La strage di Nizza e la fine dell'innocenza

Per me era la città delle estati spensierate e noi ragazzi ci sentivamo l'avamposto di una società multirazziale, ma dopo l'attentato terroristico del 14 luglio 2016 il risveglio è stato brusco: l'integrazione era stata solo apparente

Più Popolare

Nizza è sempre stata per me la città delle estati spensierate. La Francia a portata di mano, più moules-frites che escargot, sorniona, accogliente, senza la spocchia di Cannes. Si aspettava con ansia insieme a mia cugina la fine della scuola per scappare in quella zona franca di adolescenza sfrenata, dove l'unica regola era il corso di lingua al mattino − tra torinesi di buona famiglia, tedeschi in bermuda, asiatici in batteria − e poi, assolto il dovere, spiaggia e piacere fino a sera, su e giù per quella Promenade Des Anglais che odorava di mare, creme solari e feromoni.

Advertisement - Continue Reading Below

Ci sentivamo parte dello stesso mondo

Per me che venivo da una piccola città con ambizioni cosmopolite, con la sua università per stranieri, era un assaggio di multietnicità e integrazione. Alla caffetteria vicino alla scuola i nizzardi francesi e tunisini socializzavano con le studentesse americane, svedesi, spagnole. Parlavamo lingue diverse ma ci sentivamo parte dello stesso mondo. L'unico discrimine non era né il colore della pelle né la provenienza geografica, ma l'età: i grandi coi grandi, i piccoli coi piccoli. Noi si restava a bisbocciare in zona, gli altri la sera partivano alla volta di Antibes e Saint-Tropez, presentandosi il giorno dopo sfatti e assonnati.

Più Popolare

L'ottimismo di un tempo rispetto al futuro

Era un mondo certamente più chiuso e provinciale del nostro, quello di trent'anni fa, con le sue dogane ai confini e le valute nazionali, ancora circospetto e diffidente verso l'altro, ma in qualche modo curioso, con un pensiero vergine e ottimisma rispetto al futuro, non corrotto dalla paura. Noi ragazzini ci sentivamo l'avamposto di una nuova società multirazziale pronta a venire. Preparavamo il terreno. E mai avremmo pensato che in così poco tempo le frontiere sarebbero cadute e il mondo sarebbe diventato piccolissimo e raggiungibile ovunque, grazie a Internet e ai voli low cost. 

La diffidenza e l'angoscia collettiva

Mai però avremmo immaginato che dopo l'esplosione della globalizzazione e il big bang digitale, ci sarebbe stata un'implosione ancor più deflagrante. La nascita di nuovi confini,  il rifiorire dei nazionalismi, il dilagare di un razzismo non più etnico ma culturale e religioso, germogliato in risposta al fanatismo armato, il diffondersi di una diffidenza più estrema, alimentata da un'irrazionale ma legittima angoscia collettiva.

L'islam radicale trasforma la rabbia in sogno di riscatto

I fatti di Nizza sono stati per me la fine definitiva dell'innocenza. Vedere quell'incantevole lungomare di skater, passeggini e condomini bianchi, trasformarsi in cimitero, coi fiori abbandonati sull'asfalto, i turisti che si aggirano come zombie nel triste teatro dell'ecatombe, è stato un lutto vero. E anche un brutto risveglio. L'integrazione era solo apparente, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, che il 14 luglio ha falcidiato con un tir 82 persone, è figlio, insieme ai presunti complici della strage, di quella banlieue dissestata in cui l'islam radicale trasforma la rabbia in sogno di riscatto, la frustrazione personale in eroismo da martire. Anche per chi il Corano non sa neanche cosa sia. Ed è da qui che bisogna partire per arginare la metastasi che sta spargendo terrore a ogni latitudine, rendendo il nostro vivere incerto e ogni strategia di prevenzione parziale o vana. Un'operazione lunga e complessa. Ma è l'unica che ci può salvare.

More from Gioia!:
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Lucio Dalla Sky Arte 33 giri
Firme
CONDIVIDI
Lucio Dalla: com'è (ancora) profondo il mare 40 anni dopo
Il primo documentario di un ciclo di Sky Arte sui vecchi dischi è dedicato a questo autore e contiene delle meraviglie
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo