In Danimarca con i bambini: viaggio da favola a Odense, sulle tracce di Andersen

Nell'isola di Fionia tutto è un gioco: seguire le orme dello scrittore di favole Hans Christian Andersen nei suoi luoghi natali, andare al museo in pedalò e visitarlo sui trampoli, e passeggiare scortati da anatroccoli

Più Popolare

Odense: una meta tanto facile (e piacevole) che potete anche non dir nulla ai bambini, preparare per tutti un veloce bagaglio nella notte e, sorpresa!, godervi le loro facce stupite quando, la mattina dopo, annuncerete la partenza per il capoluogo dell'isola di Fionia, terza città della Danimarca (quest'anno il secondo Paese più felice al mondo dopo la Norvegia) dopo la capitale Copenaghen e dopo Aarhus, e family-friendly fin dal Dna. Qui nel 1805 nacque il notissimo scrittore di favole Hans Christian Andersen, autore di capolavori come La principessa sul pisello, La sirenetta o Il brutto anatroccolo. E se il metodo danese per crescere bambini felici è famoso ovunque un motivo ci sarà.

Advertisement - Continue Reading Below

Se ci andate in agosto (nel 2017 dal 20 al 26), incapperete nell'Hans Christian Andersen Festival (hcafestivals.com), con 270 eventi sparsi per la città. Ma in realtà ogni momento è buono per un weekend lungo in questo luogo incantato (del resto, la parola dell'anno è hygge, l'arte di vivere bene secondo i danesi, e saperne di più è già una buona scusa per staccare il biglietto aereo): dall'Italia ci si arriva con un volo per Copenaghen e poi prendendo un (comodissimo) treno, che in un'ora e mezza porta in centro città; poi tutto si fa a piedi o, meglio ancora, in bici, con piste ciclabili estese per 550 chilometri e biciclette gratis (due a persona, per 24 ore rinnovabili, sul sito cibi.dk).

Più Popolare

LIBERI TUTTI

Una volta in sella, conviene andare subito al Fyrtojet, che in danese significa acciarino ed è ispirato, appunto, alla fiaba dell'Acciarino (museum.odense.dk/museer/fyrtoejet): un posto magico che è assieme museo, sartoria teatrale, laboratorio, con una piccola arena per gli spettacoli che sembra la scenografia di un film fantasy: un posto kids-friendly come del resto tutta la Danimarca, in cui i bambini possono travestirsi, truccarsi, trasformarsi in maghi, soldati, anatroccoli (tutt'altro che brutti) e principesse.

Un City pass del costo di 169 dk (circa 22 euro; info: visitodense.com) dà a voi adulti il libero accesso a musei, attrazioni e trasporti; non compratelo per i figli, che entrano gratis ovunque (laboratori esclusi). Dopo il Fyrtojet, meta d'obbligo è la casa dove Andersen nacque, zeppa di memorabilia sulla sua vita avventurosa; per trovarla basta seguire le orme dei piedi impresse sui marciapiedi, che con le statue dello scrittore e i personaggi delle sue storie, sparsi per la città, tracciano un suggestivo itinerario dei "suoi" luoghi.

COME UNA VOLTA

Ma come si viveva all'epoca di Andersen? Per scoprirlo, non perdete il Funen Village (museum.odense.dk/en/museums/funen-village), un museo a cielo aperto appena fuori Odense, da raggiungere a piedi o in bicicletta su un sentiero alberato lungo il fiume oppure in battello, in canoa o pedalò. Il villaggio è la perfetta riproduzione di un piccolo centro abitato ottocentesco, pieno di animali (tra cui le onnipresenti anatre), case d'epoca da visitare e giochi di una volta, come trampoli o birilli, che i bambini possono divertirsi a provare.

Il tour si conclude con una puntata allo Jernbanemuseum (jernbanemuseet.dk), utile per capire come la gente si spostava all'epoca di Andersen: in 10.000 metri quadri sono in mostra 150 anni di storia dei treni, con vecchi vagoni nei quali è possibile entrare e centinaia di attrazioni interattive, che ai ragazzi piacciono sempre moltissimo. A volte, durante la visita, capita di incontrare il Trenino Thomas, quello originale dei cartoni animati inglesi. Non c'entra nulla con Hans Christian Andersen, ma ai bambini (e ai genitori) strappa sempre un sorriso.

More from Gioia!:
Civita di Bagnoregio
Viaggi
CONDIVIDI
Civita di Bagnoregio: 10 curiosità sul borgo rinato
Civita di Bagnoregio, in provincia di Viterbo, è un borgo rinato grazie al turismo
Sagrada Familia
Viaggi
CONDIVIDI
Sagrada Familia: se vuoi vivere un'emozione irripetibile, è qui che devi andare
Uno spettacolo per gli occhi
Bussana Vecchia
Viaggi
CONDIVIDI
Una gita nel borgo medievale di Bussana Vecchia è quello che ci vuole per l'autunno
Bussana Vecchia è un borgo medievale nel comune di Sanremo in Liguria, amato dagli artisti: la gita fuori porta che stavi aspettando
Viaggi
CONDIVIDI
Come sta cambiando il mondo per i viaggiatori che soffrono di autismo
La sensibilità, ma che l'interesse, sta rendendo più accoglienti le strutture turistiche anche per coloro che soffrono di autismo
Palma di Maiorca
Viaggi
CONDIVIDI
Palma di Maiorca: 10 motivi per andarci in vacanza sempre
Palma di Maiorca e le isole Baleari in genere sono tra le mete per le vacanze più visitate: nella nostra guida scoprirai i buoni motivi per...
Aurora boreale
Viaggi
CONDIVIDI
Aurora Boreale: i 10 posti migliori per vederla (e sognare a occhi aperti)
I luoghi migliori per vedere lo spettacolo naturale dell'aurora boreale: tra Islanda, Norvegia, Finlandia e Svezia scopri qual è la...
Viaggi
CONDIVIDI
Perché visitare la Tour Eiffel è sempre una buona idea
La Tour Eiffel (in italiano Torre Eiffel), simbolo di Parigi, è tra i monumenti più visitati al mondo: segui le info per organizzare una...
Viaggi
CONDIVIDI
Halloween 2017: cosa offrono i parchi divertimento in Italia?
Gardaland, Mirabilandia, Leolandia e non solo: le migliori proposte per festeggiare Halloween con la tua famiglia
Viaggi
CONDIVIDI
Quale vacanza migliore in inverno se non andare al Villaggio di Babbo Natale in Lapponia?
Folletti, renne e soprattutto un'atmosfera MAGICA
Mauritius
Viaggi
CONDIVIDI
Mauritius, quando andare? 10 consigli utili
Scopri tutti i consigli utili per organizzare la tua vacanza nel periodo migliore, per trovare il clima ideale ed evitare le piogge