La strage di Nizza e la fine dell'innocenza

Per me era la città delle estati spensierate e noi ragazzi ci sentivamo l'avamposto di una società multirazziale, ma dopo l'attentato terroristico del 14 luglio 2016 il risveglio è stato brusco: l'integrazione era stata solo apparente

Più Popolare

Nizza è sempre stata per me la città delle estati spensierate. La Francia a portata di mano, più moules-frites che escargot, sorniona, accogliente, senza la spocchia di Cannes. Si aspettava con ansia insieme a mia cugina la fine della scuola per scappare in quella zona franca di adolescenza sfrenata, dove l'unica regola era il corso di lingua al mattino − tra torinesi di buona famiglia, tedeschi in bermuda, asiatici in batteria − e poi, assolto il dovere, spiaggia e piacere fino a sera, su e giù per quella Promenade Des Anglais che odorava di mare, creme solari e feromoni.

Advertisement - Continue Reading Below

Ci sentivamo parte dello stesso mondo

Per me che venivo da una piccola città con ambizioni cosmopolite, con la sua università per stranieri, era un assaggio di multietnicità e integrazione. Alla caffetteria vicino alla scuola i nizzardi francesi e tunisini socializzavano con le studentesse americane, svedesi, spagnole. Parlavamo lingue diverse ma ci sentivamo parte dello stesso mondo. L'unico discrimine non era né il colore della pelle né la provenienza geografica, ma l'età: i grandi coi grandi, i piccoli coi piccoli. Noi si restava a bisbocciare in zona, gli altri la sera partivano alla volta di Antibes e Saint-Tropez, presentandosi il giorno dopo sfatti e assonnati.

Più Popolare

L'ottimismo di un tempo rispetto al futuro

Era un mondo certamente più chiuso e provinciale del nostro, quello di trent'anni fa, con le sue dogane ai confini e le valute nazionali, ancora circospetto e diffidente verso l'altro, ma in qualche modo curioso, con un pensiero vergine e ottimisma rispetto al futuro, non corrotto dalla paura. Noi ragazzini ci sentivamo l'avamposto di una nuova società multirazziale pronta a venire. Preparavamo il terreno. E mai avremmo pensato che in così poco tempo le frontiere sarebbero cadute e il mondo sarebbe diventato piccolissimo e raggiungibile ovunque, grazie a Internet e ai voli low cost. 

La diffidenza e l'angoscia collettiva

Mai però avremmo immaginato che dopo l'esplosione della globalizzazione e il big bang digitale, ci sarebbe stata un'implosione ancor più deflagrante. La nascita di nuovi confini,  il rifiorire dei nazionalismi, il dilagare di un razzismo non più etnico ma culturale e religioso, germogliato in risposta al fanatismo armato, il diffondersi di una diffidenza più estrema, alimentata da un'irrazionale ma legittima angoscia collettiva.

L'islam radicale trasforma la rabbia in sogno di riscatto

I fatti di Nizza sono stati per me la fine definitiva dell'innocenza. Vedere quell'incantevole lungomare di skater, passeggini e condomini bianchi, trasformarsi in cimitero, coi fiori abbandonati sull'asfalto, i turisti che si aggirano come zombie nel triste teatro dell'ecatombe, è stato un lutto vero. E anche un brutto risveglio. L'integrazione era solo apparente, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, che il 14 luglio ha falcidiato con un tir 82 persone, è figlio, insieme ai presunti complici della strage, di quella banlieue dissestata in cui l'islam radicale trasforma la rabbia in sogno di riscatto, la frustrazione personale in eroismo da martire. Anche per chi il Corano non sa neanche cosa sia. Ed è da qui che bisogna partire per arginare la metastasi che sta spargendo terrore a ogni latitudine, rendendo il nostro vivere incerto e ogni strategia di prevenzione parziale o vana. Un'operazione lunga e complessa. Ma è l'unica che ci può salvare.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità