La violenza non va in vacanza

Tante belle parole in difesa delle vittime degli abusi, ma poi scopriamo che i centri antiviolenza stanno chiudendo per mancanza di fondi, in un Paese in cui ogni 2 giorni una donna viene uccisa

Più Popolare

La vicina di ombrellone parla "nordico". Brescia o Bergamo, provincia che lavora. In una spiaggia di romani e campani poco propensi allo schiamazzo – meridionali bene, dirà lei –  si nota. Deve avere poco più di 40 anni, è single, chiacchiera senza sosta e non si bagna mai, se non sotto la doccia per poi spruzzare olio solare sui capelli. È una professionista dell'abbronzatura. Telo da mare con laccetti da fissare ai quattro angoli del lettino, smalto fluo coordinato al bikini, infradito con la zeppa, corpo rinsecchito e tette grosse. 

Advertisement - Continue Reading Below

Alla giovane donna che da mezz'ora l'ascolta con sorriso martire mentre le spiega, con meticolosità dell'Artusi, la ricetta dei cracker fatti in casa gluten free, rivela a un certo punto con aria complice che «Certa gente di giù non è poi male». La maggioranza, certo, è quel che è, siamo pur sempre nell'avamposto del Terzo mondo alfabetizzato,
ma alcuni meridionali «sono proprio perbene ed educati». Come quei cani che non sporcano e non abbaiano, ma restano pur sempre cani. 

Più Popolare

Questa è l'Italia che raccontiamo con aria divertita ritornando a casa. Lasciando correre, senza dargli peso, una frase idiota. Convinti che l'ignoranza e il pregiudizio siano appannaggio di pochi e che basti ignorarli per metterli all'angolo e farli zittire. E invece attecchiscono come la gramigna. Ignoranza e pregiudizio sono alla base di ogni razzismo, geografico, etnico, religioso, culturale, di genere, di censo, di ceto. Sono il porto d'armi non autorizzato degli ottusi, che si credono in diritto di giudicare gli altri in nome di una presunta superiorità. Basata su niente, eppure esibita con sicumera, come se ci fosse un blackout della ragione, un disinnesco dell'umanità. 

Emmanuel, 36 anni, nigeriano, è sopravvissuto al fanatismo barbarico di Boko Haram,  alle violenze degli sciacalli libanesi, alle onde di un mare raramente amico e all'aborto di un figlio che si è spento nello sciabordio dell'utero materno prima ancora di toccare terra. E poi è morto a Fermo, per mano di un ultrà che aveva chiamato la sua donna scimmia. Mentre altri uomini perdevano la vita in altri mondi, Louisiana, Minnesota, dentro altre storie, avendo in comune lo stesso stupido problema, la pelle scura. La stessa di quel presidente nero che fino a oggi ci sembrava garanzia di una conquista fatta, prova vivente di un principio non più rinegoziabile: siamo tutti uguali. 

E mentre i giornali si riempiono d'immagini di afroamericani sul piede di guerra, qualcuno ci informa che in Italia stanno chiudendo i centri antiviolenza. Tante belle parole in difesa delle vittime di abusi – 16.000 ogni anno – e niente quattrini. Dei 16,5 milioni di euro destinati per il 2012-2013 dal Piano nazionale anti-violenza alle Regioni si è visto poco o niente (bloccati dalla burocrazia), mentre gli altri 18 milioni stanziati per il 2015-2016 non sono ancora stati erogati. Nel Paese in cui circa ogni due giorni una donna viene uccisa. Solo perché è femmina. Solo perché è nero. Non c'è differenza.

More from Gioia!:
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento