Hillary Clinton deve diventare il prossimo presidente degli Usa

Se ce l'ha fatta ad arrivare fin qui «malgrado» sia una donna significa che vale il doppio​, lei ci riscatta tutte: è noi, su una scala più ampia

Più Popolare

Hillary Clinton «deve» diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti. E non perché è la «prima candidata donna» alla Casa Bianca, una nomination storica, ma perché se lo merita. Sarebbe stata il più valido successore di Obama anche se fosse stata un maschio. Ma in più è femmina. E se ce l'ha fatta ad arrivare fin qui, «malgrado» sia femmina, significa che vale doppio. Perché doppio è stato l'impegno che ci ha dovuto mettere per dimostrare di essere all'altezza di quel ruolo. Non succede così anche in imprese meno impegnative di una corsa per la presidenza? Hillary ci riscatta tutte. È noi, su scala più ampia.

Advertisement - Continue Reading Below

Da First Lady a prima donna presidente

Hillary Clinton «deve» essere il prossimo presidente degli Stati Uniti perché sa come si fa. Essendolo già stato in veste di first lady quando ha orchestrato e diretto l'ascesa del marito Bill prendendo per sé la parte peggiore, quella della spalla «bacchettona» di una simpatica canaglia. Persino quand'era la moglie tradita, sotto sotto si tifava per lui, così sfacciatamente umano e pasticcione, da farlo sembrare «uno di noi». Le debolezze di Mr. Clinton, almeno per noi europei, erano la sua forza: gli spinelli fumati «senza aspirare», la tresca con la stagista, le scuse formali e imbarazzate in tv, sembravano marachelle da Tempo delle mele a noi che guardavamo lo spettacolo da qui, pubblico notoriamente avvezzo a ben altre magagne delle «alte sfere». Per questo non abbiamo capito fino in fondo la forza del «perdono» di Mrs. Clinton, che fosse sincero o guidato dalla ragion di Stato. Ma abbiamo apprezzato la pazienza. Digerire, incassare, aspettare. 15 anni sono un tempo sufficiente per riscuotere: ora è Bill che deve renderle il favore. E lo sta facendo egregiamente: «Se volete davvero cambiare per il meglio le vostre vite, non conosco nessuno più capace di Hillary». E il ragazzo sa di cosa parla...

Più Popolare

Per un'America che guarda avanti

Hillary deve vincere queste elezioni anche per dimostrare la superiorità dell'intelligenza sulla superficialità, del sacrificio sull'improvvisazione. Non sono solo un uomo di idee repubblicane e una donna di fede democratica che si fronteggiano ma due visioni della vita e del mondo: da una parte il tycoon che la spara grossa, che cavalca la paura e innalza i muri; dall'altra «la persona con più esperienza mai candidata alla Casa Bianca» come ha scritto il New York Times – due volte senatrice, ex segretario di Stato di Obama – che vuole ridurre il gap tra i ricchi e i poveri, aiutare la classe media, favorire la parità di genere, sostenere le minoranze, promuovere i diritti umani nel mondo. Ai suoi elettori non propone una «America che torna grande», ma un'America che guarda avanti. Ai giovani, al futuro, alle ragazze. «Non posso credere che, insieme, abbiamo crepato il soffitto di vetro – ha detto alla convention di Philadelphia – Questa è una vostra vittoria. E se c'è in questo momento una bambina che sta guardandoci, fatemi dire: io posso diventare la prima donna presidente, ma una di voi sarà la prossima». E qui mi è scappata la lacrimuccia.

More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»