Jo Cox, l'ultima vittima del fanatismo che uccide

L'assassinio della politica inglese è l'ennesimo esempio di sopraffazione, fatta in nome della nazione, della religione, del potere o della fede calcistica

Più Popolare

Uccidere per la nazione. Uccidere per la religione. Uccidere per il controllo del potere. Uccidere per il denaro. Uccidere per la difesa della virilità. Uccidere, persino, per la fede calcistica, anche senza volerlo, solo perché tra tifosi si è esagerato un po'… L'eliminazione fisica dell'altro come soluzione al problema, come strategia per far valere, senza possibilità di replica, le proprie ragioni. È quello che sta succedendo a diverse latitudini, per motivi diversissimi e tutti odiosi e futili, in un'escalation che non conosce limiti.

Advertisement - Continue Reading Below

In prima fila per l'accoglienza ai migranti

L'ultimo caso a Birstall, vicino Leeds, Inghilterra, dove la deputata laburista Jo Cox è stata ammazzata a colpi di pistola in strada, al grido di «Britain first», da un uomo di 52 anni, bianco, simpatizzante dei neonazisti Usa. Aveva quasi 42 anni Jo, un marito, due bambini piccoli e una visione etica e quasi «missionaria» della politica. Ex attivista di Oxfam, astro nascente dei Labour, era in prima fila per l'accoglienza ai migranti e un intervento rapido e mirato, a livello internazionale, per porre fine alla guerra in Siria. Era favorevole all'Europa unita, per questo è morta, a pochi giorni dal referendum che deciderà le sorti del suo Paese. Martire involontaria di una causa democratica, insanguinata secondo una logica squilibrata e barbarica. 

Più Popolare

Razzia di vite innocenti

Il mondo lasciato in balia del fanatismo vestito di tanti credo e colori, che issa la bandiera dell'ideologia per scagionare istinti mediocri e criminali. Prima di Birstall era successo a Orlando, con la carneficina nel locale gay. Poi a Magnanville, quartiere tranquillo a ovest di Parigi, dove due poliziotti, marito e moglie, sono stati uccisi in modo brutale, lui in strada, lei nel suo appartamento, sgozzata davanti al figlio di tre anni, da un balordo senz'arte né parte, che si è appropriato del nome di Allah. Ora lo chiamano «jihadista solitario». Succede ogni giorno in Siria, in Nigeria, in tutti quei Paesi dove si fa razzia di vite innocenti per imporre un credo a cui si attribuiscono in modo arbitrario disegni di morte. 

Una donna che credeva in un mondo migliore

Quanto poco vale la vita se si perde così, per niente? O in casa, durante un litigio? O in un locale dove eri andato a divertirti? Non basta dire succede, è sempre successo: il male, il destino, la mela marcia… È la frequenza che fa impressione. E l'estremismo, l'efferatezza, la perdita di ogni umanità. Ogni venerdì in redazione ci troviamo a decidere come aprire il nostro Se ne parla, la sezione delle news. E sempre più spesso l'attualità ci impone di parlare di tragedie. Vorremmo sempre che fosse l'ultima. Non perché ci illudiamo che il bene alla fine trionfi, ma perché crediamo ancora che certi orrori insegnino all'uomo a non cadere in quella spirale di odio e dolore, sbagliando ancora, sbagliando di più. E invece l'asticella si sposta sempre più su. Per questo fanno effetto le parole di Brendan Cox, marito di Jo, che ricordandola ha detto: «Era una donna che credeva in un mondo migliore e che lottava a questo scopo ogni giorno della sua vita. Ora è il tempo di combattere l'odio che l'ha uccisa». E il bene certo che alla fine trionfa. Deve.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita