I motivi per cui i castelli della Baviera sono il must per una vacanza romantica

Come nelle favole, tra atmosfere incantate e paesaggi da sogno: se vuoi stupire il tuo lui, questo è il tour giusto!

Più Popolare

Fra i posti da sogno che ci sono in Europa non si può non includere i castelli della Baviera. Questi meravigliosi luoghi del sud della Germania hanno ispirato perfino Walt Disney, che per disegnare quello della Bella Addormentata prese spunto da uno di essi, più precisamente quello di Neuschwanstein, un castello davvero incredibile. Ma conosciamoli meglio. I castelli di Neuschwanstein, Linderhof, Herrenchiemsee, Hohenschwangau e Berg sono veramente da film. Così li ideò Ludwig II di Baviera, conosciuto anche come il Re pazzo. Secondo alcune biografie era un re schizofrenico e tormentato per la sua omosessualità, ma convertì il suo malessere trasformando le sue fantasie in monumenti immortali.

Il castello di Linderhof.
Advertisement - Continue Reading Below

Il Linderhof è il più personale e intimo dei castelli bavaresi: costruito sul perimetro dell'ex residenza di caccia del padre di Ludwig, è una fantasia rococò che cerca di emulare lo splendore dei palazzi Borbonici. All'interno, tavoli di lapislazzuli, tappeti in piume e lampadari in avorio, danno un'idea dei gusti del sovrano. Ancora di più lo fanno i giardini, dove il re passeggiava con l'imperatrice Elisabetta e in cui il monarca fece mettere un chiosco e una casa moresca acquistati al Salone Mondiale di Parigi nel 1867. Ma la cosa più bella di Linderhof è la Grotta Venere, un'insolita caverna fiancheggiata da stalattiti e stalagmiti.

Più Popolare

Passiamo poi al palazzo di Neuschwanstein (la foto è quella in apertura di articolo), uno dei più visitati in Europa e dove il re prese residenza, vero orgoglio di Monaco e dei castelli della Baviera. Si tratta di una reinvenzione delle fortezze feudali del Medioevo, con merli, frontoni e ponti levatoi che hanno ispirato Walt Disney (è infatti chiamato anche Castello Disney per questo). All'esterno, da non perdere la vista dal ponte di Santa Maria, dove la sagoma del castello solitario, circondato da alberi di faggi e castagni, si affaccia molto spesso avvolto in una nebbia malinconica.

La sala degli specchi del castello di Herrenchiemsee.

Il castello di Herrenchiemsee, dove il re si recava per essere isolato dal mondo, è altrettanto suggestivo. Situato su un'isola nel lago Chiemsee, questo castello rappresenta l'ossessione per Versailles. Tutto è sinonimo di opulenza è infatti più costoso di Neuschwanstein e Linderhof insieme, anche senza raggiungere il completamento, e il suo punto di forza è la grande galleria degli specchi, lunga 100 metri. In questo palazzo sono più evidenti le tracce della vita del monarca: il museo raccoglie dipinti, busti, fotografie e vestiti. Quelli che non sono stati progettati dal Ludwig II, ma a loro volta sono collegati con la sua figura e meritano una visita, sono il castello di Hohenschwangau e il castello di Berg. Il primo, costruito da suo padre sulla vecchia fortezza Schwanstein, del XII secolo, fu la residenza del re durante l'adolescenza. La seconda è la scena della sua morte: venne forzatamente trasferito al castello di Berg, un po' più lontano, al confine con il Lussemburgo, dopo che i medici lo dichiararono inabile a governare per infermità mentale. Poco dopo lo trovarono annegato nel lago assieme al suo psichiatra.

Il castello di Hohenschwangau.

Di seguito trovi le informazioni per visitare per questi castelli fiabeschi. Come arrivare? A Monaco, capitale della Baviera, volano le compagnie Lufthansa, Iberia e Air Berlin. L'aeroporto Franz Josef Strauss è collegato alla città con linee ferroviarie.

Quando andare? In inverno potreste trovare la neve, durante l'estate il clima è mite, anche se in questo periodo ci sono molti turisti, soprattutto a Neuschwanstein.

Il castello di Berg.

Come muoversi? Il modo migliore per visitare la Baviera è l'auto. Le principali società di noleggio si trovano presso l'aeroporto di Monaco di Baviera.

Che percorso fare? Maggiori informazioni sul percorso dei castelli di Ludwig II si trovano sul sito www.schloesser.bayern.de. Per Neuschwanstein è consigliabile acquistare i biglietti in anticipo per evitare code. I giardini di Linderhof chiudono in inverno. Sull'isola di Herrenchiemsee è possibile anche noleggiare una carrozza.

More from Gioia!:
Mostre più belle inizio 2018
Viaggi
CONDIVIDI
3 mostre fuori dalle solite mete che valgono il viaggio
Gli appuntamenti d'arte da non perdere non sono solo nelle grandi città: approfittane per prenderti un giorno o un weekend libero
Viaggi
CONDIVIDI
10 laghi italiani straordinari da visitare in giornata per dire "ci sono stato e ci tornerò"
Da Nord a Sud, da Est a Ovest, 10 tappe imperdibili da visitare almeno una volta nella vita
Viaggi
CONDIVIDI
Il lato migliore di Amsterdam: i canali e le house boat e il resto è pura noia
A spasso tra i canali e i ponti di una città che non è mai troppo turistica
Viaggi
CONDIVIDI
Wild Soul OR NOT: the most adventurous winter destinations
Suggerimenti per chi sogna una fuga invernale dalla città, fra natura e relax
Viaggi
CONDIVIDI
In Italia ci sono almeno 10 posti pazzeschi dove sciare e godersi la montagna
Ti piace sciare? Allora che aspetti a partire per una di queste destinazioni?
Viaggi
CONDIVIDI
Londra so british! 10 cose local da visitare assolutamente
Westminster, Piccadilly, Soho, Buckingham Palace: il meglio di London in 10 tappe imperdibili
Viaggi
CONDIVIDI
Mercatini di Natale a Bolzano come il Polo Nord di Babbo Natale: a dicembre imperdibili
In Trentino Alto Adige c'è il Christmas time più coinvolgente d'Italia
Viaggi
CONDIVIDI
Sono 3 le mostre imperdibili da vedere in Italia nel 2018
Da Frida Kahlo a Pablo Picasso: se ami l'arte ecco dove devi andare nel 2018
Viaggi
CONDIVIDI
Queste stupende vetrine di Natale ti scalderanno il cuore
Non si può non innamorarsi delle vetrine natalizie più belle del mondo, da Milano a New York
Viaggi
CONDIVIDI
Verona sei bellissima! Cosa vedere in un weekend oltre al balcone di Giulietta restaurato
Quest'inverno nella città veneta ti aspettano Van Gogh multimediale, la mostra su Botero e due chicche speciali