La strage di Nizza e la fine dell'innocenza

Per me era la città delle estati spensierate e noi ragazzi ci sentivamo l'avamposto di una società multirazziale, ma dopo l'attentato terroristico del 14 luglio 2016 il risveglio è stato brusco: l'integrazione era stata solo apparente

Più Popolare

Nizza è sempre stata per me la città delle estati spensierate. La Francia a portata di mano, più moules-frites che escargot, sorniona, accogliente, senza la spocchia di Cannes. Si aspettava con ansia insieme a mia cugina la fine della scuola per scappare in quella zona franca di adolescenza sfrenata, dove l'unica regola era il corso di lingua al mattino − tra torinesi di buona famiglia, tedeschi in bermuda, asiatici in batteria − e poi, assolto il dovere, spiaggia e piacere fino a sera, su e giù per quella Promenade Des Anglais che odorava di mare, creme solari e feromoni.

Advertisement - Continue Reading Below

Ci sentivamo parte dello stesso mondo

Per me che venivo da una piccola città con ambizioni cosmopolite, con la sua università per stranieri, era un assaggio di multietnicità e integrazione. Alla caffetteria vicino alla scuola i nizzardi francesi e tunisini socializzavano con le studentesse americane, svedesi, spagnole. Parlavamo lingue diverse ma ci sentivamo parte dello stesso mondo. L'unico discrimine non era né il colore della pelle né la provenienza geografica, ma l'età: i grandi coi grandi, i piccoli coi piccoli. Noi si restava a bisbocciare in zona, gli altri la sera partivano alla volta di Antibes e Saint-Tropez, presentandosi il giorno dopo sfatti e assonnati.

Più Popolare

L'ottimismo di un tempo rispetto al futuro

Era un mondo certamente più chiuso e provinciale del nostro, quello di trent'anni fa, con le sue dogane ai confini e le valute nazionali, ancora circospetto e diffidente verso l'altro, ma in qualche modo curioso, con un pensiero vergine e ottimisma rispetto al futuro, non corrotto dalla paura. Noi ragazzini ci sentivamo l'avamposto di una nuova società multirazziale pronta a venire. Preparavamo il terreno. E mai avremmo pensato che in così poco tempo le frontiere sarebbero cadute e il mondo sarebbe diventato piccolissimo e raggiungibile ovunque, grazie a Internet e ai voli low cost. 

La diffidenza e l'angoscia collettiva

Mai però avremmo immaginato che dopo l'esplosione della globalizzazione e il big bang digitale, ci sarebbe stata un'implosione ancor più deflagrante. La nascita di nuovi confini,  il rifiorire dei nazionalismi, il dilagare di un razzismo non più etnico ma culturale e religioso, germogliato in risposta al fanatismo armato, il diffondersi di una diffidenza più estrema, alimentata da un'irrazionale ma legittima angoscia collettiva.

L'islam radicale trasforma la rabbia in sogno di riscatto

I fatti di Nizza sono stati per me la fine definitiva dell'innocenza. Vedere quell'incantevole lungomare di skater, passeggini e condomini bianchi, trasformarsi in cimitero, coi fiori abbandonati sull'asfalto, i turisti che si aggirano come zombie nel triste teatro dell'ecatombe, è stato un lutto vero. E anche un brutto risveglio. L'integrazione era solo apparente, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, che il 14 luglio ha falcidiato con un tir 82 persone, è figlio, insieme ai presunti complici della strage, di quella banlieue dissestata in cui l'islam radicale trasforma la rabbia in sogno di riscatto, la frustrazione personale in eroismo da martire. Anche per chi il Corano non sa neanche cosa sia. Ed è da qui che bisogna partire per arginare la metastasi che sta spargendo terrore a ogni latitudine, rendendo il nostro vivere incerto e ogni strategia di prevenzione parziale o vana. Un'operazione lunga e complessa. Ma è l'unica che ci può salvare.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia
10 coppie vip protagoniste del gossip 2017
Firme
CONDIVIDI
10 coppie di cui sparlare nel 2017
Chi sale, chi scende, chi non ne può più: quante arriveranno a fine anno?
amore tra professore e studentessa
Firme
CONDIVIDI
«E se avessi un flirt con il mio professore?»
Lui fa strage di cuori, ma si può innamorare per davvero? La scrittrice Barbara Alberti risponde a una studentessa confusa
Milano Zucchero e Catrame, anche io voglio far volare le sedie
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, anche io voglio far volare le sedie
Torno a Milano e non vedo l'ora: porto con me due valigie, una foto di Salvador Dalì e i miei buoni propositi (sempre gli stessi)