La violenza non va in vacanza

Tante belle parole in difesa delle vittime degli abusi, ma poi scopriamo che i centri antiviolenza stanno chiudendo per mancanza di fondi, in un Paese in cui ogni 2 giorni una donna viene uccisa

Più Popolare

La vicina di ombrellone parla "nordico". Brescia o Bergamo, provincia che lavora. In una spiaggia di romani e campani poco propensi allo schiamazzo – meridionali bene, dirà lei –  si nota. Deve avere poco più di 40 anni, è single, chiacchiera senza sosta e non si bagna mai, se non sotto la doccia per poi spruzzare olio solare sui capelli. È una professionista dell'abbronzatura. Telo da mare con laccetti da fissare ai quattro angoli del lettino, smalto fluo coordinato al bikini, infradito con la zeppa, corpo rinsecchito e tette grosse. 

Advertisement - Continue Reading Below

Alla giovane donna che da mezz'ora l'ascolta con sorriso martire mentre le spiega, con meticolosità dell'Artusi, la ricetta dei cracker fatti in casa gluten free, rivela a un certo punto con aria complice che «Certa gente di giù non è poi male». La maggioranza, certo, è quel che è, siamo pur sempre nell'avamposto del Terzo mondo alfabetizzato,
ma alcuni meridionali «sono proprio perbene ed educati». Come quei cani che non sporcano e non abbaiano, ma restano pur sempre cani. 

Più Popolare

Questa è l'Italia che raccontiamo con aria divertita ritornando a casa. Lasciando correre, senza dargli peso, una frase idiota. Convinti che l'ignoranza e il pregiudizio siano appannaggio di pochi e che basti ignorarli per metterli all'angolo e farli zittire. E invece attecchiscono come la gramigna. Ignoranza e pregiudizio sono alla base di ogni razzismo, geografico, etnico, religioso, culturale, di genere, di censo, di ceto. Sono il porto d'armi non autorizzato degli ottusi, che si credono in diritto di giudicare gli altri in nome di una presunta superiorità. Basata su niente, eppure esibita con sicumera, come se ci fosse un blackout della ragione, un disinnesco dell'umanità. 

Emmanuel, 36 anni, nigeriano, è sopravvissuto al fanatismo barbarico di Boko Haram,  alle violenze degli sciacalli libanesi, alle onde di un mare raramente amico e all'aborto di un figlio che si è spento nello sciabordio dell'utero materno prima ancora di toccare terra. E poi è morto a Fermo, per mano di un ultrà che aveva chiamato la sua donna scimmia. Mentre altri uomini perdevano la vita in altri mondi, Louisiana, Minnesota, dentro altre storie, avendo in comune lo stesso stupido problema, la pelle scura. La stessa di quel presidente nero che fino a oggi ci sembrava garanzia di una conquista fatta, prova vivente di un principio non più rinegoziabile: siamo tutti uguali. 

E mentre i giornali si riempiono d'immagini di afroamericani sul piede di guerra, qualcuno ci informa che in Italia stanno chiudendo i centri antiviolenza. Tante belle parole in difesa delle vittime di abusi – 16.000 ogni anno – e niente quattrini. Dei 16,5 milioni di euro destinati per il 2012-2013 dal Piano nazionale anti-violenza alle Regioni si è visto poco o niente (bloccati dalla burocrazia), mentre gli altri 18 milioni stanziati per il 2015-2016 non sono ancora stati erogati. Nel Paese in cui circa ogni due giorni una donna viene uccisa. Solo perché è femmina. Solo perché è nero. Non c'è differenza.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te