Gioia! si rifà il look per il suo terzo compleanno

Il  nostro giornale si è rinnovato nella grafica e nel contenuto (guardate nel video la sua realizzazione), e ne approfitta per consegnare i premi Gioia! Smart Awards a persone e cose che hanno una marcia in più

Più Popolare

I giornali sono come le persone. Nascono, crescono, maturano, si evolvono, a volte muoiono (sigh!). Per farli stare in vita bisogna metterci molta cura, per farli diventare rigogliosi bisogna innaffiarli come le piante. I giornali hanno storie e un cuore che batte. Sono fatti di persone e di vite, di gente che arriva al mattino trafelata e se ne va quando fuori è ormai buio e la giornata è passata, gente felice e gente inversa, gente ridanciana, chiacchierona, riservata, gente serissima oppure un po' cazzona, gente nata per piantare grane e gente che nessuno mai la sente, testa china e via andare, gente che l'ha lasciata il fidanzato o che ha la mamma in ospedale, eppure è lì, con le lacrime che diventano condensa sotto il bocchettone dell'aria condizionata, gente con la valigia in mano, gente col ciclo che è meglio se stava a casa...

Advertisement - Continue Reading Below

Il nuovo Gioia! ha compiuto 3 anni

Gioia! ha un cuore che batte all'unisono con tutti questi cuori. A volte è un'esplosione di allegria altre è un emoji con la bocca all'ingiù, ma dura poco perché è felice dentro. Mica per niente si chiama così. Quest'anno Gioia!-col-punto-esclamativo ha compiuto tre anni (quello senza, molti di più, ma questa è un'altra storia e avremo modo di riparlarne), che sono un po' come gli anni dei cani, uno ne vale almeno sette. Ci sono settimane che valgono un anno, numeri che ne bruciano, tra stress e fatica, più di tre. Ma ne vale la pena, sempre.

Più Popolare

Siamo diventati grandi ma non «altro»

Questo che avete tra le mani, per esempio, di benzina ne ha bevuta parecchia. Ci abbiamo messo «tutta l'abilità dell'arte nostra», come dice il Padrino e la nostra photeditor, per renderlo speciale. Dopo tre anni avevamo voglia di cambiare vestito, di far vedere che siamo diventati grandi (con la logica del sette ormai siamo più che maggiorenni), senza però diventare «altro». Siamo sempre sfrontati, discoli, curiosi della vita, desiderosi di raccontarvi quel che accade, ma un po' più misurati. Non intingiamo più le mani nei colori, ma ancora ci divertiamo a giocare con le cose. Il nostro nuovo abito è di carta. Ci sembrava bello e doveroso partire da lei, per inaugurare il nuovo corso. La carta. Quella dei libri e quella dei giornali. Roba vecchia, dicono. Roba da rottamare. Invece noi ci crediamo forte. E senza nostalgie, guardando avanti.

Un premio per chi è smart

Perché per innovare bisogna pure saper conservare. Avere delle radici. Senza radici non cresce niente. L'omaggio alla cellulosa (roba viva) è la prima novità di questo Gioia! reloaded e riguarda la grafica. Poi ci sono le nuove rubriche e un'iniziativa speciale: il primo Gioia! Smart award. Un premio a persone e cose che hanno, come si suol dire, una marcia in più. Geniali, creative, sveglie, contro corrente. Come il nostro giornale. E come voi, che non avete tempo da perdere. Perché la vita va più veloce di noi, e non bisogna lasciarla andare.

Ed ecco il video che vi mostra in anteprima il nuovo Gioia! e la sua realizzazione.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...
Firme
CONDIVIDI
Non si finisce mai di fare le madri
Un calciatore vince una partita e dice che sua mamma da lassù lo starà guardando, ma dovrà guardarlo giocare anche da morta?