Mostre inverno 2017 in Italia: ecco quelle da non perdere tra gennaio e febbraio

Dalla Sicilia al Veneto, niente di meglio di una mostra per concedersi un week end di relax e arte nei freddi mesi invernali

Più Popolare

Mostre inverno 2017 in Italia: dalla Sicilia al Veneto, niente di meglio di una mostra per concedersi un week end di relax e arte in gennaio e febbraio. Da non dimenticare le grandi mostre del 2016 ancora in corso e le mostre d'arte del 2017 che si aprono o stanno per aprirsi. Per un anno all'insegna dell'arte e della bellezza. E se ami la moda, in questo inizio di 2017 ci sono altre due bellissime mostre che non puoi perdere: Foulard di Montagna al Museo Nazionale della Montagna di Torino, e Fashion in Florence a Firenze. Per non dire della mostra su Manolo Blahink a Milano, perché siamo tutte un po' Carrie Bradshaw!

Advertisement - Continue Reading Below

Cominciamo da Firenze, dove immergersi letteralmente nelle opere di Gustav Klimt grazie alla Klimt Experience, spettacolare mostra multimediale allestita fino al 2 aprile 2017 a Santo Stefano al Ponte, chiesa sconsacrata ora spazio espositivo multimediale.

Più Popolare

Fino al 7 maggio 2017 offre un'analoga esperienza immersiva multimediale a Bologna la mostra Dalí Experience a Palazzo Belloni.

Dopo il successo ottenuto dalle precedenti collaborazioni tra Mantova Outlet Village e ONO arte contemporanea, il nuovo evento è la mostra fotografica Andy Warhol a Jean-Michel Basquiat. Dalla Pop Art alla Street Art allestitaproprio al Mantova Outlet Village di Bagnolo San Vito (Mantova). In mostra fino al 5 marzo 2017 36 fotografie di diversi formati dedicate al genio della pop art e all'icona del graffitismo.

Advertisement - Continue Reading Below

In Sicilia ad Acireale c'è Muybridge Recall: fino al 19 febbraio 2017 alla Galleria Credito Siciliano. «Le fotografie di Muybridge rivelano chiaramente gli errori in cui sono incorsi tutti gli scultori e i pittori quando hanno voluto rappresentare le diverse andature del cavallo», scrisse Paul Valéry riconoscendo l'importanza di Eadweard Muybridge (1830 – 1904), il fotografo che "inventò" il movimento, influenzando con le sue immagini Degas e gli artisti del suo tempo e anticipando la nascita del cinema.

Imperdibile The Art of the Brick, con le sculture artistiche realizzate con oltre un milione di mattoncini Lego dall'artista Nathan Sawaya:a Roma all'Auditorium Parco della Musica fino al 26 febbraio 2017.

A Reggio Emilia, a Palazzo Magnani sino al 14 febbraio 2017 c'è Liberty in Italia. Artisti alla ricerca del Moderno. 300 opere, in gran parte inedite, per raccontare in modo nuovo il Liberty italiano. La sua anima più propriamente floreale e quella "modernista", che porterà allo sviluppo in chiave più stilizzata ed essenziale del linguaggio decorativo.

Ricco di proposte anche il Veneto. Cominciamo da Venezia, con le Nuove sale dell'Ala Palladiana delle Gallerie dell'Accademia dove ammirare i protagonisti dell'arte veneziana e veneta tra Sette e Ottocento. Canaletto e Hayez, tra gli altri, ma soprattutto Antonio Canova a cui sono riservati gli spazi della luminosa galleria e il celebre Tablino.

A Fratta Polesine, al Museo Nazionale Archeologico sino al 26 febbraio 2017, Storia del Profumo, Profumo della Storia. In mostra tremila anni di profumi, attraverso i loro contenitori: da quelli dell'età greca e romana ai marchi della grande profumeria planetaria di oggi. Insieme a oggetti, libri, antichi formulari e farmacopee, strumenti multimediali ed esperienze sensoriali.

All'insegna del divertimento, invece, la proposta di Padova dove, al San Gaetano, fino al 26 febbraio 2017, c'è Godzil-Land Un viaggio fantastico dal Mondo Perduto a Jurassic Park. Protagonisti, i dinosauri, che la fantascienza ha reso protagonisti di storie indimenticabili.

A Treviso c'è Storie dell'Impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin, sino al 17 aprile 2017, al Museo di Santa Caterina. 140 opere, quasi tutti dipinti, ma anche fotografie e incisioni a colori su legno, per raccontare, come prima mai fatto in Italia, le varie storie dell'impressionismo con opere, spesso capolavori, che arrivano da musei e grandi collezioni di mezzo mondo. Sempre al Santa Caterina, Tiziano Rubens Rembrandt. L'immagine femminile tra Cinquecento e Seicento, con tre capolavori dalla Scottish National Gallery di Edimburgo. Sono la Venere che sorge dal mare di Tiziano, il Banchetto di Erode di Rubens e Una donna nel letto di Rembrandt, concessi dalla Scottish National Gallery e offerti ai visitatori della grande mostra sulla Storia dell'Impressionismo, per festeggiare i primi 20 anni di Linea d'ombra.

Ancora a Treviso alla Fondazione Benetton, La geografia serve a fare la guerra? Mappe e arte in mostra sino al 19 febbraio 2017, mentre a Vicenza c'è Andrea Palladio. Il mistero del volto, sino al 4 giugno 2017 al Palladio Museum. La vicenda potrebbe piacere a Dan Brown: nessuno può dire che aspetto avesse Palladio, il più conosciuto architetto degli ultimi cinque secoli. Perché il "padre" della Casa Bianca non ha un vero volto? Guido Beltramini conduce il visitatore nei meandri di una storia che si è fatta leggenda, tra falsificazioni, equivoci e colpi di scena. Giungendo ad una verità che riporta, non a caso, a Erasmo da Rotterdam.

In Lombardia, a Milano, al Museo di Storia Naturale sino al 30 aprile 2017, Terremoti. Origini, storie e segreti dei movimenti della Terra. Ogni volta si verifica un terremoto di una certa importanza e magnitudo in grado di provocare danni e vittime ci si interroga sulla natura di questo fenomeno naturale. Questa mostra offre risposte precise, spiegando come dai terremoti ci si possa difendere.

In Piemonte, il grande appuntamento è con Futurballa, sino al 27 febbraio 2017 ad Alba alla Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero. Grandi prestiti internazionali, molte opere mai prima viste in Italia, per raccontare Giacomo Balla. Dall'apprendistato torinese al realismo sociale, alla sperimentazione della tecnica divisionista al grande momento futurista.

(Articolo aggiornato il 29 gennaio 2017)

More from Gioia!:
Spiagge della Sardegna
Viaggi
CONDIVIDI
8 spiagge della Sardegna che ti faranno venire voglia di partire
Una terra meravigliosa con delle spiagge bellissime che nulla hanno da invidiare ai Caraibi
Isola d'Elba
Viaggi
CONDIVIDI
Le 5 spiagge più belle dell'isola d'Elba (che non dimenticherai mai)
Una delle mete turistiche più gettonate, non solo dagli italiani ma anche dagli stranieri: del resto, con spiagge così belle, come non...
Spiagge della Sicilia
Viaggi
CONDIVIDI
Le 7 spiagge più incantevoli della Sicilia
Splendidi panorami, acqua cristallina e un tocco di storia qua e là...cosa volere di più?
Isola di Salina
Viaggi
CONDIVIDI
Che ne dici di una vacanza sull'isola di Salina?
L'Isola di Salina nell'arcipelago delle Eolie in Sicilia è tutta da scoprire e da visitare a partire dalle meravigliose spiagge
Viaggi
CONDIVIDI
Maldive in giugno? C'è un motivo per andare
Prezzi contenuti, ma comfort altissimo nel resort Sun Siyam di Iru Fushi: il diario di viaggio della nostra stylist Amelianna Lojacono
Viaggi
CONDIVIDI
Il paesino svizzero che proibisce di postare sui social
A Bergün niente foto: così ha deciso il Comune del paesino svizzero a 1376 metri d'altezza, che ha da poco promulgato un'ordinanza che...
Viaggi
CONDIVIDI
Talassoterapia: in vacanza il mare ti fa bella
I migliori hotel, in Italia e all'estero, per ritrovare bellezza e vitalità grazie ai benefici terapeutici dell'acqua salata
Un giardino giapponese
Viaggi
CONDIVIDI
Che ne dici di un giro al Giardino Giapponese di Roma?
Una piccola oasi del Sol Levante nella Capitale è il Giardino dell'Istituto Giapponese di Cultura: tutte le info per visitarlo
Isole greche: Santorini
Viaggi
CONDIVIDI
10 isole greche da vedere almeno una volta nella vita
Sono stupende, tutte quante: dei veri e propri gioielli, l'ideale per le vacanze estive
lanzarote-canarie-cosa-vedere-playa-papagayo
Viaggi
CONDIVIDI
Vacanze in paradiso? Punta su Lanzarote
Perché il fascino selvaggio dell'isola più nord-orientale delle Canarie, lontana dal turismo di massa, conquisterà anche te