11 curiosità sulla fioritura dei ciliegi in Giappone che devi sapere anche tu

A primavera in Giappone esplode la fioritura dei ciliegi, e i giapponesi impazziscono per l'hanami, cioè l'atto di osservare gli alberi in fiore: ma quanto ne sai di questo rituale? Scopri le 11 cose più curiose di questa poetica fioritura

Fioritura dei ciliegi in Giappone

A primavera in Giappone esplode la fioritura dei ciliegi, e i giapponesi impazziscono per l'hanami, cioè l'atto di osservare gli alberi in fiore: ma quanto ne sai di questo rituale? Scopri le 11 cose più curiose di questa poetica fioritura e guarda il prima e dopo delle fioritura dei ciliegi in Giappone nel meraviglioso video girato con il drone dal videomaker Jack Johnston per la Bbc.

Advertisement - Continue Reading Below

La festa dei ciliegi in fiore

La parola Hanami (花見) in giapponese significa "l'atto di osservare i fiori", ma durante la fioritura dei ciliegi i giapponesi non si limitano a questo gesto poetico e contemplativo, perché Hanami è anche un grande evento sociale per passare del tempo insieme e conoscersi meglio, mangiare e bere (anche fino a ubriacarsi di sake).

Advertisement - Continue Reading Below

Il video della fioritura dei ciliegi di Kawazu

La città di Kawazu - nei dintorni di Tokyo - è diventata famosa per le sue fioriture precoci dei ciliegi (in genere la fioritura nella capitale del Giappone avviene tra marzo e aprile), un vero fiume rosa che attraversa la città come dimostra il video ripreso dal drone.
Ci sono 8mila alberi di ciliegio a Kawazu e la fioritura è particolarmente scenografica per i grandi petali dei fiori e il loro colore rosa brillante: tanto spettacolare da essere protagonista del Kawazu-zakura Cherry Blossom Festival, che si tiene proprio durante la stagione dei ciliegi in fiore ed è visitato da un milione di giapponesi e turisti da tutto il mondo (kawazu-onsen.com/eng/sakura).

Advertisement - Continue Reading Below

Il fronte dei ciliegi in fiore

I primi fiori dei ciliegi sbocciano sull'isola di Okinawa, nell'estremo sud del Giappone, già in gennaio, e man mano risalgono tutto l'arcipelago come un'onda profumata e colorata, arrivando a nord in maggio. Ma è proprio all'inizio della primavera, intorno al 21 marzo, che la fioritura raggiunge il pieno del suo splendore. Le informazioni sullo sakura zensen, il fronte dei fiori di ciliegio che avanza, vengono date addirittura dal telegiornale e da un apposito servizio di previsioni della fioritura simile a quello del meteo: nel 2017 è previsto che i ciliegi in fiore "raggiungano" Sapporo, nel nord del Paese, fra il 3 e il 10 maggio.

Advertisement - Continue Reading Below

Il re dei ciliegi in fiore

Il re di tutti i ciliegi giapponesi è un vero gigante; si chiama Jindai Zakura, ha duemila anni e la circonferenza del suo tronco raggiunge i 13 metri e mezzo! Si trova presso il Jissou Temple, nella prefettura di Yamanashi.

Advertisement - Continue Reading Below

I fiori dei ciliegi non sono tutti uguali

I fiori di ciliegio che hanno fino a 5 petali sono chiamati hitoe, i fiori che hanno da 5 a 10 petali si chiamano hanyae, quelli che ne hanno più di 10 yae.

Advertisement - Continue Reading Below

Il linguaggio dei fiori di ciliegio

Nel linguaggio dei fiori sakura (il fiore del ciliegio) significa bellezza spirituale e buona educazione. spiritual beauty and a good education. La qualità più diffusa, detta Someiyoshino, rappresenta la purezza e indica una persona aggraziata e bella.
I fiori di ciliegio doppi, chiamati Yaezakura, significano grazia e buona educazione. In ogni caso, il fiore del ciliegio è sempre legato a significati positivi.

Advertisement - Continue Reading Below

Una bambina di nome Sakura

Sakura in Giappone è anche un nome proprio femminile, a volte usato come Sakurako (Ko significa bambino ed è un suffisso spesso posto alla fine dei nomi delle bambine). Il fiore del ciliegio è associato alla femminilità e per questo non è dato di frequente ai maschi.

Advertisement - Continue Reading Below

Tatuarsi un fiore di ciliegio

Nei tradizionali tatuaggi giapponesi i fiori di ciliegio sono un simbolo ricorrente, e vengono spesso abbinati ad altri simboli classici come draghi, carpe koi e tigri.

Advertisement - Continue Reading Below

Fiori di ciliegio come nuvole

I fiori di ciliegio, che fioriscono in massa e con i loro petali ricoprono ogni cosa, in Giappone rappresentano anche le nuvole, e sono una metafora della natura effimera della vita per la loro natura effimera e la loro bellezza.

Advertisement - Continue Reading Below

Un viaggio in Giappone per la fioritura dei ciliegi

Il periodo della fioritura dei ciliegi, dunque la primavera, è ideale per pianificare un viaggio in Giappone: «Durante Hanami i giapponesi celebrano la bellezza della fioritura dei ciliegi, con picnic, feste ed escursioni nei parchi cittadini o nei giardini privati», spiega Silvia Romagnoli, Travel Stylist CartOrange. «Il momento perfetto, dunque, per immergersi nella cultura tradizionale nipponica, assistendo anche a spettacoli di danza kyō-mai, alla tradizionale cerimonia del tè e pernottando nei ryokan, alberghi tradizionali con pavimenti formati da tatami, giardino esterno, porte scorrevoli, e i tradizionali letti, i futon, predisposti nel dopo cena». Durante la fioritura è imperdibile Tokyo, dove oltre al rito dell'Hanami sono imperdibili il mercato del pesce di Tsukiji, una crociera nella baia, la cerimonia di vestizione di un kimono e una tradizionale cena shabu shabu o sukiyaki, con le popolari portate a base di fettine sottili di carne.

More from Gioia!:
Viaggi
CONDIVIDI
Musei gratuiti a Venezia per San Valentino 2018? Quale occasione migliore per una perfetta fuga romantica
Alla ricerca dello Spritz perfetto, con il naso all'insù!
Viaggi
CONDIVIDI
People from Ibiza da agosto a gennaio: come innamorarsi follemente della Isla in tre giorni
Mini guida (intensissima) su cosa vedere in tre giorni di vacanza sulla Isla: dalle spiagge pazzesche alla vita notturna, passando per il...
Viaggi
CONDIVIDI
Il Castello di Chambord in Francia è una meraviglia vera: dov'è e perché andarci è un'esperienza unica
Una visita al Castello di Chambord nella Loira, in Francia, costruito a metà del XVI secolo sotto l'influenza del genio italiano Leonardo...
Viaggi
CONDIVIDI
Settimana bianca in rifugio tra neve, sci e relax: le offerte migliori del 2018
Settimana bianca? Sì, ma che non sia solo sci: dalle spa ad alta quota ai rifugi di charme fino agli igloo e alle case sull'albero
Viaggi
CONDIVIDI
Il Carnevale di Santhià è colossale: un intero paese in festa e street food a volontà
Ogni anno si rinnova il rituale dei carri e della Colossale Fagiuolata in piazza, con 150 paioli di rame a cuocere sulla legna, mentre la...
Il Carnevale di Sciacca è uno dei più popolari in Sicilia
Viaggi
CONDIVIDI
Il Carnevale di Sciacca in Sicilia è uno spettacolo imperdibile che in pochi conoscono
Le sfilate dei carri sono tra le più originali della Sicilia: grande la partecipazione del pubblico, tanto che si replica anche d'estate
washington-cosa-vedere
Viaggi
CONDIVIDI
Washington anti Trump, una città in movimento da visitare assolutamente
Un anno fa Donald Trump si insediava al Campidoglio: da allora il movimento di protesta ha dato fermento intellettuale e creativo alla...
Mostre più belle inizio 2018
Viaggi
CONDIVIDI
3 mostre fuori dalle solite mete che valgono il viaggio
Gli appuntamenti d'arte da non perdere non sono solo nelle grandi città: approfittane per prenderti un giorno o un weekend libero
Viaggi
CONDIVIDI
10 laghi italiani straordinari da visitare in giornata per dire "ci sono stato e ci tornerò"
Da Nord a Sud, da Est a Ovest, 10 tappe imperdibili da visitare almeno una volta nella vita
Viaggi
CONDIVIDI
Il lato migliore di Amsterdam: i canali e le house boat e il resto è pura noia
A spasso tra i canali e i ponti di una città che non è mai troppo turistica