Bali: modalità pausa

L'isola indonesiana, amatissima dagli occidentali, è il luogo ideale per rilassarsi e ritrovare l'equilibrio interiore, soprattutto a Ubud, buen retiro della stilista Donna Karan e di tanti giovani creativi

«Bali è il mio rifugio spirituale: ogni volta che ci torno mi sento come una bambina, con tutti i sensi all'erta», confessa la stilista Donna Karan, che sull'Isola degli dei è un'habitué dei due esclusivi resort by COMO (comohotels.com), tra i quali l'Uma a Ubud. «Qui ho una connessione immediata con la gente, la terra, la bellezza, la pace, i colori. La semplicità e l'uso che gli artigiani fanno delle risorse naturali sono una fonte di ispirazione per il mio lavoro», spiega la stilista. Ma un viaggio a Bali vale la pena per molte altre ragioni. In particolare se si desidera staccare per un po' e ritrovare l'equilibrio interiore. Ecco qualche suggerimento.

Advertisement - Continue Reading Below

Le risaie Patrimonio Unesco

Lasciamo da parte Seminyak e Kuta, le zone più turistiche. È appunto Ubud il cuore artistico, culturale e spirituale di Bali, la zona più autentica e preferita dagli occidentali. Da qui si raggiunge tutto con facilità: le antiche risaie di Jatiluwih, una valle terrazzata Patrimonio Unesco (nella foto); i templi, circa 20.000, tra i quali uno dei più suggestivi è quello di Ulun Danu Bratan, a 1.200 metri, che sembra galleggiare sull'omonimo lago.

Advertisement - Continue Reading Below

Le sorgenti sacre

Assolutamente da vedere anche le sorgenti sacre di Tirta Empul a Tampak Siring, dove la gente del luogo si immerge per purificare la propria anima. «Non parlare del paradiso se non sei mai stato a Bali», scrive il poeta indonesiano Toba Beta. Facile capire perché.

Advertisement - Continue Reading Below

Alla scoperta dei vulcani

«Siamo attratti dalle nuove meraviglie che Bali ha da offrire: ristoranti, hotel e locali di lusso. Un grande cambiamento rispetto a 20 anni fa: quando sono arrivata ed era solo campagna e mare. Comunque il mio consiglio per scoprire la vera isola è andare nelle zone rurali, nei villaggi, tra le risaie, sul monte Batur, vulcano attivo (nella foto)», racconta Zohra Boukhari, decoratrice belga di origine marocchina.

Advertisement - Continue Reading Below

Bijoux e arredi rétro

Oltre a occuparsi di interni per hotel e ville private, Zohra Boukhari ha creato i negozi Shan-Shan (sole in balinese), dei quali uno a Ubud, dove spiccano bijoux e accessori tra arredi rétro (www.shan-shan.info).

Advertisement - Continue Reading Below

Il Palazzo reale e i templi preziosi come merletti

Tra un acquisto e l'altro, a Ubud si può visitare il Palazzo reale, tuttora residenza del sovrano, e i due templi adiacenti, il Puri Saren e il Pura Marajan Agung. Anche se il più fotografato rimane il Pura Taman Saraswati (nella foto), circondato da vasche piene di fiori di loto.

Advertisement - Continue Reading Below

I musei di Ubud

Ma Ubud significa anche arte, grazie a numerose gallerie e musei. Tra questi ultimi, il Neka Museum (www.museumneka.com), con padiglioni tradizionali che ospitano un interessante percorso storico d'arte balinese, e l'Antonio Blanco Museum (www.blancomuseum.com), un tributo all'eccentrico artista, definito il "Dalì di Bali", che visse a lungo qui.

Advertisement - Continue Reading Below

Dove dormire a Ubud

Per la notte, si può scegliere una guest house o un boutique hotel nel verde, nel cuore o vicino al centro abitato di Ubud. Per esempio, il Kenanga Ubud (www.kenangaubud.com) o il Panchoran Retreat (www.panchoran-retreat.com) della designer irlandese Linda Garland, in una foresta di bambù. Nidi naturali ed eco, dove si praticano yoga e meditazione: per sfuggire, almeno per qualche giorno, dalla routine della vita in città.

Advertisement - Continue Reading Below

Shopping chic a Ubud

Ubud è il luogo ideale per gli acquisti di stile. Non a caso sono molti i designer stranieri che da anni vivono qui e rivisitano con gusto l'artigianato locale oppure usano i preziosi materiali locali per le loro creazioni. Tra i must, la moda essenziale e sofisticata di Susanna Pierini di Biasa (www.biasagroup.com); i tessuti per l'arredo de La Bohème (www.labohemebali.com) della francese Pascale Belzacq; le stole e i bracciali in tessuto dello spagnolo Sebastian di Iou Textile; le ciotole in legno, le teiere e gli utensili per la cucina di Nava. Senza dimenticare gli oli essenziali, i rimedi botanici e i balsami a base di erbe che si possono acquistare da Blue Stone (http://bluestonebotanicals.com).

More from Gioia!:
Viaggi
CONDIVIDI
Sono 3 le mostre imperdibili da vedere in Italia nel 2018
Da Frida Kahlo a Pablo Picasso: se ami l'arte ecco dove devi andare nel 2018
Viaggi
CONDIVIDI
Queste stupende vetrine di Natale ti scalderanno il cuore
Non si può non innamorarsi delle vetrine natalizie più belle del mondo, da Milano a New York
Viaggi
CONDIVIDI
Verona sei bellissima! Cosa vedere in un weekend oltre al balcone di Giulietta restaurato
Quest'inverno nella città veneta ti aspettano Van Gogh multimediale, la mostra su Botero e due chicche speciali
Viaggi
CONDIVIDI
La classifica dei borghi più belli e sconosciuti d'Italia dove il tempo sembra essersi fermato per sempre
Sul podio ci sono Campania, Veneto e Friuli-Venezia Giulia
Viaggi
CONDIVIDI
Perché una crociera potrebbe piacerti anche se hai sempre pensato il contrario
Da Cuba all'Honduras, dal Belize al Messico e a bordo, relax e divertimento: cronaca di una settimana che mi ha fatto ricredere
Viaggi
CONDIVIDI
5 folli abitudini degli inglesi che ti lasceranno molto perplessa
Scommettiamo che non conoscevate queste abitudini - decisamente bizzarre - degli inglesi?
Praga
Viaggi
CONDIVIDI
Praga non ti lascia più andare! Ecco cosa vedere in tre giorni indimenticabili
Mini guida al weekend perfetto
Viaggi
CONDIVIDI
I giardini di Parigi, ideali per un momento di relax nella città dell'amore
Che incantevole magia i giardini parigini!
Viaggi
CONDIVIDI
Capodanno a New York, Capodanno memorabile! 10 idee per passarlo alla grande
Non c'è solo la festa a Times Square, ma puoi brindare sui rooftop più esclusivi come nelle piazze, sui ponti, oppure fare meditazione o...
Viaggi
CONDIVIDI
Milano segreta e un tantino inquietante da scoprire in un itinerario alternativo (in 11 tappe)
Leggende inquietanti, tesori nascosti, luoghi insoliti: Milano non è soltanto la città del Duomo: 11 tappe decisamente curiose (e un...