Oktoberfest: la festa della birra più grande al mondo e la Baviera da scoprire

Oltre alla tradizionale manifestazione dedicata all'amatissima bevanda, Monaco di Baviera e i dintorni offrono molte altre attrattive: castelli dall'atmosfera magica, itinerari a tema e wellness​

Più Popolare

Monaco di Baviera, culla della famosissima Oktoberfest (la festa della birra, fino al 3 ottobre, oktoberfest-monaco.it/oktoberfest-2016) è una metropoli cosmopolita e moderna, dove convergono mode e tendenze internazionali. Una fucina d'arte e cultura, regina dello shopping griffato e della movida, casa delle roboanti Bmw e laboratorio di una gastronomia raffinata che ha saputo riscattarsi dal vecchio cliché würstel-e-crauti. Per gola o per curiosità, vale la pena di visitarla adesso, momento in cui la birra di casa è più che mai protagonista. Senza contare che la capitale della Baviera è la porta d'accesso a un territorio verde, dove usi e costumi di un tempo sopravvivono tra atmosfere da fiaba. E non è un modo di dire…

Advertisement - Continue Reading Below

Sulle tracce di Ludwig 

Partiamo proprio dalle favole. Avete presente il castello di Cenerentola, quello che al cinema annuncia i grandi classici dei cartoni Disney? Il castello vero che ha ispirato i disegnatori è Neuschwanstein (nella foto sotto). Solido sulla sua roccia, eppure leggiadro con la sua teoria di guglie, incarna la doppia personalità di Ludwig II. Il "re pazzo" che, nella sua lucida follia, ha regalato alla Baviera monumenti unici, al centro di itinerari che conducono sulle orme della storia, tra i castelli di Linderhof e Hohenschawgau e l'Herrenchiemsee, noto come la Versailles di Baviera.

Più Popolare

Il Ludwig tour completo conduce anche alla residenza di Nymphenburg, alle porte di Monaco,  luogo di nascita del re, e sulle sponde del lago di Starnberg (nella foto sotto) dove, nel 1886, il sovrano fu ritrovato morto insieme al medico che lo aveva dichiarato malato di mente. Per chi ha gambe buone, imperdibile l'escursione tra i monti di Garmisch-Partenkirchen fino allo Schachenhaus, lo chalet alpino dove il re amava festeggiare il compleanno. 

La strada di Sissi

Forse la follia del re era solo un desiderio di fuga dalla realtà. E in questo gli era vicina la cugina Sissi, quella figura mitizzata – dolce e innamorata – che la storia più recente ci ha però restituito come l'imperatrice triste. Anche a lei pare stesse stretta, forse più del bustino dei suoi splendidi abiti, la vita di corte. A lei, prima e dopo le nozze con Francesco Giuseppe I d'Austria, è dedicata la Strada di Sisi (in tedesco con una sola "s"), itinerario che partendo dalla Baviera conduce in Austria, Ungheria, Italia, Svizzera e persino a Corfù. Nel tratto bavarese si rintraccia una Elisabeth ancora bambina e per il momento "solo" principessa. Pare di vederla, ancora spensierata, a Oberwittelsbach, nel castello di famiglia, per le strade di Monaco, sua città natale, ad Augusta e a Füssen (nella foto sotto) e, naturalmente, nella residenza Possenhofen, su quello stesso lago Starnberg dove si spense misteriosamente il cugino Ludwig.

Advertisement - Continue Reading Below

Fortezze, manieri e residenze storiche

Ai piedi del castello di Neuschwanstein, da Füssen, parte anche la Strada romantica, suggestivo percorso di 366 km tra Baviera e Baden-Württemberg che culmina a Würzburg (nella foto sotto): qui, nella magnifica Residenz, sotto tutela Unesco, ritroviamo con orgoglio splendidi affreschi del nostro Tiepolo… Da Würzburg passa anche la Strada dei re e degli imperatori (750 km), che si snoda lungo il Danubio toccando città storiche di Germania, Austria e Ungheria. Attraversa infine la Baviera anche la Strada delle Rocche, che lungo oltre 1.000 km (da Mannheim, nel vicino Baden-Württemberg, fino a Praga in Repubblica Ceca) inanella più di 70 tra fortezze, manieri e residenze storiche.

Natura e vitalità

Tutto, non solo la birra, in Baviera è naturale. A partire dal benessere che, da tempo immemore, la gente di qui trae da paesaggi terapeutici di per sé, ma soprattutto generosi di erbe, essenze ed elementi preziosi. In questo territorio verdissimo, dal clima salubre e dal sottosuolo ricco di acque benefiche, la saggezza popolare, la medicina e il termalismo si sono fusi per dare vita a  una destinazione top per il natural wellness

 In hotel, centri benessere e stabilimenti termali la scelta è ampia. Prevede trattamenti tradizionali e naturali bavaresi garantiti dal marchio WellVital. Tra questi: il forno Kraxen, una speciale sedia ricoperta di fieno aromatico caldo; i bagni al fango di pino di torbiera e quelli al fieno d'Algovia; il massaggio con l'olio di luppolo;  gli impacchi ai fiori di fieno;  i bagni nel latte o nel burro di capra e, naturalmente, la famosa cura Kneipp (nella foto), dal nome dell'abate bavarese che la elaborò nel IX secolo applicando su se stesso i dettami dell'idroterapia.   

Oktoberfest: a tutta birra

Atmosfera festosa, bancarelle, giostre e tanti stand dove ordinare piatti tipici bavaresi e ottima birra: l'Oktoberfest è un appuntamento imperdibile (oktoberfest.it). Ma scordatevi di ordinare una birra piccola o media: qui è di rigore il maß, il boccale da un litro, servito da ragazze belle e prorompenti. 

Il villaggio di Natale

Nella terra delle fiabe il periodo natalizio non può che durare tutto l'anno: a Rothenburg ob der Tauber, una deliziosa cittadina medievale, il negozio di Käthe Wohlfart (wohlfahrt.com) è specializzato ormai da oltre 50 anni in decorazioni e addobbi tradizionali, con incredibili allestimenti a tema e perfino il Museo tedesco del Natale. 

More from Gioia!:
Viaggi
CONDIVIDI
Musei gratuiti a Venezia per San Valentino 2018? Quale occasione migliore per una perfetta fuga romantica
Alla ricerca dello Spritz perfetto, con il naso all'insù!
Viaggi
CONDIVIDI
People from Ibiza da agosto a gennaio: come innamorarsi follemente della Isla in tre giorni
Mini guida (intensissima) su cosa vedere in tre giorni di vacanza sulla Isla: dalle spiagge pazzesche alla vita notturna, passando per il...
Viaggi
CONDIVIDI
Il Castello di Chambord in Francia è una meraviglia vera: dov'è e perché andarci è un'esperienza unica
Una visita al Castello di Chambord nella Loira, in Francia, costruito a metà del XVI secolo sotto l'influenza del genio italiano Leonardo...
Viaggi
CONDIVIDI
Settimana bianca in rifugio tra neve, sci e relax: le offerte migliori del 2018
Settimana bianca? Sì, ma che non sia solo sci: dalle spa ad alta quota ai rifugi di charme fino agli igloo e alle case sull'albero
Viaggi
CONDIVIDI
Il Carnevale di Santhià è colossale: un intero paese in festa e street food a volontà
Ogni anno si rinnova il rituale dei carri e della Colossale Fagiuolata in piazza, con 150 paioli di rame a cuocere sulla legna, mentre la...
Il Carnevale di Sciacca è uno dei più popolari in Sicilia
Viaggi
CONDIVIDI
Il Carnevale di Sciacca in Sicilia è uno spettacolo imperdibile che in pochi conoscono
Le sfilate dei carri sono tra le più originali della Sicilia: grande la partecipazione del pubblico, tanto che si replica anche d'estate
washington-cosa-vedere
Viaggi
CONDIVIDI
Washington anti Trump, una città in movimento da visitare assolutamente
Un anno fa Donald Trump si insediava al Campidoglio: da allora il movimento di protesta ha dato fermento intellettuale e creativo alla...
Mostre più belle inizio 2018
Viaggi
CONDIVIDI
3 mostre fuori dalle solite mete che valgono il viaggio
Gli appuntamenti d'arte da non perdere non sono solo nelle grandi città: approfittane per prenderti un giorno o un weekend libero
Viaggi
CONDIVIDI
10 laghi italiani straordinari da visitare in giornata per dire "ci sono stato e ci tornerò"
Da Nord a Sud, da Est a Ovest, 10 tappe imperdibili da visitare almeno una volta nella vita
Viaggi
CONDIVIDI
Il lato migliore di Amsterdam: i canali e le house boat e il resto è pura noia
A spasso tra i canali e i ponti di una città che non è mai troppo turistica