Bruce Springsteen e la canzone che volevo

Ai suoi concerti non si sa mai cosa canterà, perché la scaletta cambia sempre: così può succedere ai fan di rimanere a bocca asciutta, proprio come è successo a Guia Soncini

Più Popolare

Questo non è un articolo sul fatto che la dedizione non viene premiata, mai. Non è neanche un articolo sulle ordinazioni al ristorante; né sui rimpianti legati alla moltiplicazione delle scelte. Questa è un'operetta la cui morale è: lasciate perdere i gesti dimostrativi. La lista delle canzoni eseguite in un concerto si chiama, in gergo, «scaletta». Quelli normali usano sempre la stessa: provano, con la band, una ventina di canzoni, e per tutto il tour le eseguono; sempre le stesse, sempre nello stesso ordine. Poi c'è Bruce Springsteen. Che fa concerti da quasi quattro ore in cui non sai mai cosa canterà. Che ha in repertorio talune centinaia di brani e – a seconda di come gli gira e di cosa gli chiede il pubblico (che come nelle radio private fa le richieste, scrivendole sui cartelli) – decide ogni sera cosa suonare. 

Advertisement - Continue Reading Below

È il suo bello: se lo vedi più volte non sarà mai uguale. E quelli coi cartelli si inventano sempre qualcosa per far scegliere le loro richieste: in aprile l'ho visto a Brooklyn, ha fatto salire sul palco una bambina con un cartello: «Blinded by the light, ho 10 anni e la so tutta, mettimi alla prova» (ha superato la prova: è una bambina riccia che ha cantato con Bruce e, meno emozionata di noi, alla fine s'è fatta fare l'autografo; se non diventa presidente lei, non so proprio chi). Il biglietto per il suo primo concerto italiano l'ho preso appena li hanno messi in vendita: ancora non si sapeva che a Milano ne avrebbe fatto un secondo; mi sono precipitata a pagare salatissimo un posto mediocre: quelli buoni, i fan più smaniosi li avevano finiti in dieci minuti. Avrei dovuto sapere che non sarei stata premiata. Avrei dovuto aspettare. Avrei dovuto ricordare quell'insegnamento: quello della comanda sbagliata. 

Più Popolare

Bruce Springsteen in cncerto a Milano.

Uno per cui lavoravo da giovane diceva che prima o poi avrebbe scritto un libro sul dramma della comanda sbagliata: quando al ristorante ordini una cosa e poi, arrivati i piatti, capisci che avresti dovuto prendere quel che stanno mangiando i tuoi commensali. Ti penti, ti maledici, ma ormai è troppo tardi. L'ho capito a metà concerto, quando ho intuìto dall'andazzo che non mi avrebbe fatto Bobby Jean. Della mia fissazione per Bobby Jean parliamo un'altra volta. C'entra il suo essere la canzone dei miei 13 anni (tutto quel che va in circolo quando sei alle scuole medie non ne esce più). C'entra l'essermi illusa per decenni che, se mi piaceva una canzone così sentimentale, dovevo essere un cuore di panna. C'entra una verità svelatami di recente: non è una canzone d'amore, è una canzone di narcisismo. 

Quando ho capito che per quella sera niente Bobby Jean, e l'avrebbe quindi fatta due giorni dopo, sapevo di dover comprare un biglietto per la seconda data: solo così sarei stata felice. Ma poi ho tentato di chiedere un'informazione all'ufficio stampa del tour e la centralinista dopo avermi presa a pesci in faccia mi ha riattaccato, e io ho deciso che per protesta sarei rimasta a casa. Come tutte le proteste, è stata una scemenza: mica è servita a far diventare educata la centralinista, solo a privarmi di Bobby Jean. Solo a farmi restare digiuna come la scema che ordina bresaola, e poi vuole pomposamente sostenere d'aver attuato un boicottaggio dei maccheroni.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento