Gioia! si rifà il look per il suo terzo compleanno

Il  nostro giornale si è rinnovato nella grafica e nel contenuto (guardate nel video la sua realizzazione), e ne approfitta per consegnare i premi Gioia! Smart Awards a persone e cose che hanno una marcia in più

Più Popolare

I giornali sono come le persone. Nascono, crescono, maturano, si evolvono, a volte muoiono (sigh!). Per farli stare in vita bisogna metterci molta cura, per farli diventare rigogliosi bisogna innaffiarli come le piante. I giornali hanno storie e un cuore che batte. Sono fatti di persone e di vite, di gente che arriva al mattino trafelata e se ne va quando fuori è ormai buio e la giornata è passata, gente felice e gente inversa, gente ridanciana, chiacchierona, riservata, gente serissima oppure un po' cazzona, gente nata per piantare grane e gente che nessuno mai la sente, testa china e via andare, gente che l'ha lasciata il fidanzato o che ha la mamma in ospedale, eppure è lì, con le lacrime che diventano condensa sotto il bocchettone dell'aria condizionata, gente con la valigia in mano, gente col ciclo che è meglio se stava a casa...

Advertisement - Continue Reading Below

Il nuovo Gioia! ha compiuto 3 anni

Gioia! ha un cuore che batte all'unisono con tutti questi cuori. A volte è un'esplosione di allegria altre è un emoji con la bocca all'ingiù, ma dura poco perché è felice dentro. Mica per niente si chiama così. Quest'anno Gioia!-col-punto-esclamativo ha compiuto tre anni (quello senza, molti di più, ma questa è un'altra storia e avremo modo di riparlarne), che sono un po' come gli anni dei cani, uno ne vale almeno sette. Ci sono settimane che valgono un anno, numeri che ne bruciano, tra stress e fatica, più di tre. Ma ne vale la pena, sempre.

Più Popolare

Siamo diventati grandi ma non «altro»

Questo che avete tra le mani, per esempio, di benzina ne ha bevuta parecchia. Ci abbiamo messo «tutta l'abilità dell'arte nostra», come dice il Padrino e la nostra photeditor, per renderlo speciale. Dopo tre anni avevamo voglia di cambiare vestito, di far vedere che siamo diventati grandi (con la logica del sette ormai siamo più che maggiorenni), senza però diventare «altro». Siamo sempre sfrontati, discoli, curiosi della vita, desiderosi di raccontarvi quel che accade, ma un po' più misurati. Non intingiamo più le mani nei colori, ma ancora ci divertiamo a giocare con le cose. Il nostro nuovo abito è di carta. Ci sembrava bello e doveroso partire da lei, per inaugurare il nuovo corso. La carta. Quella dei libri e quella dei giornali. Roba vecchia, dicono. Roba da rottamare. Invece noi ci crediamo forte. E senza nostalgie, guardando avanti.

Un premio per chi è smart

Perché per innovare bisogna pure saper conservare. Avere delle radici. Senza radici non cresce niente. L'omaggio alla cellulosa (roba viva) è la prima novità di questo Gioia! reloaded e riguarda la grafica. Poi ci sono le nuove rubriche e un'iniziativa speciale: il primo Gioia! Smart award. Un premio a persone e cose che hanno, come si suol dire, una marcia in più. Geniali, creative, sveglie, contro corrente. Come il nostro giornale. E come voi, che non avete tempo da perdere. Perché la vita va più veloce di noi, e non bisogna lasciarla andare.

Ed ecco il video che vi mostra in anteprima il nuovo Gioia! e la sua realizzazione.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena