Jo Cox, l'ultima vittima del fanatismo che uccide

L'assassinio della politica inglese è l'ennesimo esempio di sopraffazione, fatta in nome della nazione, della religione, del potere o della fede calcistica

Più Popolare

Uccidere per la nazione. Uccidere per la religione. Uccidere per il controllo del potere. Uccidere per il denaro. Uccidere per la difesa della virilità. Uccidere, persino, per la fede calcistica, anche senza volerlo, solo perché tra tifosi si è esagerato un po'… L'eliminazione fisica dell'altro come soluzione al problema, come strategia per far valere, senza possibilità di replica, le proprie ragioni. È quello che sta succedendo a diverse latitudini, per motivi diversissimi e tutti odiosi e futili, in un'escalation che non conosce limiti.

Advertisement - Continue Reading Below

In prima fila per l'accoglienza ai migranti

L'ultimo caso a Birstall, vicino Leeds, Inghilterra, dove la deputata laburista Jo Cox è stata ammazzata a colpi di pistola in strada, al grido di «Britain first», da un uomo di 52 anni, bianco, simpatizzante dei neonazisti Usa. Aveva quasi 42 anni Jo, un marito, due bambini piccoli e una visione etica e quasi «missionaria» della politica. Ex attivista di Oxfam, astro nascente dei Labour, era in prima fila per l'accoglienza ai migranti e un intervento rapido e mirato, a livello internazionale, per porre fine alla guerra in Siria. Era favorevole all'Europa unita, per questo è morta, a pochi giorni dal referendum che deciderà le sorti del suo Paese. Martire involontaria di una causa democratica, insanguinata secondo una logica squilibrata e barbarica. 

Più Popolare

Razzia di vite innocenti

Il mondo lasciato in balia del fanatismo vestito di tanti credo e colori, che issa la bandiera dell'ideologia per scagionare istinti mediocri e criminali. Prima di Birstall era successo a Orlando, con la carneficina nel locale gay. Poi a Magnanville, quartiere tranquillo a ovest di Parigi, dove due poliziotti, marito e moglie, sono stati uccisi in modo brutale, lui in strada, lei nel suo appartamento, sgozzata davanti al figlio di tre anni, da un balordo senz'arte né parte, che si è appropriato del nome di Allah. Ora lo chiamano «jihadista solitario». Succede ogni giorno in Siria, in Nigeria, in tutti quei Paesi dove si fa razzia di vite innocenti per imporre un credo a cui si attribuiscono in modo arbitrario disegni di morte. 

Una donna che credeva in un mondo migliore

Quanto poco vale la vita se si perde così, per niente? O in casa, durante un litigio? O in un locale dove eri andato a divertirti? Non basta dire succede, è sempre successo: il male, il destino, la mela marcia… È la frequenza che fa impressione. E l'estremismo, l'efferatezza, la perdita di ogni umanità. Ogni venerdì in redazione ci troviamo a decidere come aprire il nostro Se ne parla, la sezione delle news. E sempre più spesso l'attualità ci impone di parlare di tragedie. Vorremmo sempre che fosse l'ultima. Non perché ci illudiamo che il bene alla fine trionfi, ma perché crediamo ancora che certi orrori insegnino all'uomo a non cadere in quella spirale di odio e dolore, sbagliando ancora, sbagliando di più. E invece l'asticella si sposta sempre più su. Per questo fanno effetto le parole di Brendan Cox, marito di Jo, che ricordandola ha detto: «Era una donna che credeva in un mondo migliore e che lottava a questo scopo ogni giorno della sua vita. Ora è il tempo di combattere l'odio che l'ha uccisa». E il bene certo che alla fine trionfa. Deve.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda