Bruce Springsteen e la canzone che volevo

Ai suoi concerti non si sa mai cosa canterà, perché la scaletta cambia sempre: così può succedere ai fan di rimanere a bocca asciutta, proprio come è successo a Guia Soncini

Più Popolare

Questo non è un articolo sul fatto che la dedizione non viene premiata, mai. Non è neanche un articolo sulle ordinazioni al ristorante; né sui rimpianti legati alla moltiplicazione delle scelte. Questa è un'operetta la cui morale è: lasciate perdere i gesti dimostrativi. La lista delle canzoni eseguite in un concerto si chiama, in gergo, «scaletta». Quelli normali usano sempre la stessa: provano, con la band, una ventina di canzoni, e per tutto il tour le eseguono; sempre le stesse, sempre nello stesso ordine. Poi c'è Bruce Springsteen. Che fa concerti da quasi quattro ore in cui non sai mai cosa canterà. Che ha in repertorio talune centinaia di brani e – a seconda di come gli gira e di cosa gli chiede il pubblico (che come nelle radio private fa le richieste, scrivendole sui cartelli) – decide ogni sera cosa suonare. 

Advertisement - Continue Reading Below

È il suo bello: se lo vedi più volte non sarà mai uguale. E quelli coi cartelli si inventano sempre qualcosa per far scegliere le loro richieste: in aprile l'ho visto a Brooklyn, ha fatto salire sul palco una bambina con un cartello: «Blinded by the light, ho 10 anni e la so tutta, mettimi alla prova» (ha superato la prova: è una bambina riccia che ha cantato con Bruce e, meno emozionata di noi, alla fine s'è fatta fare l'autografo; se non diventa presidente lei, non so proprio chi). Il biglietto per il suo primo concerto italiano l'ho preso appena li hanno messi in vendita: ancora non si sapeva che a Milano ne avrebbe fatto un secondo; mi sono precipitata a pagare salatissimo un posto mediocre: quelli buoni, i fan più smaniosi li avevano finiti in dieci minuti. Avrei dovuto sapere che non sarei stata premiata. Avrei dovuto aspettare. Avrei dovuto ricordare quell'insegnamento: quello della comanda sbagliata. 

Più Popolare

Bruce Springsteen in cncerto a Milano.

Uno per cui lavoravo da giovane diceva che prima o poi avrebbe scritto un libro sul dramma della comanda sbagliata: quando al ristorante ordini una cosa e poi, arrivati i piatti, capisci che avresti dovuto prendere quel che stanno mangiando i tuoi commensali. Ti penti, ti maledici, ma ormai è troppo tardi. L'ho capito a metà concerto, quando ho intuìto dall'andazzo che non mi avrebbe fatto Bobby Jean. Della mia fissazione per Bobby Jean parliamo un'altra volta. C'entra il suo essere la canzone dei miei 13 anni (tutto quel che va in circolo quando sei alle scuole medie non ne esce più). C'entra l'essermi illusa per decenni che, se mi piaceva una canzone così sentimentale, dovevo essere un cuore di panna. C'entra una verità svelatami di recente: non è una canzone d'amore, è una canzone di narcisismo. 

Quando ho capito che per quella sera niente Bobby Jean, e l'avrebbe quindi fatta due giorni dopo, sapevo di dover comprare un biglietto per la seconda data: solo così sarei stata felice. Ma poi ho tentato di chiedere un'informazione all'ufficio stampa del tour e la centralinista dopo avermi presa a pesci in faccia mi ha riattaccato, e io ho deciso che per protesta sarei rimasta a casa. Come tutte le proteste, è stata una scemenza: mica è servita a far diventare educata la centralinista, solo a privarmi di Bobby Jean. Solo a farmi restare digiuna come la scema che ordina bresaola, e poi vuole pomposamente sostenere d'aver attuato un boicottaggio dei maccheroni.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi piacciono le vite degli altri
Io quando entro in un salotto guardo dettagli. Dove sono tutti i telecomandi? La tv? La poltrona sarà comoda?
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop