Isola di Saona, il paradiso naturale dei Caraibi dall'acqua magnifica

L'isola di Saona è considerata, a giusta ragione, uno dei paradisi naturali dei Caraibi: ecco cosa sapere, dove andare e qual è il periodo migliore per partire

Più Popolare

I Caraibi e la loro immagine paradisiaca prendono forma nell'Isola Saona, Repubblica Dominicana. Il Parco Nazionale dell'Oriente è composto da un'imponente riserva terrestre e marittima che conserva un ecosistema molto diversificato: lì c'è l'Isola Saona, una delle più belle isole domenicane. La sua bellezza è immensa motivo per il quale un flusso costante di appassionati di spiagge dorate e mare cristallino si reca all'Isola di Saona ai Caraibi ogni anno.

Advertisement - Continue Reading Below

Precedentemente abitata dagli indiani Taino, che la chiamarono Andamay, Cristoforo Colombo la raggiunse nel 1494 rinominandola Bella Savonese in onore di Michele da Cuneo, grande navigatore che lo avvertì che non apparteneva alla corona spagnola. Quindi il nome dell'isola deriva da quello di Savona, trasformarsi più tardi nell'attuale Saona. Protetta ufficialmente dal 1975, è in attesa di essere considerata Patrimonio dell'Umanità. Le qualità le ha tutte. L'isola di Saona ha una superficie di circa 115 chilometri quadrati in cui troviamo soltanto un paio di villaggi di pescatori con case di legno. Il resto della sua geografia è composto da spiagge con acque cristalline, meravigliose piscine naturali, spiagge bianche molto belle e foreste di palme e altre specie tipiche dell'ecosistema caraibico. Coloro che si sono dedicati a viaggiare per le isole dei Caraibi la considerano una delle più belle. L'Isola di Saona contiene tre lagune all'interno e le sue coste sono modellate da scogliere dove vivono le specie che si possono facilmente vedere con maschera e boccaglio.

Isola di Saona: il Paso de Catuan.
Più Popolare

Come arrivare a Saona?

È possibile arrivarci partendo da Bayahibe all'isola di Saona, così come da Boca Chica, Juan Dolio, Bavaro e Punta Cana. Il viaggio si fa solitamente utilizzando grandi catamarani con una capacità tra 40 e 50 persone e che arrivano a destinazione in circa mezz'ora. L'escursione si può prenotate in tutti gli alberghi e tour operator della zona e di solito parte presto la mattina con l'intenzione di sfruttare al meglio il soggiorno sull'isola. Se si arriva in motoscafo da Altos de Chavon il percorso è molto interessante visto che si passa attraverso tratti del fiume omonimo, dove sono state girate parti dei film Apocalypse Now e Jurassic Park.

La visita tradizionale prevede una sosta a Mano Juan, con tempo libero per godersi la spiaggia, pranzo a buffet, visita di mangrovie o banchi di sabbia e visita alla piscina più grande del mondo, una piscina naturale di meno di un metro di profondità situata a 400 metri dalla costa. Essendo un'isola gelosamente protetta, Saona non consente costruire più edifici di quelli che vedrai: due insediamenti unici. Catuano è un distaccamento della Marina che si trova nell'estremo ovest dell'isola e Mano Juan è la città principale situata a sud. Si tratta di un grazioso villaggio di pescatori con case in legno color pastello dove vive la maggior parte della popolazione dell'isola. A Mano Juan troverai la più estesa spiaggia dell'isola, dove ogni operatore turistico ha un'area privata con una sala da pranzo e l'amaca. Se decidi di passare il tempo sulla spiaggia, vedrai che è molto comune trovare grossi esemplari di stelle marine, con enormi bande rossastre. Ricorda che sono assolutamente innocue e puoi toccarle, ma non sono un ricordo che potrai portarti a casa.

Isola di Saona e Santo Domingo, quando andare

Nella Repubblica Dominicana il tempo è molto buono in tutto il paese durante i mesi di febbraio, marzo e aprile. Se vuoi andare all'Isola di Saona devi sapere che i mesi più favorevoli in fatto di clima sono gennaio, febbraio, marzo, aprile, novembre e dicembre. Mentre si consiglia di evitare i mesi più piovosi della nazione caraibica, che sono maggio, luglio e agosto. Le temperature rimangono piuttosto calde durante tutto l'anno, anche se i venti nordorientali possono causare una diminuzione anche nel periodo più caldo.

More from Gioia!:
cosa vedere a Parigi in 3 giorni
Viaggi
CONDIVIDI
Portale via con te! Cosa vedere a Parigi in un weekend insieme alle tue amiche del cuore
Come fare, cosa visitare, dove mangiare? Mini guida che spiega tutti i segreti per un micro viaggio ma indimenticabile
Viaggi
CONDIVIDI
Barcellona energia pura e dinamismo riassunti in 10 luoghi da visitare in un weekend
Mini guida intensissima per scoprire la città più positiva d'Europa
Viaggi
CONDIVIDI
Cercasi candidate per lavoro da sogno, nessuna esperienza richiesta, solo tanta voglia di cambiare
Per la serie: mollo tutto e ricomincio. In palio: 6 mesi indimenticabili e uno stipendio mica male...
Viaggi
CONDIVIDI
I 10 mercatini di Natale più magici da vedere nelle piazze più belle d'Italia
Oh-Oh-Oh! Lo shopping più atteso dell'anno tra luci e musiche natalizie. Cosa volere di più?
Cervinia
Viaggi
CONDIVIDI
Ami sciare? A Breuil-Cervinia devi andare!
Se sei una fan delle piste innevate, non puoi perderti Breuil-Cervinia
Viaggi
CONDIVIDI
Cosa fare a Capodanno? 8 viaggi per una fuga in grande stile
Ecco alcune idee per viaggi da fare in inverno per staccare davvero la spina e sentirsi dei veri viaggiatori
Viaggi
CONDIVIDI
Queste stupende vetrine di Natale ti scalderanno il cuore
Non si può non innamorarsi delle vetrine natalizie più belle del mondo, da Milano a New York
Viaggi
CONDIVIDI
In fissa con Cortina d'Ampezzo? Hai una missione anche questo inverno 2018
Cortina d'Ampezzo il miglior punto di partenza e di arrivo della stagione fredda. E non solo
Isola di Tavolara
Viaggi
CONDIVIDI
Tavolara sei un miracolo
Una storia enorme, una bellezza incontaminata che mozza il fiato. Fare mea culpa e inserire Tavolara tra i place to be da visitare al più...
Napoli
Viaggi
CONDIVIDI
Quanto è bella l'Italia! 10 posti da visitare almeno una volta nella vita
Il Paese più bello che ci sia (ed è il nostro!)