Castello di Schönbrunn in Austria, dove visse Sissi: tutte le info per una visita

Il Castello di Schönbrunn in Austria deve il suo nome a una fonte d'acqua e fu riserva di caccia dell'Imperatore Massimiliano II: scopri le info per visitarlo.

Più Popolare

Era la riserva di caccia di Massimiliano II, è diventato nei secoli la Versailles degli Asburgo, il palazzo imperiale di Vienna. Il Castello di Schönbrunn è il più famoso e visitato castello di Vienna. La sua splendida facciata, il bellissimo parco e le altre mille attrazioni fanno della reggia di Schönbrunn una delle prime cose da vedere nella capitale austriaca.

Castello di Schönbrunn dove si trova

Residenza estiva degli imperatori asburgici, Schönbrunn oggi è incluso nell'area urbana di Vienna ma un tempo era piuttosto fuori città. Si trova infatti ad Hieltzing, alla periferia occidentale della capitale danubiana. Come arrivare al Castello di Schönbrunn? Con la metropolitana U4, i tram 10 e 60 e l'autobus 10A, che fermano proprio in prossimità dell'ingresso. In auto, basta uscire ad Altmannsdorf sulle autostrade A23 ed A2 e seguire le indicazioni per il castello, oppure seguire le indicazioni per il centro dalla autostrada A1.

Advertisement - Continue Reading Below

Storia del Castello di Schönbrunn

Il Castello di Schönbrunn a Vienna è conosciuto soprattutto per essere stato il castello della principessa Sissi, l'ultima imperatrice d'Austria. In realtà l'area boschiva di Katterburg, dove poi sarebbe sorta la reggia, era stata acquistata tre secoli prima da Massimiliano II, che ne fece la sua riserva di caccia. Il sovrano introdusse nell'area dove oggi sorge il Castello di Schönbrunn uno zoo comprendente soprattutto gallinacei esotici, un elegante giardino ed una prima costruzione. Fu l'imperatore Mattia, nel 1612 a scoprire durante una battuta la cosiddetta «bella fonte» (in tedesco schöner Brunnen), la fonte d'acqua che ha poi dato nome al complesso. Nel corso del XVII secolo il compito di elaborare il progetto di un castello fu affidato all'architetto von Erlach, ma le guerre di successione bloccarono di continuo i lavori. Solo nel 1700, su impulso dell'imperatrice Maria Teresa, il castello vide effettivamente la luce, anche se l'aspetto attuale è dovuto soprattutto agli ampliamenti successivi, terminati nel 1819. Nel corso della II Guerra Mondiale il castello è stato danneggiato dai bombardamenti, ma il restauro completato nel 1952 lo ha riportato all'antico splendore.

Castello di Schönbrunn: appartamento dell'imperatrice Maria Teresa in una stampa del 19 secolo.
Più Popolare

Castello di Schönbrunn, descrizione

L'architetto Pacassi, che si occupò dell'edificazione del castello nel 1700, si preoccupò di seguire pedissequamente i dettami stilistici del Rococò. Fu Maria Teresa, invece, a decidere personalmente gli arredi di ognuna delle stanze e dei saloni della reggia. Complessivamente il Castello di Schönbrunn di stanze ne ha ben 1.441, di cui 390 servivano da residenza alla famiglia reale. Oggi 190 camere sono visitabili.

L'interno del Castello di Schönbrunn

Oltre che come residenza estiva, il castello era stato concepito come luogo di rappresentanza e di incontro per gli Asburgo e i loro ospiti internazionali. Al piano terra sono ubicate le Berglzimmer (gli appartamenti reali) e le sale per intrattenimento e ginnastica, mentre al primo piano sono posti i locali per udienze e cerimonie pubbliche. Bellissima è la Scala Blu, sormontata da un affresco di Sebastiano Ricci. Particolarmente significative la Sala degli Specchi, la Gran Galleria, la Sala delle Cerimonie, la Camera di Napoleone ed il Salone Rosso.

Particolare del parco del Castello di Schönbrunn.

Il parco del Castello di Schönbrunn

Lo splendido parco alla francese è più antico della reggia stessa. È stato infatti realizzato nel 1695 su progetto di Jadot e von Steckhoven, anche se è stato aperto al pubblico solo nel 1779. Si estende da nord a sud per 1 km e da est ad ovest per 1,2 km. Comprende prati, aiuole curatissime, un giardino botanico, uno zoologico, varie fontane, statue, palazzetti, delle rovine romane, una serra delle palme ed un labirinto. Inoltre al suo interno è ubicato un celebre museo di Vienna, il museo delle carrozze.

La Gloriette e Vienna

Sempre all'interno del parco, alla sommità di una collina, è posta la Gloriette, un edificio sormontato da una terrazza panoramica da cui si gode una magnifica vista su Vienna e il Castello di Schönbrunn.

Curiosità sul Castello di Schönbrunn

Il castello di Sissi è una delle principali attrazioni di Vienna. Oltre un milione e mezzo di persone vi si recano in visita ogni anno, mentre oltre 5 milioni visitano il parco. Schönbrunn ed il grande parco sono entrati a far parte nel 1996 della lista dei siti patrimonio dell'umanità UNESCO. Dal 2014 al Castello di Schönbrunn ci si può anche dormire: la Suite, gestita dalla Austria Trend Hotels, consente di soggiornare a quattro persone nel lato est del fabbricato principale.

Castello di Schönbrunn, orari

Il Castello di Schönbrunn è aperto tutti i giorni, anche in quelli festivi. L'ingresso agli appartamenti imperiali è consentito dalle 8 e fino alle 17.30 nel periodo dal 1 aprile al 30 giugno e dall'1 settembre al 5 novembre, fino alle 18.30 dall'1 luglio al 31 agosto, fino alle 17 dall'1 novembre al 31 marzo. I cancelli del parco aprono alle 6.30 e chiudono alle 19 dal 18 settembre al 28 ottobre, alle 20 dal 26 marzo al 7 maggio e dal 7 agosto al 17 settembre, alle 21 dall'8 maggio al 6 agosto ed alle 17.30 dal 29 ottobre al 25 febbraio.

Castello di Schönbrunn, biglietti

L'ingresso al parco è libero. Per visitare il castello si può scegliere invece tra Imperial Tour e Grand Tour. Il primo è un percorso breve che dura 30-40 minuti e che prevede la visita di 22 sale interne. Prezzi: dai 14,20 euro per gli adulti ai 10,50 per ragazzi dai 6 ai 18 anni; i disabili pagano 13,20 euro. Il Grand Tour dura 50-60 minuti e include l'ingresso alle sale settecentesche di Maria Teresa. I prezzi vanno dai 17,50 euro per gli adulti agli 11,50 per i ragazzi, i disabili pagano 16,20 euro.

More from Gioia!:
Viaggi
CONDIVIDI
Il Carnevale di Santhià è colossale: un intero paese in festa e street food a volontà
Ogni anno si rinnova il rituale dei carri e della Colossale Fagiuolata in piazza, con 150 paioli di rame a cuocere sulla legna, mentre la...
Il Carnevale di Sciacca è uno dei più popolari in Sicilia
Viaggi
CONDIVIDI
Il Carnevale di Sciacca in Sicilia è uno spettacolo imperdibile che in pochi conoscono
Le sfilate dei carri sono tra le più originali della Sicilia: grande la partecipazione del pubblico, tanto che si replica anche d'estate
regali-di-natale-viaggi
Viaggi
CONDIVIDI
Le grandi viaggiatrici hanno piani molto precisi per il 2018: le mete imperdibili formato mappa
Viaggiare, non c'è nulla di più bello: dal nuovo Louvre di Abu Dhabi alle spiagge da cartolina di Mauritius e Zanzibar, ecco dove andare...
washington-cosa-vedere
Viaggi
CONDIVIDI
Washington anti Trump, una città in movimento da visitare assolutamente
Un anno fa Donald Trump si insediava al Campidoglio: da allora il movimento di protesta ha dato fermento intellettuale e creativo alla...
Mostre più belle inizio 2018
Viaggi
CONDIVIDI
3 mostre fuori dalle solite mete che valgono il viaggio
Gli appuntamenti d'arte da non perdere non sono solo nelle grandi città: approfittane per prenderti un giorno o un weekend libero
Viaggi
CONDIVIDI
10 laghi italiani straordinari da visitare in giornata per dire "ci sono stato e ci tornerò"
Da Nord a Sud, da Est a Ovest, 10 tappe imperdibili da visitare almeno una volta nella vita
Viaggi
CONDIVIDI
Il lato migliore di Amsterdam: i canali e le house boat e il resto è pura noia
A spasso tra i canali e i ponti di una città che non è mai troppo turistica
Viaggi
CONDIVIDI
Wild Soul OR NOT: the most adventurous winter destinations
Suggerimenti per chi sogna una fuga invernale dalla città, fra natura e relax
Viaggi
CONDIVIDI
In Italia ci sono almeno 10 posti pazzeschi dove sciare e godersi la montagna
Ti piace sciare? Allora che aspetti a partire per una di queste destinazioni?
Viaggi
CONDIVIDI
Londra so british! 10 cose local da visitare assolutamente
Westminster, Piccadilly, Soho, Buckingham Palace: il meglio di London in 10 tappe imperdibili