Parco Sempione: la vera storia del polmone verde di Milano

Dalle origini ai nostri giorni, scopri tutto quello che c'è da sapere su uno dei giardini più cari ai milanesi

Più Popolare

Un polmone verde nel cuore di una delle metropoli più importanti del mondo: Parco Sempione. Un parco a cui i milanesi sono molto legati.

Parco Sempione: la storia

Realizzato a fine Ottocento sull'area già occupata dalla Piazza d'armi, occupa un'area di 386 000 m², completamente cintata e videosorvegliata. Il nome deriva dal corso Sempione, il monumentale asse stradale realizzato in età napoleonica sul tracciato della storica via del Seprio, con la nuova porta Sempione erede dell'antica porta Giovia. Nacque attorno al Castello Sforzesco (che consigliamo di visitare) con gli Sforza che lo ingrandirono fino a farlo diventare delle dimensioni attuali.

Il Castello Sforzesco e il Parco Sempione.
Advertisement - Continue Reading Below

Parco Sempione: cosa vedere al suo interno

Negli ultimi anni tante migliorie sono state apportate al parco dalla amministrazione cittadina. Al suo interno ci sono vari luoghi importanti: Piazza del Cannone a Milano ad esempio è una piazza pedonale sterrata che si trova tra il Castello Sforzesco e il Parco Sempione, e che deve il suo nome a un cannone posto in mezzo alla piazza e rimosso intorno agli anni Cinquanta. Oppure Torre Branca, una costruzione in acciaio situata all'interno del Parco Sempione a Milano. Con i suoi 108,60 metri è la decima struttura accessibile più alta della città. Da non dimenticare poi la Biblioteca di Parco Sempione, nello storico padiglione vetrato progettato da Ico Parisi per la X Triennale di Milano del 1954, la biblioteca riprende le caratteristiche architettoniche di leggerezza e trasparenza anche nell'organizzazione degli spazi interni e nella formazione delle collezioni. A poca distanza dal parco c'è poi l'Arco della Pace, sito proprio all'inizio di Corso Sempione.

Più Popolare

Acquario Parco Sempione

L'Acquario civico di Milano fu istituito nel 1906, nell'ambito dell'Esposizione Internazionale di Milano, ed è l'unico padiglione costruito nel parco Sempione a non essere stato smantellato una volta conclusosi l'evento. È il terzo acquario più antico d'Europa. Posizionato nell'attuale area del Parco Sempione, tra l'Arena Civica e il Castello Sforzesco, in pieno centro, è stato oggetto per tre anni di un lungo restauro che ha riportato l'esterno all'antico splendore e ha completamente rinnovato gli interni con nuove vasche, pur mantenendo l'interesse originale: offrire una dettagliata visione degli ambienti acquatici d'acqua dolce e marini italiani.

Percorso running al parco Sempione

Parco Sempione è anche un ottimo luogo dove poter fare attività sportiva, soprattutto running (all'interno c'è anche un campo da basket fra gli altri) e quindi è molto amato dai runners meneghini. Il percorso del parco Sempione, con partenza dall'ingresso di via Byron, è lungo 3,2 chilometri. In totale, tra indicatori di direzione e distanziometri, i cartelli posati sono 27, lungo tutto il perimetro esterno del parco.

Un momento del concerto di Michael Nyman presso il Parco Sempione a Milano.

Concerti al Parco Sempione

Il parco è spesso teatro di concerti dal vivo (per il programma dei quali è sempre bene consultare il sito ufficiale) che si tengono in una splendida cornice. Inoltre il parco è stato protagonista anche di un noto brano musicale: il gruppo milanese Elio e le Storie Tese con Parco Sempione hanno realizzato questo pezzo che oltre ad essere contraddistinto da un divertente videoclip dove appare anche il noto attore comico Maccio Capatonda critica apertamente la Regione Lombardia per aver raso al suolo il Bosco di Gioia, altro parco molto bello della città.

Orari Parco Sempione

Nei mesi di ottobre/novembre/dicembre/gennaio/febbraio/marzo/aprile: 6.30-21.00. Nel mese di maggio: 6.30-22.00. Nei mesi di giugno/luglio/agosto/settembre 6.30-23.30.

Parco Sempione a Milano: come arrivare

Raggiungere Parco Sempione una volta giunti a Milano è piuttosto semplice essendo ben servito dai mezzi pubblici. Vi si può arrivare con il tram con le linee 1-2-4-12-14-19-27, oppure con il bus prendendo le linee 43-57-61-70-94, oppure con la metro con la linea M1 scendendo alla fermata Cairoli/Cadorna oppure con la linea M2 scendendo alla fermata Cadorna/Lanza.

More from Gioia!:
Mostre più belle inizio 2018
Viaggi
CONDIVIDI
3 mostre fuori dalle solite mete che valgono il viaggio
Gli appuntamenti d'arte da non perdere non sono solo nelle grandi città: approfittane per prenderti un giorno o un weekend libero
Viaggi
CONDIVIDI
10 laghi italiani straordinari da visitare in giornata per dire "ci sono stato e ci tornerò"
Da Nord a Sud, da Est a Ovest, 10 tappe imperdibili da visitare almeno una volta nella vita
Viaggi
CONDIVIDI
Il lato migliore di Amsterdam: i canali e le house boat e il resto è pura noia
A spasso tra i canali e i ponti di una città che non è mai troppo turistica
Viaggi
CONDIVIDI
Wild Soul OR NOT: the most adventurous winter destinations
Suggerimenti per chi sogna una fuga invernale dalla città, fra natura e relax
Viaggi
CONDIVIDI
In Italia ci sono almeno 10 posti pazzeschi dove sciare e godersi la montagna
Ti piace sciare? Allora che aspetti a partire per una di queste destinazioni?
Viaggi
CONDIVIDI
Londra so british! 10 cose local da visitare assolutamente
Westminster, Piccadilly, Soho, Buckingham Palace: il meglio di London in 10 tappe imperdibili
Viaggi
CONDIVIDI
Mercatini di Natale a Bolzano come il Polo Nord di Babbo Natale: a dicembre imperdibili
In Trentino Alto Adige c'è il Christmas time più coinvolgente d'Italia
Viaggi
CONDIVIDI
Sono 3 le mostre imperdibili da vedere in Italia nel 2018
Da Frida Kahlo a Pablo Picasso: se ami l'arte ecco dove devi andare nel 2018
Viaggi
CONDIVIDI
Queste stupende vetrine di Natale ti scalderanno il cuore
Non si può non innamorarsi delle vetrine natalizie più belle del mondo, da Milano a New York
Viaggi
CONDIVIDI
Verona sei bellissima! Cosa vedere in un weekend oltre al balcone di Giulietta restaurato
Quest'inverno nella città veneta ti aspettano Van Gogh multimediale, la mostra su Botero e due chicche speciali