Perché Barcellona è tra le città più creative d'Europa

Tra spiagge incantevoli, arte e musica, scopri cosa rende davvero speciale questo posto magico

Barcellona in estate si trasforma, apre le sue braccia e si prepara ad accogliere le migliaia di turisti, provenienti da tutta Europa, che la scelgono ogni anno come meta delle proprie vacanze, vuoi per il mare, per il clima, vuoi per la sua ricca offerta culturale, senza dimenticare i divertimenti, lo shopping e la buona cucina. Una volta lì, infatti, non hai proprio modo di annoiarti: puoi passeggiare su e giù per le ramblas, perderti nel suo tracciato urbano ricco di tracce storiche, tra antichi romani, Medioevo e le testimonianze vive del Modernismo e delle avanguardie artistiche del XX secolo, oppure, per un giro un po' più insolito, puoi anche seguire i consigli di chi Barcellona la vive e la respira ogni giorno. E, ancora di più, puoi aprire il tuo sguardo su un nuovo mondo: Barcellona non è solo una città da vedere, ma anche da vivere e in cui cercare (e trovare) lavoro, come testimoniano le grandi aziende del luogo. Scopri i 5 motivi per cui Barcellona è una delle città più creative d'Europa.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Perché l'arte ti lascerà senza fiato

La città di Barcellona è da sempre legata ad un artista in particolare, ovvero Antoni Gaudì (1852-1926): considerato il massimo esponente del modernismo catalano Gaudì può vantare in particolare per sette opere cittadine il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco. Si tratta di Casa Vicens (realizzata tra il 1883 e il 1888), con il suo stile che ricorda l'arte gotica, la facciata della Natività della Sagrada Família, la celebre basilica simbolo di Barcellona i cui lavori sono iniziati nel 1882, e non sono ancora terminati, Palazzo Güell (1886-1888) e la Cripta della Colonia Güell (1898-1915, situata a Santa Coloma de Cervelló), il coloratissimo e panoramico Parco Güell (1900-1914), Casa Batlló (1904-1907), una delle opere più originali dell'artista, e Casa Milà detta La Pedrera (1906-1912), il famoso edificio con la facciata che richiama le onde del mare. Anche se il tuo soggiorno a Barcellona ha una breve durata puoi comunque riuscire ad ammirare facilmente tutte queste bellezze, che ti lasceranno senza fiato. Sempre in città c'è il Museo Picasso (museupicasso.bcn.cat), che raccoglie migliaia di lavori di Pablo Picasso, tra cui Arlecchino e Las Meninas, organizzate secondo il periodo di realizzazione. Se poi hai tempo anche per una gita fuori porta, a circa 140 km di distanza da Barcellona sorge Figueres, che ospita il museo interamente dedicato al pittore Salvador Dalí (che tra l'altro è anche originario di questa città della Catalogna): al Museo Dalì puoi trovare la più grande collezione di opere dell'artista, comprese le più bizzarre e originali.

Advertisement - Continue Reading Below

2 Perché a Barcellona si lavora (e si vive) meglio

Barcellona è una città che ti ruba il cuore, ma il vero colpo di fulmine scatta quando si arriva a Barceloneta, quartiere della città che si affaccia sul mare. Sembra un po' di stare a Miami Beach, tra surfisti calienti e ragazze bellissime. Jogging, esercizi all'aria aperta, locali sul lungo mare e quella luce inconfondibile del sole che tramonta sulla città. A Barceloneta, non c'è che dire, si sta davvero bene. Tanto che alcune aziende hanno scelto questo quartiere come centro nevralgico del proprio business: tra queste Desigual, marchio di moda che a Barcellona ha creato un headquarter incredibile. Un palazzo immenso, tutto a vetrate, che si affaccia sul mare. E qui viene il bello: perché se sei un'azienda con gli uffici davanti alle onde, non puoi non farti ingolosire dalla voglia di cavalcarle. Desigual, infatti, organizza per i propri dipendenti corsi di surf e di yoga sulla spiaggia e, per far vivere al meglio i lavoratori, tutti i venerdì pomeriggio (di tutto l'anno) sono liberi. Una storia di successo quella di Desigual, ma non solo: il marchio più colorato del mondo ha saputo valorizzare il lavoro e dargli un senso, aggiungendo quei benefit che farebbero andar giù un lunedì amaro anche ai più pessimisti.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Perché i festival musicali non hanno eguali

L'Europa intera, mai come nella nostra contemporaneità, è teatro di sempre più festival musicali, da Amsterdam a Barcellona. È proprio qui che uno degli eventi di musica elettronica più seguiti del mondo trova spazio: stiamo parlando del Sonar, chimera di chi il ritmo ce l'ha nel sangue. Ogni anno, dal 1994 a oggi, in un weekend (e su innumerevoli palchi) l'elettronica contagia Barcellona, tutta intera. Il Sonar si divide in due momenti: il Sonar by day e il Sonar by night. La prossima edizione sarà dal 14 al 16 giugno 2018, a Barcellona: iniziamo il conto alla rovescia?

Advertisement - Continue Reading Below

4 Perché i tuoi figli non si divertiranno mai così tanto

I gusti dei più piccoli sono sempre i più difficili da accontentare, ma c'è un posto a meno di un'ora da Barcellona - a Salou, nel cuore della Costa Dorada e vicinissimo al mare - in cui il divertimento regna sovrano, e dove anche tu puoi goderti finalmente un po' di relax: si tratta di PortAventura World Parks & Resort (portaventuraworld.com), una delle maggiori destinazioni turistiche per famiglie in Europa. 

Il nucleo principale di PortAventura World Parks & Resort è il parco divertimenti (PortAventura Park, il primo parco tematico di Spagna nonché terzo parco più grande d'Europa), con al suo interno le 41 attrazioni che si ispirano ad un viaggio immaginario intorno al mondo: prepara i bagagli per attraversare le affascinanti antichità maya del Messico (Mexico) passando poi in Cina (China), tra la Grande Muraglia, la Città Proibita e Shambhala, le montagne russe più alte d'Europa (76 m), senza dimenticare un giro nel nostro amato Mediterraneo (Mediterrània). Se non ami le montagne russe puoi comunque passeggiare nelle atmosfere esotiche della Polinesia, tra i tiki e la fitta vegetazione tropicale, fino a ritrovarti nel selvaggio West, nel paese di Penitence, tra cowboy, pistoleri e saloon. 

PortAventura è la meta perfetta in cui passare un po' di tempo con la propria famiglia (anche perché, lo sappiamo, a volte a causa degli impegni lavorativi ci si vede un po' poco) e anche i più piccini hanno un piccolo mondo tutto per loro, SésamoAventura, in cui possono finalmente conoscere i personaggi di Barrio Sèsamo, che sono tra i volti ufficiali di PortAventura insieme alla mascotte Woody. 

A PortAventura il divertimento comincia fin dal mattino: l'ideale per una vacanza al top è soggiornare direttamente in uno degli hotel che si trovano all'interno del parco, magari in uno di quelli dell'area Far West in cui puoi sentirti davvero la protagonista di un'avventura western (come l'Hotel Callaghan, un edificio in perfetto stile vittoriano e curato in ogni minimo dettaglio), così da avere l'accesso diretto al parco - e nel caso degli hotel nell'area Far West anche un comodissimo ingresso dedicato -. E dopo aver passato qualche ora adrenalinica tra cadute libere (sull'Hurakan Condor) e discese sui tronchi (a bordo del Silver River Flume) tu e la tua famiglia potete concedervi anche una pausa rinfrescante al parco acquatico di PortAventura (PortAventura Caribe Aquatic Park), tra scivoli, fontane e piscine. 

Se invece ami il brivido, e sei una sfegatata ferrarista, non dimenticare di fare un salto a visitare la grande novità del 2017, Ferrari Land, un intero parco a tema interamente dedicato al Cavallino Rampante, al mondo dei motori e alla velocità: puoi metterti alla prova durante un vero pit stop, provare a correre un GP nel simulatore e soprattutto sfidare i 180 km/h di Red Force, l'acceleratore verticale più alto e veloce d'Europa. Tieniti forte!

Advertisement - Continue Reading Below

5 Perché la paella barcellonese non te la dimenticherai mai

In giro per Barcellona, così come in qualsiasi altra città spagnola, puoi trovare sicuramente la paella, il famosissimo piatto base di riso, carne, pesce e frutti di mare, e puoi gustarti un po' ovunque l'aperitivo insieme a qualche tapas, albondigas e l'immancabile jamon. Se invece hai già visitato il Mercado de la boqueria (boqueria.info), il mercato più famoso della Spagna, il più grande della Catalogna e uno dei più antichi del Paese, e sei alla ricerca di qualcosa di più tipico e particolare allora assaggia la botifarra, la tipica salsiccia catalana, cucinata insieme ai fagioli oppure il bacallà (il baccalà) preparato con verdure o con uva passa e pinoli, piatti che puoi accompagnare con le patatas bravas, un contorno speziato di patate condite con una salsina piccante a base di maionese e, per finire, la tradizionale crema catalana. Per immergerti però nella vera tradizione culinaria catalana puoi fare una puntatina al Can Pineda, un locale attivo fin dal 1904 (restaurantcanpineda.com) o al Can Culleretes (culleretes.com).

More from Gioia!:
Viaggi
CONDIVIDI
La classifica dei borghi più belli e sconosciuti d'Italia dove il tempo sembra essersi fermato per sempre
Sul podio ci sono Campania, Veneto e Friuli-Venezia Giulia
Viaggi
CONDIVIDI
Perché una crociera potrebbe piacerti anche se hai sempre pensato il contrario
Da Cuba all'Honduras, dal Belize al Messico e a bordo, relax e divertimento: cronaca di una settimana che mi ha fatto ricredere
Viaggi
CONDIVIDI
5 folli abitudini degli inglesi che ti lasceranno molto perplessa
Scommettiamo che non conoscevate queste abitudini - decisamente bizzarre - degli inglesi?
Praga
Viaggi
CONDIVIDI
Praga non ti lascia più andare! Ecco cosa vedere in tre giorni indimenticabili
Mini guida al weekend perfetto
Viaggi
CONDIVIDI
I giardini di Parigi, ideali per un momento di relax nella città dell'amore
Che incantevole magia i giardini parigini!
Viaggi
CONDIVIDI
Capodanno a New York, Capodanno memorabile! 10 idee per passarlo alla grande
Non c'è solo la festa a Times Square, ma puoi brindare sui rooftop più esclusivi come nelle piazze, sui ponti, oppure fare meditazione o...
Viaggi
CONDIVIDI
Milano segreta e un tantino inquietante da scoprire in un itinerario alternativo (in 11 tappe)
Leggende inquietanti, tesori nascosti, luoghi insoliti: Milano non è soltanto la città del Duomo: 11 tappe decisamente curiose (e un...
Viaggi
CONDIVIDI
Che sogno il Capodanno al mare! 10 mete non troppo costose per un veglione ai tropici
Per passare il veglione sulla spiaggia bisogna andare un po' lontano, però il Capodanno sarà di quelli indimenticabili
Viaggi
CONDIVIDI
Il Trentino non è solo sci e neve: 10 cose da fare in Val di Fassa lontano dalle piste
Neve, silenzio, natura, stupore: insomma, Val di Fassa in Trentino!
Viaggi
CONDIVIDI
Capodanno in baita = Capodanno perfetto! 5 proposte per un veglione in alta quota
Neve, natura e amici: sulle Alpi potete trovare ogni tipo di proposta per trascorrere l'ultimo giorno dell'anno più bello di sempre