Gioia! si rifà il look per il suo terzo compleanno

Il  nostro giornale si è rinnovato nella grafica e nel contenuto (guardate nel video la sua realizzazione), e ne approfitta per consegnare i premi Gioia! Smart Awards a persone e cose che hanno una marcia in più

Più Popolare

I giornali sono come le persone. Nascono, crescono, maturano, si evolvono, a volte muoiono (sigh!). Per farli stare in vita bisogna metterci molta cura, per farli diventare rigogliosi bisogna innaffiarli come le piante. I giornali hanno storie e un cuore che batte. Sono fatti di persone e di vite, di gente che arriva al mattino trafelata e se ne va quando fuori è ormai buio e la giornata è passata, gente felice e gente inversa, gente ridanciana, chiacchierona, riservata, gente serissima oppure un po' cazzona, gente nata per piantare grane e gente che nessuno mai la sente, testa china e via andare, gente che l'ha lasciata il fidanzato o che ha la mamma in ospedale, eppure è lì, con le lacrime che diventano condensa sotto il bocchettone dell'aria condizionata, gente con la valigia in mano, gente col ciclo che è meglio se stava a casa...

Advertisement - Continue Reading Below

Il nuovo Gioia! ha compiuto 3 anni

Gioia! ha un cuore che batte all'unisono con tutti questi cuori. A volte è un'esplosione di allegria altre è un emoji con la bocca all'ingiù, ma dura poco perché è felice dentro. Mica per niente si chiama così. Quest'anno Gioia!-col-punto-esclamativo ha compiuto tre anni (quello senza, molti di più, ma questa è un'altra storia e avremo modo di riparlarne), che sono un po' come gli anni dei cani, uno ne vale almeno sette. Ci sono settimane che valgono un anno, numeri che ne bruciano, tra stress e fatica, più di tre. Ma ne vale la pena, sempre.

Più Popolare

Siamo diventati grandi ma non «altro»

Questo che avete tra le mani, per esempio, di benzina ne ha bevuta parecchia. Ci abbiamo messo «tutta l'abilità dell'arte nostra», come dice il Padrino e la nostra photeditor, per renderlo speciale. Dopo tre anni avevamo voglia di cambiare vestito, di far vedere che siamo diventati grandi (con la logica del sette ormai siamo più che maggiorenni), senza però diventare «altro». Siamo sempre sfrontati, discoli, curiosi della vita, desiderosi di raccontarvi quel che accade, ma un po' più misurati. Non intingiamo più le mani nei colori, ma ancora ci divertiamo a giocare con le cose. Il nostro nuovo abito è di carta. Ci sembrava bello e doveroso partire da lei, per inaugurare il nuovo corso. La carta. Quella dei libri e quella dei giornali. Roba vecchia, dicono. Roba da rottamare. Invece noi ci crediamo forte. E senza nostalgie, guardando avanti.

Un premio per chi è smart

Perché per innovare bisogna pure saper conservare. Avere delle radici. Senza radici non cresce niente. L'omaggio alla cellulosa (roba viva) è la prima novità di questo Gioia! reloaded e riguarda la grafica. Poi ci sono le nuove rubriche e un'iniziativa speciale: il primo Gioia! Smart award. Un premio a persone e cose che hanno, come si suol dire, una marcia in più. Geniali, creative, sveglie, contro corrente. Come il nostro giornale. E come voi, che non avete tempo da perdere. Perché la vita va più veloce di noi, e non bisogna lasciarla andare.

Ed ecco il video che vi mostra in anteprima il nuovo Gioia! e la sua realizzazione.

More from Gioia!:
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita
Migranti emergenza piano Ue chiusura porti
Firme
CONDIVIDI
Sempre più migranti verso l'Italia, l'invitante terra di mezzo
Complici l'estate e il mare calmo, gli sbarchi aumentano e il nostro Paese è in prima linea, ma nessun blocco navale può risolvere...
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, la dolce bellezza della solitudine
Mi sono accorto che dal primo luglio, Milano si trasforma nella città dei papà, che fingono tristezza nel rimanere soli
Firme
CONDIVIDI
Perché McEnroe non deve chiedere scusa a Serena Williams
È la migliore, ma se giocasse contro un uomo perderebbe: il tennista non si pente delle sue parole (in fondo, un'ovvietà)
Firme
CONDIVIDI
Estate, il nostro tempo di recupero per leggere
Com'è che prima il tempo per i libri lo trovavamo? Approfittiamo delle vacanze per una lettura senza distrazioni