Beyoncé, esempio perfetto di cosciona di successo

La cantante dimostra che infliggersi privazioni alimentari per entrare in una taglia 40 non è garanzia di riuscita nella vita​, parola di Guia Soncini

Più Popolare

Tutte le mie amiche sono magre. Taglie 40 dal tignoso mantenimento. Tre giorni di digiuno per ogni volta che si concedono una pizza (e comunque ne mangiano mezza, quella volta). Settimane di detox neanche dovessero presentare Sanremo e non, al massimo, presenziare alla recita scolastica dei figli.

Tutte le mie amiche sono d'insuccesso. Nessuna è la migliore nel suo campo professionale, e nessuna fa quelle vite invidiabili che fanno le star su Instagram. Le mie amiche s'infliggono le privazioni alimentari di Gisele, per poi, con la loro faticosa 40, fare la vita della signora Pina Fantozzi.

Advertisement - Continue Reading Below

Nessuna, credo, ha realizzato i propri sogni di bambina. A meno che il sogno non fosse «essere la più magra del gruppo delle mamme che aspettano i figli fuori dalla scuola elementare di Rogoredo», invece che più banali «ballerina», «astronauta», «capo del mondo» (io sognavo «moglie di miliardario»: ero una bambina così sciocca da ritenerla un'occupazione di tutto riposo).

La signora Carter, nata Beyoncé Knowles, ne ha realizzati almeno due: moglie di miliardario e capo del mondo. La settimana scorsa ha portato il suo dominio a Milano. Il giorno dopo, nelle conversazioni che m'è capitato di origliare, nessuna domandava cos'avesse cantato o quanto fosse faraonico l'impianto scenico. Chi non era andata al concerto chiedeva a chi c'era: era cosciona, vero?

Più Popolare

Beyoncé on stage durante un concerto.

Mi sono domandata come tradurre il quesito: cosa stavano chiedendo davvero? La conferma ai loro timori, cioè che la più rilevante star globale metta lo zucchero nel caffè? O invece la consolazione parziale: sì, è grossa ma è perché è muscolosa, è alta, è un'atleta, mica è così di successo pur essendo – santo cielo – sovrappeso. Che risposta volevano?

Non lo so, ma ero molto sollevata ogni volta che qualche spettatrice confermava: sì, coscionissima. Vedevo un luccichio negli occhi delle 40: il luccichio di chi, la sera, si sarebbe concessa una pizza intera. Tanto, se metteva su un etto, poteva sempre proclamarsi la Beyoncé di Lambrate.

Read Next:
justin bieber concerto con due ballerine
Firme
CONDIVIDI
Volevo essere la madre di Justin Bieber
Viva i giovani: quelli che sanno sognare in grande, come Bieber, e quelli che gli sgambetti della vita non li ferma, come Bebe Vio
Per Kim Kardashian il 2016 è stato l'anno più difficile
Firme
CONDIVIDI
Kim Kardashian, propositi per l'anno nuovo
Il 2016 è stato un anno disgraziato, ecco come superare il trauma
Firme
CONDIVIDI
Sì, sembro più giovane: lo scriverò sul biglietto da visita
Sono decenni che mi sento dire che non dimostro la mia età, alla millesima replica è impossibile non annoiarsi
Firme
CONDIVIDI
Laura Boldrini e gli insulti sessisti
Nella Giornata contro la violenza sulle donne la presidente della Camera ha reso pubblici minacce e offese ricevute dui social
matteo maffucci aperitivo milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, sto iniziando a volare
Vola il desiderio di continuare a scoprire, realizzarmi e capirmi, volo io per le strade fra incontri, battute amici vecchi e nuovi
Firme
CONDIVIDI
Chi esulta per la morte di Castro?
È stato un dittatore brutale, ma non peggio di altri che continuano a esercitare il loro potere con il consenso dell'Occidente
Firme
CONDIVIDI
Lasciateci almeno Babbo Natale!
Dire subito la verità ai bambini, anche la più crudele, o nascondergliela finché è possibile. Poi c'è una terza scuola di pensiero : il...
Carrie Fisher ha avuto una storia con Harrison Ford durante Star Wars
Firme
CONDIVIDI
Cara Carrie, anch'io ho avuto una storia con Harrison Ford
Solo che la mia era immaginaria, e non avrei mai avuto la forza di tenerla segreta per 40 anni
Firme
CONDIVIDI
Se il referendum è un voto su Renzi
Il risultato del 4 dicembre sarà un test sul governo più che la decisione di abolire o meno il bicameralismo perfetto
Firme
CONDIVIDI
Milano è davvero violenta come la dipingono?
I reati nel capoluogo lombardo sono scesi in 10 anni del 36%, ma i titoli dei giornali insistono con l'allarmismo