Billions: la serie tv più educativa dell'anno in onda su Sky Atlantic

Ci sono Damian Lewis​ e Paul Giamatti, entrambi grandissimi, ma soprattutto le loro consorti nella fiction: sono loro a dimostrare che fare la moglie è un ruolo tutt'altro che secondario (ci aspettiamo un Emmy)

Più Popolare

Il 14 luglio verranno annunciate le candidature agli Emmy, i più importanti premi della tv americana. A quel punto saranno tre settimane che in Italia va in onda Billions (su Sky Atlantic, da martedì 21 giugno), e saremo quindi pronte a fare il tifo e a scandalizzarci se la miglior serie televisiva dell'anno non dovesse avere tutti i riconoscimenti che merita. 

In particolare, io vorrei un premio per Paul Giamatti, che interpreta il procuratore distrettuale sposato con la psicologa aziendale di un fondo d'investimento i cui broker è determinato ad arrestare in blocco. Non bastasse il problema di voler mandare in galera l'intero ufficio della moglie, c'è il dettaglio che da quella moglie gli piace farsi frustare, ed è meglio che non si sappia in giro.

Advertisement - Continue Reading Below

Ah, c'è anche il problema che forse il proprietario del fondo d'investimento (Damian Lewis, favoloso qui almeno quant'era insopportabile in Homeland) è un po' innamorato della psicologa aziendale. E poi c'è che, prima di essere il multimiliardario finanziere che è ora, era un ragazzo povero. E ha sposato una ragazza povera, una che non esita a minacciare come una teppista di periferia chiunque si metta in mezzo. Il vero scontro di civiltà: quello tra teppisti miliardari e procuratori il cui problema, crescendo, era che papà era troppo ricco. 

Più Popolare

Vorrei un premio per Giamatti, anche solo per la scena in cui fa un tale cazziatone a uno che non ha raccolto la cacca del cane al parco che quello alla fine la raccoglie a mani nude. E ne vorrei uno per Karyn Kusama, la regista della puntata in cui c'è la mia scena preferita: due broker vogliono far sapere in giro che sono in rotta e allora, in una stanza dalle pareti di vetro, si spintonano e fanno le facce di chi si urla contumelie, così che tutti sappiano; ma in realtà si stanno bisbigliando «Ti voglio bene come a un fratello».

Soprattutto vorrei un Emmy speciale per la serie più educativa dell'anno. Quella che, tramite Lara e Wendy, la moglie del broker e quella del procuratore, ha meglio spiegato alle attrici lagnose – quelle che vogliono ruoli importanti, mica ruoli da moglie – che fare la moglie è un ruolo tutt'altro che secondario. Semmai sono i mariti a dover avere il complesso dei non protagonisti. 

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità