Doggy bag contro lo spreco alimentare: ma sai cosa sono?

Ora che il Senato ha approvato la legge contro lo spreco alimentare, portarsi a casa gli avanzi del ristorante non deve più essere tabù

In America è una consuetudine, in Cina addirittura è sinonimo di buona educazione, in Francia è un diritto, in Italia? Resta un tabù. Chiedere gli avanzi al ristorante è considerato imbarazzante più che un gesto etico per contrastare lo spreco alimentare. E così le doggy bag sono spesso richieste solo da turisti stranieri o da quel 20 per cento di italiani poco snob (e coraggiosi) che osano chiedere ciò che resta nel piatto. Troppo pochi per poter sperare in un cambiamento della mentalità e della cultura per contribuire attivamente a contrastare lo spreco alimentare anche se la lotta al fenomeno è diventata legge dello Stato nell'agosto 2016, dopo il via libera definitivo del Senato.

E se cominciassimo a portare a casa ciò che non consumiamo al ristorante? Ci hai mai pensato? Ecco 5 curiosità che ti faranno cambiare idea sulle doggy bag e ti convinceranno a chiederne una la prossima volta che vai a cena fuori.

Advertisement - Continue Reading Below

1 I numeri dello spreco alimentare

In Italia ogni anno finiscono tra i rifiuti dai 10 ai 20 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, per un valore di circa 37 miliardi di euro. Cibo che basterebbe a sfamare, secondo la Coldiretti, circa 44 milioni di persone. Secondo l'Osservatorio sugli sprechi, a livello domestico in Italia si sprecano mediamente il 17% dei prodotti ortofrutticoli, il 15% di pesce, il 28% di pasta e pane, il 29% di uova, il 30% di carne e il 32% di latticini. Per una famiglia italiana la perdita è pari a 1.693 euro l'anno.

2 In Francia? La doggy bag diventa legge

In Francia esiste il reato di «spreco alimentare» con la legge che prevede fino a due anni di carcere per chi trasgredisce le regole. Il provvedimento fa parte di un'iniziativa del governo francese per dimezzare entro il 2025 lo spreco alimentare. Dal primo gennaio 2016 è obbligatorio per i ristoranti fornire la doggy bag ai clienti che ne facciano richiesta. In alcuni ristoranti le «doggy bag» sono ribattezzate «gourmet bag» per evitare l'inglese. Nel resto d'Europa? A Berlino esistono in due quartieri frigoriferi pubblici dove lasciare gli avanzi per chi ha bisogno. In Spagna, invece, esistono iniziative per sensibilizzare i cittadini a richiedere le doggy bag.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Cosa succede in Italia?

Il via libero del Senato è arrivato il 1 agosto 2016 dopo il primo sì della Camera a marzo, sei mesi dopo rispetto l'introduzione della normativa francese. La lotta allo spreco alimentare anche in Italia è diventata legge dello Stato. Rispetto alla norma approvata in Francia che fa leva sulla penalizzazione, quella italiana punta sugli incentivi e sulla semplificazione burocratica. Ad esempio, consente la raccolta dei prodotti agricoli che rimangono in campo e la loro cessione a titolo gratuito, oppure la donazione del pane nell'arco delle 24 ore dalla produzione. E, per ridurre gli sprechi alimentari nel settore della ristorazione, vengono permesse le doggy bag.

4 Le origini italiane della doggy bag

Nonostante in Italia sia considerato un sacrilegio, sembra che siano stati i Romani ad avere l'idea della doggy bag: nel sesto secolo si avvolgevano gli avanzi in fazzoletti puliti. Prima del boom economico degli anni '50 non era un tabù portare a casa gli avanzi nemmeno per gli italiani ma questa pratica si è persa con il benessere del Paese.

Advertisement - Continue Reading Below

5 E se lo fanno le celeb...

In America è del tutto normale portare a casa gli avanzi dai ristoranti (anche quelli di lusso), anzi sono gli stessi camerieri a chiedere se i clienti vogliono portare a casa il cibo. Una consuetudine anche tra le celeb come Rihanna o come Michelle Obama, moglie del presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama.

(In foto: la modella James King)

6 L'esperienza italiana

In Italia il ristorante L'Officina dei Sapori a Gubbio ha da settimane creato doggy bag personalizzate per sensibilizzare i clienti a non sprecare il cibo che rimane nel piatto e a portarlo a casa. Queste eco-confezioni sono esteticamente ricercate e realizzate con materiali riciclati, inoltre possono essere riutilizzate più e più volte anche nel microonde. «Un'iniziativa che piace e sta ottenendo ottimi riscontri non solo con i turisti stranieri ma anche con gli italiani» assicurano i proprietari, Giacomo Ramacci e Francesco Palermo.

Advertisement - Continue Reading Below

7 re Box: un'opera d'arte di doggy bag

re Box è molto più di una doggy bag, è un progetto etico ed ecologico nato dal volere di Marco Lei, Daniela Demasi, Alessandro e Vito Viesti della startup Malvida. Nata per la commercializzazione di scatole per l'asporto del cibo avanzato nei ristoranti o per il take away per combattere lo spreco alimentare, è anche un'opera d'arte. Il progetto vuole parlare di cibo anche attraverso il coinvolgimento di creativi e artisti emergenti. Così la doggy bag cambierà il suo aspetto, di volta in volta, diventando una box con soggetti diversi e collezionabili.

Read Next:
REGALI DI NATALE MAMME
Trend
CONDIVIDI
12 regali di Natale per sorprendere la mamma
Non c'è cosa più bella che vedere felice la mamma e con questi pensieri da mettere sotto l'albero l'effetto stupore è garantito
Tania Cagnotto per il progetto Arena Cuffia del Cuore.
Trend
CONDIVIDI
Tania Cagnotto: «Dopo i tuffi, ora ballo»
Volto di un progetto benefico di Arena pro terremotati, dal 21 dicembre l'ex tuffatrice balla in tv in Dance Dance Dance su FoxLife
Trend
CONDIVIDI
16 emoticon che forse usi nel modo sbagliato
Se anche tu come tutti noi usi le emoticon, ecco la guida al significato esatto di 16 "faccine" di cui spesso viene frainteso il significato
giornata-mondiale-diritti-umani
Trend
CONDIVIDI
Diritti umani, una Giornata per difenderli
Il 10 dicembre è la Giornata mondiale dei diritti umani, oggi più che mai importanti: scopri dove e come si celebra in Italia
natale-2016-vip-italiani-albero-di-natale
Trend
CONDIVIDI
Il Natale 2016 dei vip italiani: gli alberi più belli delle star
Da Alessia Marcuzzi a Melissa Satta fino a Elisabetta Canalis, ecco gli alberi di Natale dei vip di casa nostra condivisi su Instagram
frida kahlo ©Lucienne Bloch
Trend
CONDIVIDI
5 cose che non sai su Frida Kahlo, in mostra a Bologna
Scopri tutto quello che c'è da sapere sull'esposizione e le curiosità meno note dell'artista messicana
la rinascente: le vetrine di natale ispirate al teatro alla scala
Trend
CONDIVIDI
Madama Butterfly ispira La Rinascente
Si vestono di kimono e Oriente le vetrine di piazza Duomo dedicate alla Prima della Scala del 7 dicembre 2016
albero-di-natale-dolce-e-gabbana-scala-di-milano-2016
Trend
CONDIVIDI
Alla Prima della Scala l'albero di Natale è D&G
Dolce & Gabbana hanno realizzato un albero ispirato alla tradizione italiana che accoglie gli amanti della lirica alla Scala di Milano
regali di natale 2016 per le amiche
Trend
CONDIVIDI
53 regali di Natale perfetti per le amiche
Dalla gift box per la cura dei capelli ai dolci fino agli accessori, ecco i pensieri che riusciranno a sorprendere le amiche più care
albero di natale pandora milano natale 2016 joy
Trend
CONDIVIDI
Hai un appuntamento con la magia del Natale in piazza Duomo
A Milano il 7 dicembre 2016 alle 16,30 si accende l'immenso albero Joy di Pandora: un evento imperdibile