La malattia è una questione privata?

Shannen Doherty, l'attrice che interpretava Brenda in Beverly Hills 90210, ha postato sui social le sue foto con i capelli rasati dopo la chemioterapia: è giusto condividere il dolore?

Più Popolare

Brenda Walsh in Beverly Hills 90210, serie cult della nostra giovinezza, era quella antipatica. Aveva anche una faccia strana, asimmetrica. Tuttavia Shannen Doherty, che dava il volto a Brenda, aveva stuoli di fan. Malgrado quell'esordio esplosivo, però, non è poi diventata davvero una star, almeno in Italia. Oggi ha 45 anni,
e il cancro. Non avrei saputo più niente di lei, se non avesse postato su Instagram alcune foto in cui un'amica le taglia i capelli a zero in vista di un'imminente chemioterapia (a febbraio, ho scoperto, si è già sottoposta a una mastectomia).

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

È giusto condividere il dolore?

Fa sempre effetto l'esibizione della fragilità. Avvicina, turba, spaventa. Risveglia anche tanti interrogativi. È giusto condividere il dolore? Spettacolarizzare la malattia? Perché lo fa chi lo fa? Sono domande che mi sono fatta guardando le foto di Shannen che sorride allo specchio mentre le ciocche cadono a terra, e abbraccia la madre in una smorfia di disperazione. Non ha bisogno di pudore, di intimità, di privacy il dolore?

In un momento si cade

Ha bisogno soprattutto di ascolto, credo. E di empatia. Di qualcuno che si prenda una parte del carico che ti è piombato addosso e ti tiri fuori dalla buca in cui sei franato un giorno per caso, scoprendo una cosa che non sapevi di avere (il valore sballato di un esame, il cuore meno forte di quel che pensavi, un nodulino sospetto sotto al seno). Ci sentiamo tutti forti e immortali quando mettiamo i piedi sul profilo tracciato delle nostre vite, certi che riusciremo ad aggirare le buche, schivare i pericoli. Poi in un momento si cade. Senza preavviso. E niente è più come prima. Non bastano la volontà né l'impegno né l'ottimismo né tutte quelle belle frasi che sempre si dicono per tirare un po' su, per riavvolgere il nastro. Perché quello vorresti: riprendere da lì dov'eri rimasto, non salvarti soltanto. Sentirti di nuovo intatto. Non solo nel corpo, che non comandi più come vorresti, ma nella percezione che hai di te, in quella granitica, balorda convinzione che a te certe cose non capitino, che tu sei diverso. 

Siete state grandi, non vi dimenticheremo

Il prima e il dopo, è un bivio a cui si arriva sempre, non c'è scampo. E sempre in quel punto lì. Quello in cui ti sei appena detto: «Però, ci sono arrivato bene fin qua». Quello in cui ti senti giovane dentro, ma un po' acciaccato fuori e pensi di averla sfangata così «l'età che avanza», col fiatone sulle scale e la pizza che ti resta sullo stomaco la sera. E invece. Se ci ricordassimo che siamo frangibili e mortali, non perderemmo più tempo a vivere e gioire, innamorarci, viaggiare, passare ore e ore in ufficio. Tutto ci sembrerebbe inutile, una presa in giro. È una fortuna dimenticarsene. E a volte si va avanti, a volte no. A Brenda vorrei dire che dal tumore al seno si guarisce, otto volte su dieci. E si ritorna belle. Come Kylie Minogue, Anastasia, Cynthia Nixon, più tante delle mie amiche. A chi non ce l'ha fatta, come Letizia Leviti, giornalista di Sky scomparsa a soli 45 anni, come Irene Bernardini − favolosa psicologa che seguivo con passione sul suo blog – soltanto: siete state grandi, non vi dimenticheremo.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda