendolo già stato in veste di first lady quando ha orchestrato e diretto l'ascesa del marito Bill prendendo per sé la parte peggiore, quella della spalla «bacchettona» di una simpatica canaglia. Persino quand'era la moglie tradita, sotto sotto si tifava per lui, così sfacciatamente umano e pasticcione, da farlo sembrare «uno di noi». Le debolezze di Mr. Clinton, almeno per noi europei, erano la sua forza: gli spinelli fumati «senza aspirare», la tresca con la stagista, le scuse formali e imbarazzate in tv, sembravano marachelle da Tempo delle mele a noi che guardavamo lo spettacolo da qui, pubblico notoriamente avvezzo a ben altre magagne delle «alte sfere». Per questo non abbiamo capito fino in fondo la forza del «perdono» di Mrs. Clinton, che fosse sincero o guidato dalla ragion di Stato. Ma abbiamo apprezzato la pazienza. Digerire, incassare, aspettare. 15 anni sono un tempo sufficiente per riscuotere: ora è Bill che deve renderle il favore. E lo sta facendo egregiamente: «Se volete davvero cambiare per il meglio le vostre vite, non conosco nessuno più capace di Hillary». E il ragazzo sa di cosa parla...

Più Popolare

Per un'America che guarda avanti

Hillary deve vincere queste elezioni anche per dimostrare la superiorità dell'intelligenza sulla superficialità, del sacrificio sull'improvvisazione. Non sono solo un uomo di idee repubblicane e una donna di fede democratica che si fronteggiano ma due visioni della vita e del mondo: da una parte il tycoon che la spara grossa, che cavalca la paura e innalza i muri; dall'altra «la persona con più esperienza mai candidata alla Casa Bianca» come ha scritto il New York Times – due volte senatrice, ex segretario di Stato di Obama – che vuole ridurre il gap tra i ricchi e i poveri, aiutare la classe media, favorire la parità di genere, sostenere le minoranze, promuovere i diritti umani nel mondo. Ai suoi elettori non propone una «America che torna grande», ma un'America che guarda avanti. Ai giovani, al futuro, alle ragazze. «Non posso credere che, insieme, abbiamo crepato il soffitto di vetro – ha detto alla convention di Philadelphia – Questa è una vostra vittoria. E se c'è in questo momento una bambina che sta guardandoci, fatemi dire: io posso diventare la prima donna presidente, ma una di voi sarà la prossima». E qui mi è scappata la lacrimuccia.

More from Gioia!:
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes