Provenza: itinerario dei sapori

Nella meta più conviviale della Francia sono molti i bistrot gestiti da giovani chef che offrono ottimi piatti cucinati con le materie prime provenienti da campi, vigne, pascoli, uliveti: paesaggi e sapori unici al mondo, genuini ma a misura di turista

Oltre il cliché, pur bellissimo, di distese di lavanda baciate dal sole del Midi e solleticate dal Mistral, c'è una Provenza sempre calda e accogliente. È quella di piccoli villaggi di campagna solo apparentemente addormentati, dove invece la vita pulsa all'interno dei bistrot, allo stesso tempo bar, ristoranti, piccole botteghe (épicerie), ritrovi per locali e turisti. Ma anche centri culturali, promotori di iniziative artistiche, punti di partenza per escursioni naturalistiche, custodi di tradizioni e sapori tipici, luoghi di socializzazione ancora vera ai tempi di Facebook.

Advertisement - Continue Reading Below

La Provenza in bicicletta

L'associazione Bistrot de Pays, per esempio, propone tour a piedi e in bici elettrica di uno o più giorni. Al seguito di guide locali, si visitano vilaggi abbarbicati, si passeggia tra i vigneti, si incontrano produttori di vino, olio e formaggio, si scoprono sentieri nascosti e si degustano specialità davvero a chilometro zero.

Advertisement - Continue Reading Below

Banon, splendido borgo medievale

La Provenza, non dimentichiamolo, è terra di profumi e permetteteci di includere tra questi l'aroma forte, penetrante e irresistibile dei suoi leggendari formaggi caprini. Quelli con cui ci hanno ingolosito per esempio al Lupin Blanc di Revest des Brousses, delizioso villaggio abbarbicato su una collina nel dipartimento delle Alpi d'Alta Provenza, a 10 km dal borgo medievale di Banon (nella foto).

Advertisement - Continue Reading Below

Il Lupin Blanc di Revest des Brousses

Affacciato sulla piazza del villaggio, il Lupin Blanc (nella foto) invita a gustare una raffinata cucina, francese e provenzale. Gioviali e ospitali, Sophie e Fred prendono per la gola con ricette tradizionali personalizzate con originalità, per esempio lo stinco d'agnello confit, e con specialità locali a chilometro zero, come appunto i saporiti formaggi di capra, primo fra tutti il pregiato Banon Dop, affinato in acquavite o vinaccia e maturato in foglie di castagno. Questo e altri chevre, al naturale, erborinati o aromatizzati, vengono accompagnati da baguette fragranti e vini robusti.

Advertisement - Continue Reading Below

Les Acacias di Uchaux

Sapori di terra ma anche d'acqua, e non solo dolce. In fondo il mare non è poi così lontano… A Uchaux, nel Vaucluse, a Les Acacias (nella foto) Celine e Agnès ci hanno sedotto con il loro merluzzo con fagiolini verdi e chorizo, ma anche con sorprese dall'aia come lo stuzzicante uovo alla Benedict servito nella brioche.

Advertisement - Continue Reading Below

Il Rest'o2 Vins di Salignac

Importanti pur nella semplicità dei loro ingredienti, le pietanze in menu al Rest'o2 Vins (nella foto) di Salignac. Tra gli altri, spalla d'agnello di Sisteron affumicata al fieno e servita con quinoa alla barbabietola rossa e la brouillade (uova strapazzate) al tartufo con germogli di piselli. Per un approccio più tradizionale, che ha tutto il sapore di questi luoghi, ordinate il tagliere di salumi e formaggi con carne secca di montone, salame e bleu dell'Ubaye, prosciutto crudo maison.

Advertisement - Continue Reading Below

Per saperne di più sui Bistrot de pays

I quasi 250 bistrot de pays di Francia sono raccolti in una federazione che ne garantisce gli standard qualitativi e ne tutela la valenza culturale, oltre a fornire ai turisti una mappa completa delle strutture aderenti e aggiornamenti su iniziative speciali.

Fédération Nationale des Bistrots de Pays, Le Grand Carré – BP 41, 04300 Forcalquier, tel. +33 4 92 77 68 86, www.bistrotdepays.com

More from Gioia!:
Viaggi
CONDIVIDI
In fissa con Cortina d'Ampezzo? Hai una missione anche questo inverno 2018
Cortina d'Ampezzo il miglior punto di partenza e di arrivo della stagione fredda. E non solo
Isola di Tavolara
Viaggi
CONDIVIDI
Tavolara sei un miracolo
Una storia enorme, una bellezza incontaminata che mozza il fiato. Fare mea culpa e inserire Tavolara tra i place to be da visitare al più...
Napoli
Viaggi
CONDIVIDI
Quanto è bella l'Italia! 10 posti da visitare almeno una volta nella vita
Il Paese più bello che ci sia (ed è il nostro!)
Viaggi
CONDIVIDI
Le sette meraviglie del mondo moderno sono un'ottima ragione per partire (ora e sempre)
Per viaggiare in grande stile non c'è niente di meglio di un viaggio alla scoperta dei luoghi più affascinanti del mondo
Malaga cosa vedere
Viaggi
CONDIVIDI
Malaga è la chicca della Spagna di cui innamorarsi in soli 2 giorni
Tutto ciò che c'è di più bello da vedere
Torino e la Mole Antonelliana
Viaggi
CONDIVIDI
Torino è un gioiello e ci sono almeno 10 cose che te ne faranno innamorare
Semplicemente stu-pen-da (e sottovalutata)
Musei minori a New York
Viaggi
CONDIVIDI
New York, dove l'arte si mostra e si nasconde: 10 musei (poco noti) da visitare
Oltre al Moma e al Metropolitan, tanti musei meno noti espongono il meglio di collezioni che rendono New York una città unica per l'offerta...
Viaggi
CONDIVIDI
10 paesi da visitare nel 2018 per Lonely Planet
Se sei alla ricerca di idee per le vacanze 2018, allora sappi che Lonely Planet ha stilato la sua top ten dei paesi da visitare per il...
Creta cosa vedere
Viaggi
CONDIVIDI
L'isola di Creta è il posto ideale per rigenerarsi in soli 3 giorni: cosa vedere e cosa fare
Acqua cristallina, tantissima storia e la cucina, tutta da scoprire
Viaggi
CONDIVIDI
Qual è il tour giusto per non perdersi le opere più belle al Museo del Prado?
Tra quadri meravigliosi e sculture incredibili, si rischia di perdersi: ecco le tappe che proprio non puoi farti mancare